Топ-100

ⓘ L'enciclopedia libera. Lo sapevi che? pagina 711




                                               

Michi no eki

Una Roadside Station è una stazione di servizio istituita dal governo del Giappone, che si trova lungo le strade e autostrade. Simile ai motel, oltre a fornire ai viaggiatori la possibilità di riposarsi, le stazioni hanno anche lo scopo di pubbli ...

                                               

Misemono

Misemono, "spettacoli" o "esibizioni", furono importanti eventi della cultura giapponese durante il periodo di Edo. Molti spettacoli di questo genere erano improvvisati e assai crudi.

                                               

Mitama

Il termine giapponese mitama si riferisce allo spirito di un kami o allanima di una persona morta. È composto da due personaggi, il primo dei quali, mi, è un semplice titolo onorifico. Il secondo, tama che significa "spirito". La coppia di caratt ...

                                               

Momijigari

Momijigari, parola giapponese formata da momiji, "foglie rosse" o" albero di acero" e da kari, "caccia", indica la tradizione tipica del Giappone di andare a visitare i luoghi in cui le foglie degli alberi divengono rosse in autunno. È detto anch ...

                                               

Momotarō

Secondo la versione più nota del racconto, risalente al periodo Edo, Momotarō venne al mondo dentro una gigantesca pesca, che venne pescata mentre andava alla deriva in un fiume da unanziana donna che non aveva avuto figli e che si era recata al ...

                                               

Mon (emblema)

I mon, o monshō, mondokoro, e kamon, sono gli emblemi giapponesi usati per decorare e identificare un individuo o una famiglia, simili agli stemmi dellaraldica europea. Essi vengono utilizzati inizialmente dai clan di samurai per distinguersi e r ...

                                               

Mushi mezuru himegimi

Mushi mezuru himegimi, o La principessa che amava gli insetti, è una fiaba giapponese del XII secolo, che contribuì a definire la convenzione sociale e vìola il decorum atteso da una signora di corte del periodo Heian. È presente nella raccolta T ...

                                               

Nafudakake

In giapponese, il termine nafudakake si riferisce ad un gruppo di targhette in un dojo di arti marziali giapponesi e altre arti giapponesi con sopra scritti i nomi dei discepoli del dojo, ed anche i loro ranghi. Solitamente, ogni nome è scritto s ...

                                               

Neko café

Un neko café è una caffetteria tematica la cui principale attrazione è quella di permettere ai propri clienti di osservare ed eventualmente giocare con i gatti. A volte i clienti pagano un "diritto di entrata" in aggiunta alle consumazioni effett ...

                                               

Nemawashi

Nemawashi nella cultura giapponese è quel processo informale che silenziosamente sostiene le fondamenta di qualche cambiamento o progetto pianificato, parlando con le persone che se ne occupano, dando loro supporto e consigli, in maniera continua ...

                                               

Ningen

Il Ningen è un criptide gigante comparso recentemente nella cultura giapponese dopo essere stato avvistato da alcuni pescatori nipponici arrivati ai confini delloceano antartico. La parola giapponese ニンゲン ningen tradotta in italiano significa ...

                                               

Ninja

I Ninja erano spie o mercenari del Giappone feudale. Le funzioni del ninja includevano: lo spionaggio, il sabotaggio, linfiltrazione, lassassinio e la guerriglia. I metodi non regolari di combattimento erano ritenuti "disonorevoli" e "inferiori" ...

                                               

Nomikai

Un nomikai è un evento festivo tipico della cultura giapponese durante il quale si consumano alcolici. I nomikai sono parte integrante della società giapponese, e possono essere considerati un aspetto importante del mondo lavorativo, in quanto pr ...

                                               

Noren

I noren sono i tradizionali divisori in tessuto giapponesi che vengono posizionati tra stanze, pareti, porte o finestre. Di solito hanno una o più fessure verticali tagliate dal fondo fino a raggiungere la parte superiore, per consentire un attra ...

                                               

Nyotaimori

Il termine Nyotaimori, letteralmente "servire sul corpo femminile", indica la pratica di mangiare sashimi o sushi dal corpo di una donna, tipicamente nuda. Di origini, è una pratica di feticismo sessuale giapponese, correlata alla sitofilia, diff ...

                                               

Okiagari-koboshi

Okiagari-koboshi o Okiagari-kobōshi è una bambola tradizionale giapponese. Questo giocattolo è fatto di cartapesta ed in modo che, se viene colpito per farlo ribaltare, il suo peso lo riporta sempre in piedi. Okiagari-koboshi è considerato un por ...

                                               

Onomastica giapponese

Nell onomastica giapponese i nomi propri sono composti da un cognome seguito da un nome proprio di persona. Tuttavia è solo nel 1898, in seguito al rinnovamento Meiji, che tutti i giapponesi sono stati obbligati a dotarsi di cognome; prima il cog ...

