Топ-100
Indietro

ⓘ Coca-Cola. La Coca-Cola è una bevanda industriale analcolica di tipo bibita. Con lo stesso nome viene spesso indicata anche la casa produttrice della bevanda, T ..




                                               

The Coca-Cola Company

The Coca-Cola Company è una delle più grandi aziende produttrici e distributrici di bevande analcoliche e concentrati di sciroppi a livello mondiale. È più conosciuta con il nome del suo prodotto originario, la Coca-Cola. La sede è ad Atlanta, negli Stati Uniti dAmerica, quotata alla Borsa di New York con la sigla "KO" e fa parte sia dellindice Dow Jones sia dello S&P 500. La bevanda da cui trae il nome, Coca-Cola, fu inventata dal farmacista John Stith Pemberton, nel 1886. Secondo il Rapporto annuale del 2005, la società vende più di 400 diversi tipi di bevande in più di 200 paesi e t ...

                                               

Coca-Cola Citra

Coca-Cola Citra è una bevanda prodotta dalla Coca-Cola Company. È distribuita in Messico, in Nuova Zelanda ed in Giappone in formati da 1.5lt, 500ml e 300ml.

                                               

Coca-Cola HBC

La Coca-Cola Hellenic Bottling Company S.A. è una società svizzera che opera nel settore alimentare. È quotata sia alla Borsa di Londra che alla Borsa di Atene ed è presente con i propri stabilimenti in 28 paesi. Produce bibite carbonate e non, acqua, succhi, sport & energy drinks e preparati per bevande istantanee. In particolare è la licenziataria di The Coca-Cola Company per la fabbricazione di prodotti finiti, in lattine e bottiglie, per quanto riguarda il mercato dItalia, Armenia, Austria, Bielorussia, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria ...

                                               

Coca-Cola Light

La Coca-Cola Light è una versione della Coca-Cola senza zucchero e senza calorie, conosciuta negli Stati Uniti dAmerica e in altri paesi anglosassoni con il marchio Diet Coke, nel Québec canadese come Coke Diète e in Giappone come No Calorie Coca-Cola. Introdotta in Italia nel 1983 con il marchio Diet Coke, prende il nome Coca-Cola Light nel 1991; dal 2007 è disponibile un’ulteriore versione, che parrebbe essere stata creata per i consumatori maschili, dal nome di Coca-Cola Zero.

                                               

Coca-Cola bianca

La Coca-Cola bianca era il soprannome con il quale era conosciuta una versione chiara della Coca-Cola prodotta negli anni quaranta su richiesta del Maresciallo dellUnione Sovietica Georgij Konstantinovič Žukov.

Coca-Cola
                                     

ⓘ Coca-Cola

La Coca-Cola è una bevanda industriale analcolica di tipo bibita.

Con lo stesso nome viene spesso indicata anche la casa produttrice della bevanda, The Coca-Cola Company.

                                     

1. Storia del prodotto

La Coca-Cola fu inventata dal farmacista statunitense John Stith Pemberton l8 maggio 1886 ad Atlanta, Georgia, inizialmente come rimedio per il mal di testa e per la stanchezza. Il primo nome che venne dato alla bevanda fu "Pembertons French Wine Coca". Quella di Pemberton era una variazione del cosiddetto "vino di coca" o Vin Mariani, una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando era stata creata dal farmacista còrso Angelo Mariani.

Lalcol venne in seguito sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Dalluso combinato dei due ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome attuale. Quando anche la coca venne bandita dalla pianta si estrae infatti la cocaina, venne scartato lalcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola in noci continuò a essere utilizzata.

Nonostante la scoperta, Pemberton accumulò forti debiti e per 2 300 dollari vendette formula e diritti della Coca-Cola ad Asa Candler, uomo daffari che aveva intuito il potenziale della bevanda e compreso limportanza della pubblicità per diffonderla e per sbaragliare la concorrenza. Dopo la quotazione in borsa dellazienda nel 1919, la Coca-Cola cominciò la sua diffusione mondiale negli anni venti, trasformandosi in un business di grandi dimensioni, gestito dalla The Coca-Cola Company con sede a New York, e che comprende ulteriori bibite meglio note col nome di bevande gassate come la Fanta e la Sprite.

