Топ-100
Indietro

ⓘ Antonio Sema. Figlio del senatore comunista Paolo Sema 1915-2007, partigiano e fondatore dellistituto Livio Saranz, e nipote dellomonimo Antonio Sema, fondatore ..




                                     

ⓘ Antonio Sema

Figlio del senatore comunista Paolo Sema 1915-2007, partigiano e fondatore dellistituto "Livio Saranz", e nipote dellomonimo Antonio Sema, fondatore e preside del liceo italiano di Pirano, fu un attivista del PCI.

Negli anni della "contestazione", fu infermiere e dottore di ricerca in storia nelluniversità di Milano, nonché professore di italiano e storia di scuola media e superiore a Paularo, Gemona e a Cividale del Friuli.

I suoi studi storico-militari hanno riguardato in particolare la storia della prima guerra mondiale sul fronte dellIsonzo, visto anche dalla parte austriaca, e gli aspetti sociali e culturali della vita in trincea e dellimpatto della guerra sulla popolazione civile, contribuendo ad una profonda revisione degli studi del settore. Ha dato inoltre un contributo determinante alla revisione dei musei di guerra del Trentino e del Friuli v. bibliografia, alla catalogazione dei documenti e degli altri beni culturali del Museo de Henriquez. Personaggio molto noto nella vita culturale di Trieste, è stato ricordato dal 2008 con il premio "Antonio Sema" dellassociazione "èStoria", che gestisce lomonimo festival internazionale della storia a Gorizia, un concorso per la scuola con il patrocinio del Ministero dellistruzione, delluniversità e della ricerca.

È stato membro del "Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari" ed ha collaborato con diverse musei, centri di ricerca e riviste nellambito della storia militare del ministero della difesa, "Istituto regionale per la cultura istriano-fiumano-dalmata" di Trieste "IRCI" e riviste Qualestoria, Rivista di storia contemporanea, Passato e presente). È stato inoltre membro del comitato scientifico della rivista di geopolitica Limes sulla quale ha pubblicato saggi sulle guerre nellex-Jugoslavia e in Iraq. Ha diretto la collana Le guerre. Storie di uomini, armi, atti di forza della Libreria editrice goriziana.

                                     

1.1. Opere Monografie

  • Soldati e prostitute. Il caso della Terza Armata, Rossato editore, Novale 1999 ISBN 88-8130-067-2;
  • La grande guerra sul fronte dellIsonzo. Volume I. Dagli inizi del conflitto alla conquista di Gorizia, Liberia Editrice Goriziana, Gorizia 1995 ISBN 88-86928-13-0 scheda sul sito della casa editrice; Volume II - tomo I. Dalla settima allundicesima offensiva, Liberia Editrice Goriziana, Gorizia 1997 ISBN 88-86928-10-6 scheda sul sito della casa editrice; Volume II - tomo II, La dodicesima offensiva, Liberia Editrice Goriziana, Gorizia 1997 ISBN 88-86928-14-9 scheda sul sito della casa editrice. Dopo questa prima edizione, lopera è stata ripubblicata in volume unico dalla medesima casa editrice nel 2009 ISBN 978-88-6102-031-3 scheda sul sito della casa editrice.
  • Caporetto. Il mondo capovolto, Edizioni della Laguna, Monfalcone 1990 ISBN 88-85296-03-3.
  • Piume a Nord Est. I bersaglieri sul fronte dellIsonzo 1915-1917, Libreria Editrice Goriziana, Gorizia 1997 ISBN 88-86928-03-3 scheda sul sito della casa editrice.
                                     

1.2. Opere Articoli su riviste e opere collettive storia militare

1982:

  • "Enzo Biagi e la seconda guerra mondiale come storia di uomini", in Passato e Presente, n.2, 1982, pp. 87–99.

1986:

  • "Le celebrazioni della vittoria", in Qualestoria, nn.1-2, 1986, pp. 176–188.