                                               

Oshibori

L oshibori è un asciugamano umido che viene offerto ai clienti di ristoranti e locali giapponesi e cinesi. Viene usato per pulirsi le mani prima di mangiare o durante il pasto senza alzarsi da tavola.

                                               

Otowa Yurikago Kai

Otowa Yurikago Kai è un coro di voci bianche giapponese, fondato nel 1933. Prende il nome da Otowa-cho, un luogo a Bunkyō, dove è stato fondato, Yurikago, una parola giapponese per ninna nanna, e Kai, che significa associazione, gruppo. Il coro è ...

                                               

Paesaggio in prestito

Il paesaggio in prestito è una tecnica paesaggistica tipica dei giardini orientali cinesi e giapponesi, che consiste nellincorporare elementi esterni del paesaggio allinterno della composizione di un giardino. La parola si scrive 借景 e si pronun ...

                                               

Premio Otaka

Il premio Otaka è un premio conferito annualmente ad un compositore giapponese per la migliore composizione orchestrale. La NHK Symphony Orchestra provvede a ricompensare direttamente lartista, ed il titolo è considerato un vero prestigio. Fra i ...

                                               

Evi Zamperini Pucci

Evelina Pucci nasce a Trapani da Stefano 1895-1955 - ufficiale pilota decorato al valore durante la Prima guerra mondiale, avvocato e in seguito, dal 1932 al 1933, Segretario federale del Partito Nazionale Fascista di Trapani - e da Sara Laudicin ...

                                               

Radio taisō

Radio taisō è un termine che si riferisce alla ginnastica ritmica, popolare in Giappone, trasmessa attraverso programmi musicali dalla NHK Radio la mattina presto.

                                               

Raigō

Un raigō è la forma dellAmida Buddha quando esso appare durante i funerali. Ha dato fondamento a un particolare tipo di pittura giapponese del Buddha accompagnato da bodhisattva. Come un rituale, questo tipo di dipinto è portato dentro la casa da ...

                                               

Rokurokubi (favola)

Rokurokubi è una favola della raccolta Kwaidan: Stories and Studies of Strange Things di Lafcadio Hearn e presenta il mostro omonimo.

                                               

Sarubobo

Un sarubobo è un amuleto giapponese, solitamente associato con la città di Takayama nella Prefettura di Gifu. I Sarubobo sono bamboline dalla forma umana e di colore rosso, privi di volto, costruite in più formati e misure. Tradizionalmente, i sa ...

                                               

Seiza

Seiza è il termine giapponese per indicare la posizione seduta tradizionale. Generalmente, per sedersi correttamente, il ginocchio sinistro deve essere posato a terra per primo, seguito dal destro e dai glutei, che infine appoggiano sui talloni. ...

                                               

Seppuku

Il seppuku "taglia ventre" è anche conosciuto come harakiri 腹切り?, "ventre taglio" che è scritto con lo stesso kanji ma in ordine inverso, con un okurigana. In giapponese il termine più formale seppuku, una lettura cinese onyomi, è usato di sol ...

                                               

Shibari

Lo shibari, o kinbaku, è una disciplina giapponese che consiste nel legare una persona in un contesto erotico. Si è evoluta dalle tecniche dellhojōjutsu, unarte marziale nata per immobilizzare i prigionieri di guerra. Pur essendo nata come pratic ...

                                               

Shinjū

Shinjū è un vocabolo giapponese che significa "doppio suicidio". Nel linguaggio comune, il vocabolo è usato per indicare qualsiasi tipo di suicidio che avviene simultaneamente fra persone legate da vincoli affettivi, di solito amanti, o coniugi, ...

                                               

Shinrin-yoku

Shinrin-yoku è un termine della lingua giapponese che indica un particolare metodo della medicina giapponese comparabile allaromaterapia, diffusosi in Giappone nel corso degli anni ottanta.

                                               

Shiritori

Lo shiritori è un semplice gioco verbale comune in Giappone come passatempo. Normalmente, ma non necessariamente, viene praticato a coppie, e consiste nel dire una parola che inizi con la stessa sillaba con cui finisce la parola detta dallavversa ...

                                               

Shishi odoshi

Shishi odoshi designa una categoria di dispositivi atti ad allontanare gli animali dalle coltivazioni. Il più noto è il Sōzu che, soprattutto in occidente, viene spesso definito shishi odoshi mentre in Giappone con questultimo termine si definisc ...

                                               

Shōtengai

Uno shōtengai è una specie di centro commerciale tipico del Giappone. È il luogo dedicato agli acquisti di generi alimentari, allo shopping, alla ristorazione, allintrattenimento ed altre attività sociali. Rappresenta anche un punto di ritrovo pe ...