Nel 1927 la Coca-Cola viene importata in Italia. Nel 1960 comparve la prima Coca-Cola in lattina, mentre nel 1980 anche quella in bottiglia PET. La bibita è disponibile nella maggioranza dei luoghi di ristorazione del mondo ed è la bevanda per eccellenza nei fast food. Il marchio è stato più volte indicato da numerose ricerche come il più conosciuto al mondo. La maggior rivale della Coca-Cola è la Pepsi, ma ne esistono moltissime imitazioni.

La Coca-Cola vanta diversi luoghi legati interamente al marchio, tra i quali un museo ad Atlanta, sede della compagnia, e alcuni negozi di merchandising, i World of Coca-Cola di New York e Las Vegas. Tra il 2013 e il 2015, in seno al progetto 5by20, migliorare le condizioni di 5 milioni di donne nel mondo entro il 2020, aprirà in 20 paesi 2 000 eco-chioschi per fornire acqua potabile, elettricità, farmaci e internet gratis in risposta alle accuse di pubblicità ingannevole e dellaumento dellobesità, soprattutto quella infantile. A gestire questi chioschi saranno donne o piccoli imprenditori locali di Africa, Asia, Sud America e Nord America.

                                     

1.1. Storia del prodotto Aromi 7X

La bevanda contiene un aroma denominato "7X" o anche "merchandise #7", ossia aroma numero 7: si tratta di estratti dalle foglie della pianta di coca, privati delle sostanze alcaloidi psicotrope. Le foglie della qualità Eritroxylum novogranatense, coltivate legalmente in Perù, sono poi esportate in New Jersey, dove la Stepan Company, sotto legida dellente antinarcotici statunitense DEA, provvede a ottenere lestratto aromatico decocainizzato, la cui produzione è interamente acquistata dalla The Coca-Cola Company.

I partner imbottigliatori sono controllati dalle sedi Coca-Cola di riferimento per il territorio e ammontano a circa 250 al mondo.

                                     

1.2. Storia del prodotto Logo

Il celebre logo della Coca-Cola fu creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dellazienda, Frank Mason Robinson, che fece solo alcuni piccoli ritocchi alla scritta, utilizzando come base il carattere Spencerian Script, che in quel tempo, negli Stati Uniti era fra i più comuni e utilizzati.

Si lega a questo logo una leggenda metropolitana che si è diffusa piuttosto rapidamente nel mondo: sembra che osservando la scritta Coca-Cola allo specchio sia possibile interpretare limmagine come una frase in lingua araba che recherebbe un messaggio contro la cultura islamica, "No a Maometto, No alla Mecca, no alle preghiere". In realtà è improbabile che al momento della creazione di questo logo, quando ancora non esisteva la multinazionale The Coca-Cola Company e nessuno si sarebbe aspettato il successo a livello mondiale che la bevanda avrebbe riscosso, si pensasse di inserire un simile messaggio allinterno del celebre logo. Anche il Grand Mufti Sheik Nasser Farid Wassel, importante figura religiosa egiziana, ha commentato questi fatti facendo notare come questo marchio fu scritto in caratteri latini e non arabici più di un secolo fa; è dunque una voce che ha soltanto danneggiato la multinazionale, con un forte calo delle vendite registrato in alcuni paesi islamici.

Per il 100º anniversario della Coca-Cola, nel 1986 è stato creato in Cile, sul fianco di una montagna, il più grande logo Coca-Cola del mondo. Sono state utilizzate circa 70 000 bottiglie di Coca-Cola e la scritta risulta di circa 30 per 120 metri. Nel 2011 la scritta è stata rinnovata per il 125º anniversario.



                                     

1.3. Storia del prodotto Design del contenitore

La Coca-Cola è famosa per i particolari contenitori che la rendono facilmente distinguibile rispetto alle altre confezioni di bevande analcoliche; in particolare, le frequenti variazioni promozionali nella decorazione delle lattine in presenza di eventi, come il Natale o eventi sponsorizzati dalla bevanda, hanno reso queste ultime oggetto di collezionismo. Le bottiglie contour, comparse nel 1916, hanno una forma particolare con marchio registrato, probabilmente ispirata alle curve anatomiche dellattrice Mae West che indossava il particolare abito aderente detto hobble skirt.