1987:

  • "Aquile, piccioni e talpe: analogie e metafore del bombardamento aereo con finalità antiterroristiche", in Qualestoria, n.1, 1987, pp. 37–59;
  • "Resistenza e seconda guerra mondiale", pp. 111–115;
  • "Stalingrado", pp. 655–658;
  • "San Marco, Divisione", pp. 342–343;
  • In Enciclopedia dellantifascismo e della Resistenza, La Pietra, Milano, 1987
  • "Strategia", pp. 705–705;
  • "Russia, Campagna di", pp. 292–295;
  • "Salerno, Sbarco di", pp. 315–317;
  • "Sabotaggio", pp. 300–301;
  • "Riparazioni di guerra", pp. 187–188;
  • volume V, le voci
  • "Tobruk".
  • volume VI, le voci
  • "Tattica";
  • "Tojo, Hideki";
  • "La cultura dellesercito", in AA.VV., Cultura e società negli anni del fascismo, Cordani, Milano 1987, pp. 91–116.

1989:

  • "Stampa, truppa, città: il caso di Udine 1895-1915", in AA.VV., Esercito e città dallUnità agli anni trenta, Perugia 1989, pp. 597–615;
  • "1914-1934: guerra e politica militare secondo Mussolini" e "Pensiero militare e fascistizzazione delle forze armate", in Virgilio Ilari e Antonio Sema a cura di, Marte in orbace. Guerra, esercito e milizia nella concezione fascista della nazione, Casa editrice Nuove ricerche, Ancona 1989, pp. 15–189;
  • "Il Friuli nella Grande Guerra: appunti per una storiografia regionale", in Rivista di Storia Contemporanea, n.3, 1989, pp. 409–431.

1991:

  • "Cose piccole e Piccole Cose. Momenti e concetti della propaganda di guerra italiana nel primo conflitto mondiale", in AA.VV., LArma della persuasione. Parole e immagini di propaganda nella Grande Guerra, Edizioni della Laguna & Cooperativa Mit, Gorizia 1991, pp. 41–71.

1992

  • "Regio esercito italiano a Trieste. Gli anni di guerra", in Annamaria Vinci a cura di, Trieste in guerra. Gli anni 1938-1943, in I Quaderni di Qualestoria, n.1, 1992, pp. 151–186;
  • "Civili, militari e colera in Friuli, 1915-1916", in Rivista di storia contemporanea, n.1, 1992, p. 109-142.
  • "Guerra in Jugoslavia: Analisi di un conflitto", in Fulvio Molinari a cura di, Jugoslavia dentro la guerra, Editrice Goriziana, Gorizia 1992, pp. 129–201;

1994:

  • "Lirredentismo armato: volontari garibaldini e società di tiro al bersaglio", in Quaderni giuliani di storia, Anno XV, n.1º gennaio-giugno 1994, pp. 89–100;
  • "The Blackshirts", in Jack Greene, Alessandro Massignani, Rommels North Africa Campaign, Combined Books, Pennsylvania, U.S.A. 1994, pp. 39–92.

1995:

  • Presentazione del libro "Gli ufficiali della monarchia asburgica. Oltre il nazionalismo", in Società Triestina di Cultura Maria Theresia. Atti delle conferenze, II volume, Edizioni La Chiusa, Chiusaforte 1995, pp. 83–101;
  • "La fase finale della guerra tra Adriatico e Balcani", in Piero Spirito, Roberto Spazzali a cura di, Laltra resistenza. La guerra di liberazione a Trieste e nella Venezia Giulia, OTE Il Piccolo, Trieste 1995;

1997:

  • "Le navi degli storiografi le storie di un passato poco gentile", in Istria. Fiume. Dalmazia. Tempi & Cultura, n.1, 1996-97, pp. 5–15.
  • "XIX-XX Secolo", in Franco Stener a cura di, Rovigno dIstria, volume I, Edizioni Famia Ruvignisa, Trieste, 1997, pp. 129–143.
  • "Storie di commissioni", in Istria. Fiume. Dalmazia. Tempi & Cultura, n., 1997, pp. 47–49;

1998:

  • "Carlo Petitti di Roreto", p. 143;
  • In AA.VV., Trieste 1900-1999. Centanni di storia, secondo volume 1915-1922, Publisport Srl., Trieste, 1998, le voci
  • "Triestini e giuliani al fronte", p. 95;
  • "Gli Stati Uniti e certe premesse inculturali nella definizione dei confini italo-jugoslavi: una proposta di lettura della ricerca di Daniela Rossini sullInquiry", in Istria. Fiume. Dalmazia. Tempi & Cultura, n.3, 1997-98, pp. 17–21
  • "Trieste e la nascita del comunismo", p. 237;
  • "Bombe e cannoni: Trieste in guerra", pp. 36–37;
  • "Tra guerra e dopoguerra. Le esperienze di un generale" che capisce” nella storiografia su Armando Diaz", "Il generale Armando Diaz: note biografiche" e "Lettera di Mussolini 28 aprile 1924 che accetta le dimissioni di Diaz da ministro della Guerra", in 1918 Lanno della Vittoria. Guerra e dopoguerra nellArchivio privato del generale Armando Diaz, Lint, Trieste 1998, pp. 11– 43; pp. 69–76; p. 86.
  • "Lantifascismo negli anni Trenta", in AA.VV., Trieste 1900-1999. Centanni di storia, quarto volume 1931-1938, Publisport Srl., Trieste, 1998, pp. 68–69;

1999:

  • "Gli uomini della" Repubblica", p. 153;
  • "La Resistenza nella Venezia Giulia", pp. 154–155;
  • In AA.VV., Trieste 1900-1999. Centanni di storia, quinto volume 1939-1945, Publisport Srl., Trieste 1999, le voci
  • "Luigi Frausin", p. 187;
  • "La militarizzazione della città in guerra", p. 197;
  • "La spinta slava verso lAdriatico tra nazionalismo e ideologia", in Silvio Cattalini a cura di, Contributo alla conoscenza della storia e della cultura dellIstria, di Fiume e della Dalmazia. Corso di aggiornamento per docenti di scuole medie, Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Udine, 1999, pp. 145–196.
  • La fine di niente: agosto 1994-agosto 1995: miti, diplomazie e localismi. Cronaca di una storia italo-sloveno-croato-istriana, Istituto giuliano di storia, cultura e documentazione, Trieste 1999;

2000:

  • "Gli slavi in Feldgrau nella storiografia e nella memorialistica italiana e slovena", in Giampiero Berti, Piero Del Negro a cura di, Al di qua e al di là del Piave. Lultimo anno della Grande Guerra. Atti del Convegno Internazionale Bassano del Grappa, 25-28 maggio 2000, Franco Angeli, Milano 2001, pp. 161–187.
  • "La storiografia dellesodo italiano dallIstria: prospettive per la ricerca", in Marina Cattaruzza, Marco Dogo, Raoul Pupo a cura di, "Esodi. Trasferimenti forzati di popolazione nel Novecento europeo" Quaderni di Clio, n. 3, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2000, pp. 253–267;

2001:

  • "La disgregazione della Jugoslavia. Visto dai Balcani", in Passato e Presente, n.54, 2001, pp. 155–168.
  • "Riflessioni su un documento del confine orientale", in Piero Delbello a cura di, Dieci anni per un documento, supplemento a Istria. Fiume. Dalmazia. Tempi & Cultura, n. 9, 2001, pp. 10–19;

2003:

  • "Alcuni aspetti politici e militari della crisi italo-jugoslava del 1953", in Piero Delbello a cura di, I ragazzi del 53. Linsurrezione di Trieste cinquantanni dopo, Edizioni Italo Svevo, Trieste 2003, pp. 79-89.
  • "Con gli occhi del cacciatore", in Hanns Schneider-Bosgard, Bandenkampf. Resistenza e controguerriglia al confine orientale, a cura di Antonio Sema, Libreria Editrice Goriziana, Gorizia 2003, pp. 11-74.