                                               

Shūgi-bukuro

Uno shūgi-bukuro è una particolare busta usata per donare denaro agli sposi in Giappone, secondo pratica assai comune. Il donatore inserisce la propria banconota dentro uno shūgi-bukuro su cui gli sposi hanno scritto i propri nomi. Lo shūgi-bukur ...

                                               

Shūshin koyō

Shūshin koyō è uno dei principi fondamentali che stavano alla base del sistema lavorativo in Giappone, equiparabile al concetto di lavoro a tempo indeterminato in altri paesi. Tale pratica, molto comune nel periodo che va dalla prima guerra mondi ...

                                               

Sonnō jōi

Il sonnō jōi è unespressione usata in Giappone nei primi anni dell800 dai membri della scuola di Mito in rappresentazione dei loro sentimenti anti-shōgunali. Il movimento invocava infatti la restaurazione del potere imperiale e, al tempo stesso, ...

                                               

Sony timer

Il Sony timer, oppure Sony kill switch, è una leggenda metropolitana diffusa prevalentemente in Giappone, ma nel corso del tempo divenuta nota anche nella civiltà occidentale. Secondo tale leggenda, la maggior parte dei dispositivi elettronici pr ...

                                               

Strumenti dilluminazione tradizionali del Giappone

L andon è una lampada costituita da un telaio di bambù, legno o metallo su cui viene teso un foglio di carta di riso per proteggere la fiamma dal vento. Il combustibile, conservato in un recipiente di pietra o ceramica con uno stoppino di cotone, ...

                                               

Suffissi onorifici giapponesi

La lingua giapponese utilizza una vasta gamma di suffissi onorifici per riferirsi alle persone, per esempio il "-san". Questi suffissi sono spesso neutri, ma alcuni vengono usati per un contesto femminile mentre altri indicano un contesto maschil ...

                                               

Suicidio in Giappone

Il suicidio in Giappone, data lalta incidenza tra la popolazione, è considerato uno dei maggiori problemi del Paese. Tra le maggiori cause che spingono i giapponesi a togliersi la vita così frequentemente sono state individuate la disoccupazione ...

                                               

Suikinkutsu

Il suikinkutsu è un tipo di ornamento da giardino e al contempo uno strumento musicale. Consiste in una cavità scavata nella roccia parzialmente riempita dacqua, con un foro nella parte superiore, tradizionalmente posta a fianco del chozubaki, un ...

                                               

Sukeban

Il termine sukeban indica le bande femminili in voga in Giappone negli anni settanta. È una crasi delle parole suke e banchō, e si riferisce solamente alle leader delle gang.

                                               

Sumata

Il sumata è una forma di stimolazione sessuale eseguita da donne sui clienti maschi massaggiandone il pene con le mani, cosce o grandi labbra. Lo scopo è stimolarne leiaculazione senza penetrazione vaginale. Questa attività è nata per eludere la ...

                                               

Tabagismo in Giappone

Il tabagismo in Giappone, benché storicamente meno ristretto dalla legge che in molte altre nazioni, è cambiato significativamente negli ultimi anni. Il consumo di tabacco è in quasi costante declino dal 1996 e questo fenomeno è andato principalm ...

                                               

Taro e Jiro

Taro e Jiro sono stati due cani da slitta, fratelli e coetanei, di razza Sakhalin Husky, impiegati presso la base antartica giapponese. Sono divenuti celebri perché, dopo essere stati abbandonati, sono riusciti a sopravvivere alle rigide temperat ...

                                               

Tejime

Il termine Tejime, anche detto teuchi, si riferisce ad una modo di applaudire tipico giapponese accompagnato da esclamazioni di entusiasmo e utilizzato alla fine degli incontri tra uomini di affari oppure dopo le cerimonie, come auspicio di un fu ...

                                               

Teru bōzu

Il teru bōzu o teru bōzu è una bambola tradizionale del folklore giapponese. È fatta di carta o stoffa di colore bianco ed è tradizionalmente diffusa in ambiente rurale, dove veniva appesa dai contadini fuori dalla finestra. La bambola fungeva da ...

                                               

Toilette in Giappone

Le toilette in Giappone rivestono un importante ruolo allinterno della cultura del Paese, ove la pulizia e ligiene sono equiparate a qualità come la bellezza e lordine: nelle piccole abitazioni giapponesi la stanza della toilette è una delle poch ...

                                               

Toire no Hanako-san (folclore)

Hanako-san è un personaggio del folclore giapponese nonché di una leggenda metropolitana molto popolare tra i bambini e gli adolescenti. Questultima narra di una bambina di nome Hanako il cui fantasma infesterebbe le toilette delle scuole giappon ...