Il design del prototipo è stato ideato nel 1915 da Earl R. Dean, della Root Glass Company di Terre Haute, Indiana, che potrebbe essersi ispirato alla forma di un baccello di cacao. Il prototipo venne scartato perché inadatto alle macchine imbottigliatrici; tuttavia ispirò le forme della bottiglia definitiva che entrò in produzione nel 1916. Bottiglie similari, prima in vetro e poi in PET, sono state utilizzate anche dalla concorrente Pepsi, ma dalla forma significativamente diversa per non violare il copyright della Coca-Cola Corporation.

                                     

1.4. Storia del prodotto Slogan pubblicitari

Agenzia pubblicitaria storica della Coca Cola è stata la DArcy, che ne curò la pubblicità dal 1906 al 1954 e che ebbe lidea di impiegare Babbo Natale come testimonial natalizio a partire dal 1931.

                                     

2. Produzione

La ricetta completa o anche solo una parte di essa della Coca-Cola non è mai stata rivelata in modo ufficiale. È sicuramente cambiata più volte nel tempo, per allinearsi alle legislazioni nazionali dei vari paesi in cui viene prodotta e/o commercializzata; la formula viene quindi modificata in base al progresso di società e cultura, non esente da tagli dei costi di produzione, a partire dagli anni novanta.

Distribuzione

Coca-Cola Company fa produrre la bevanda a fornitori imbottigliatori, unici per un determinato territorio, che ricevono lo sciroppo prodotto unicamente dalla casa madre al fine di diluirlo con acqua gassata secondo una prefissata proporzione, per poi procedere al confezionamento. La ricetta dello sciroppo è segretissima, conosciuta solo da pochissime persone.

Con questa modalità la società può distribuire il prodotto in tutto il mondo, preservando uniformità di gusto e assicurando freschezza.

                                     

3. Composizione

La composizione viene indicata sulletichetta della bevanda. Gli ingredienti sono elencati in ordine di peso, tuttavia la Coca Cola Company, come la maggior parte delle aziende alimentari, non ha reso pubbliche le proporzioni esatte degli ingredienti né la ricetta.

  • Colorante E150d caramello solfito ammoniacale
  • Zucchero solitamente sciroppo di glucosio, ma diversi dolcificanti possono essere utilizzati nelle versioni dietetiche o in altre
  • Caffeina 100 mg/l quantità variabile in versioni dietetiche o altre
  • Acqua
  • Acido fosforico
  • Anidride carbonica
  • Aromi naturali tra i quali è presente lestratto di foglie di coca prodotto dalla Stepan Company
                                     

4.1. Critiche Sindacati e simili

La Coca-Cola ha ricevuto critiche per il mancato rispetto di norme igieniche nelle fasi produttive e comportamenti antisindacali in Colombia, dove addirittura, secondo i sindacati, ha ispirato una campagna di terrore attuata da squadre della morte per spaventare, uccidere e sequestrare sindacalisti e lavoratori sindacalizzati, come riporta un articolo del 2001. La Coca-Cola si è difesa affermando che altre società gestiscono gli impianti colombiani, sulle cui scelte la multinazionale non ha responsabilità. È stato affermato anche che la multinazionale ha responsabilità indiretta per lassassinio del sindacalista Isidro Segundo Gil, avvenuto alla fine del 1996. e altrove, parlando della repressione attuata dai paramilitari, è scritto: "Otto omicidi, innumerevoli sequestri, aggressioni, trasferimenti forzati, montature giudiziarie e minacce". Circa i comportamenti antisindacali, SINALTRAINAL ha detto: "Se un lavoratore parla con un lavoratore sindacalizzato limpresa gli sospende il contratto": infatti la Coca-Cola viene accusata di isolare e di costringere a rinunciare alle convenzioni lavorative collettive i lavoratori a tempo indeterminato non sindacalizzati, come il primo dei due della citazione.