2010:

  • "Minacce su Trieste. Aspetti della pianificazione difensiva italiana al confine orientale tra anni venti e trenta", in Paolo Ferrari, Alessandro Massignani a cura di, Conoscere il nemico. Apparati di intelligence e modelli culturali nella storia contemporanea, Franco Angeli, Milano 2010, pp. 310-336.
                                     

1.3. Opere Articoli su riviste e opere collettive geopolitica

  • "Il triangolo strategico Trieste-Fiume-Capodistria", in LiMes, n.1-2, 1993, pp. 183–196.
  • 1993
  • 1994
  • "Orfana di Roma Trieste guarda a Lubiana", in LiMes, n. 3, 1994, pp. 229–240;
  • "Questione istriana e istrianische Angelegenheit", in LiMes, n. 4, 1994, pp. 245–254;
  • "Estate 1991: gli amici italiani di Lubiana", in LiMes n.1, 1994, pp. 215–228;
  • 1996
  • "Lintervento militare e laiuto economico: possibili convergenze", in VII Convegno internazionale, Il futuro della NATO nel nuovo contesto geopolitico atti del convegno Gorizia, 9-11 aprile 1997, inserto redazionale A&T, pp. 33.35.
  • 1997
  • "Leghismo di confine e secessionismo nel Friuli-Venezia Giulia", in LiMes, n. 4, 1996, pp. 71–87.
  • "Contro Roma Bossi inventa lo sport padano", in LiMes, n. 1, 1998, pp. 137–143.
  • 1998
  • 2000
  • "Come si combatte in Colombia", in LiMes, n. 2, 2000, pp. 99–109.
  • "Limoni e sangue: a che servivano gli scontri di Genova", in LiMes, n. 4, 2001, pp. 17–28;
  • Cera una volta il Mossad", in LiMes, n. 1, 2001, pp. 65–71;
  • "E-strategie per e-conflitti: il caso di Israele", in I Quaderni speciali di LiMes, n. 2, 2001, pp. 163–170;
  • 2001
  • "Forze armate digitali: uso di internet in guerra", in Fondazione Venezia per la ricerca sulla pace, Annuario della pace Italia /maggio 2000-giugno 2001, Asterios Editore, Trieste, 2001, pp. 157–162.

2002:

  • "Il panzersionismo di Sharon", in LiMes, n. 2, 2002, pp. 51–59.


                                     

1.4. Opere Articoli su riviste e opere collettive museografia

  • 1988
  • "Appunti su un museo da costruire", in AA.VV., Il volto della guerra per promuovere la pace, Quaderni del centro studi economici-sociali "Ezio Vanoni", nn.14-15, 1988, pp. 21–38.
  • 1989
  • "San Pietro del Carso 1941-1944. Un Museo Militare per Diego de Henriquez", in AA.VV., Salotto Diego de Henriquez Progetto "Expomodel II" 1989, Ed.Zenit, Trieste, 1989, pp. 19–34.
  • 1990
  • "Grande Guerra e musei: materiali per una discussione", in AA.VV., Questioni di guerra, Museo della Grande Guerra, Gorizia, 1990, pp. 97–109.
  • 1991
  • "I musei dargomento storico-contemporaneo a Trieste. Ipotesi per una valorizzazione a fini didattici", in Adriano Dugulin a cura di, Musei in scena Civici Musei di Storia e Arte di Trieste, Quaderni didattici IV, Trieste, 1991, pp. 79–84.
  • Diego de Henriquez. Fotografie per un museo, Tipografia Adriatica, Trieste, 1991;
  • "La componente coloniale nei musei militari", in Nicola Labanca a cura di, LAfrica in vetrina. Storia di musei ed esposizioni coloniali in Italia, Pagus, Treviso, 1992, pp. 161– 174.
  • 1992
  • 1993
  • "Il Museo Henriquez della Guerra per la Pace di Trieste", in Storia Militare n.1, 1993, pp. 4–7;
  • "Gli storici e il collezionista: note sulla storiografia relativa a Diego de Henriquez", in Antonella Furlan, Antonio Sema, Diego de Henriquez, Cronaca di una vita, A.P.T., Trieste, 1993, pp. 7–20;
  • "La collezione "Diego de Henriquez" e "Fondi del Museo della prima guerra mondiale di Gorizia", in AA.VV., Le fonti per la storia militare italiana in età contemporanea, Ministero per i beni culturali e ambientali - Ufficio centrale per i beni archivistici, Roma, 1993, pp. 418–421 e pp. 409–417.
  • "Il Museo della guerra 1915-18 di Gorizia", in Annali. Museo Storico Italiano della Guerra, n. 3, 1994, pp. 56–57.
  • 1994
  • 1995
  • "Esperienze di didattica della storia. Terza media e grande guerra: ipotesi di un utilizzo didattico del Museo della Grande Guerra di Gorizia", in Quaderni Giuliani di Storia, 1/1995, pp. 93–143.
  • "Storia di un museo isontino" e "Visita al museo", in Musei provinciali di Gorizia, Guida al Museo della Grande Guerra. Per non dimenticare, Stella Arti Grafiche, Trieste, 2002, pp. 13–34 e pp. 57–106.
  • 2002
                                     