I critici della Coca Cola sono a volte accusati dallazienda di muoversi da posizioni ideologiche secondo logiche anti-imperialistiche e anti-globalizzazione. Secondo una classifica di Behind the Brands, la Coca Cola Company per quanto riguarda linteresse nei confronti della terra e delle comunità che vi abitano riceve una votazione di 2/10 per le donne 5/10, per i produttori agricoli 3/10, per i braccianti agricoli 6/10, per il cambiamento climatico 6/10, per la trasparenza 5/10 e per lacqua 5/10, con un punteggio totale di 46 su 100.



                                     

4.2. Critiche Aspetti medici

Dopo diverse pressioni effettuate dallassociazione a tutela dei consumatori Center for Science in the Public Interest, che ha avviato una petizione rivolta alla Food and Drug Administration per vietare alcuni coloranti E150d oppure 4-MEI o 4-MI cancerogeni presenti nella Coca-Cola, la società multinazionale ha deciso di cambiare ricetta ma solo in California dove è stato denunciato il fatto.

La bevanda contiene acido fosforico che le conferisce un valore di pH di circa 2.4, compreso tra quello del succo gastrico pH 1.5 e quello dellaceto pH 3.0, il pH della bevanda non risulta particolarmente dannoso a livello gastrico in quanto il pH dello stomaco raggiunge normalmente valori inferiori, da 1 a 2.

La Coca Cola Company ha sempre mantenuto il riserbo sullelenco degli ingredienti: tra le motivazioni addotte dellazienda, una è quella che gli stessi sono già per legge presenti in etichetta, anche se non è resa pubblica, dal momento che la legge non lo richiede, lesatta composizione delle sostanze aromatizzanti che vengono invece comprese sotto la generica indicazione di legge di "aromi naturali".

Nel maggio 2006 lo stato della California ha accusato la The Coca-Cola Company di aver importato dal Messico e distribuito per almeno quattro anni bottiglie con alto contenuto di piombo nella vernice delle etichette. Lazienda ha respinto le accuse, a differenza della Pepsi, che per unaccusa analoga risalente ad alcune settimane prima preferì pagare una multa da 2.25 milioni di dollari e ritirare dal mercato le confezioni sospette.

                                     

4.3. Critiche Azioni contro la Coca Cola

Il sindacato SINALTRAINAL, per accertare le responsabilità degli esecutori e dei mandanti delle violazioni dei diritti umani e dei crimini e condannarli, per ottenere una politica aziendale che dia condizioni corrette ai lavoratori e che permetta lattività sindacale, e per avere un risarcimento dei danni, ha fatto partire una compagna di boicottaggio, la Stop Killer Coke, lanciata nel 2005.

                                     

5. Curiosità

  • Lo slogan di una delle prime campagne Coca-Cola era La pausa che rinfresca ; in Giappone dovette essere cambiato in Il momento che rinfresca poiché a Tokyo il concetto di pausa ha un valore negativo.
  • Alcuni ritengono che la Coca-Cola Company sia famosa anche per aver dato il caratteristico colore rosso al costume di Babbo Natale, ma in realtà la leggenda di Babbo Natale, la cui barba era lunga e bianca, sarebbe da ricollegarla a San Nicola protettore dei bambini, divenuto in seguito Santa Claus. Secondo alcune fonti, il costume di Santa Claus sarebbe divenuto rosso solo dopo che, negli anni 30, lazienda lo usò per la sua pubblicità natalizia, e lo vestì in bianco e rosso, come appunto la scritta della sua famosa bibita, ma questa versione viene smentita da preesistenti documentazioni iconografiche che riportano quasi integralmente labbigliamento "moderno" di Santa Claus.
  • Il semplice sciroppo di Coca-Cola era venduto come medicinale nelle drogherie in tutti gli Stati Uniti e può ancora essere acquistato in alcune farmacie di Atlanta al prezzo di 1 dollaro per oncia.
  • Negli anni sessanta i Beatles accettarono di diventare testimonial della Coca-Cola; si giunse quasi a firmare un contratto per fargli cantare le pubblicità, ma il prezzo richiesto sembrò troppo alto e Woodruff lallora presidente della Coca-Cola Company mandò tutto a monte.