1.5. Opere Interventi su giornali e settimanali

  • "La ferocissima lotta dal confine aperto alle frontiere interne. La problematica nazionalistica che sta investendo la Jugoslavia quale conseguenza delle rivendicazioni internazionali. Un argomento a lungo rimosso, destinato a ritornare alla ribalta in modo drammatico", in Trieste Oggi, 1º novembre 1991, pp. 16–17.
  • "Le guerre di oggi si vincono anche con la telecamera", in Trieste Oggi, 29 luglio 1991, Trieste, p. 10.
  • "La politica estera e la crisi jugoslava: Problemi locali. Riflessioni intorno al libro "Morte e riscoperta dello Stato-nazione", in Bollettino della Lega Nazionale, Anno IV, n.1, Trieste, 1992, pp. 5–6.
  • "Storia e musei", in Bollettino della Lega Nazionale, Anno III, n.3-4, Trieste, 28 aprile 1991, pp. 4–5.
  • "Guerra e pace nel museo de Henriquez", in Trieste Oggi, 17 settembre 1991, p. 20.
  • "Idee per un museo", in Bollettino della Lega Nazionale, Anno III, n.5, Trieste, 30 maggio 1991, pp. 4–5.
  • Lammiraglio e la politica. Come un protagonista della guerra antinazista divenne viceré e poi liquidatore dellimpero britannico in India”, in LUnità, 29 agosto 1979, p. 3.
  • "Dossier Le "Terre Perdute" nellocchio del ciclone. Golpisti in Istria", in Il Meridiano di Trieste, Anno XX, n.42, 21 novembre 1991, pp. 35–41.
  • "Cannone di carta. Parole e immagini come arma di persuasione", in Bollettino della Lega Nazionale, Anno III, n.8, Trieste, 26 ottobre 1991, pp. 5–6.
  • "Chi contro chi? Calcoli e sviste", ne Il Piccolo, 27 ottobre 1995, p. 5 si tratta di unanticipazione della trilogia riguardante la Grande guerra sul fronte dellIsonzo.
  • "Il neo Centro Culturale "de Henriquez" vigilerà sulla nascita del museo", in Bollettino della Lega Nazionale, Anno III, n.7, Trieste, 26 settembre 1991, pp. 4.
                                     

2. Bibliografia sulla famiglia Sema

  • Paolo Sema, Siamo rimasti soli. I comunisti del PCI nellIstria Occidentale dal 1943 al 1946, 2004.
  • Roberto Spazzali, "Antonio Sema e il Confine Orientale", in Tempi & Cultura, X 2008, pp. 31-33.
  • Adriano Ossola, necrologio di A. Sema ne Il Piccolo, 1º agosto 2007, p. 14.
  • Paolo Sema, el Mestro de Piran. Ricordando Antonio Sema, la vita, la famiglia, linsegnamento tra lIstria e Trieste a cavallo di due guerre, 1996.