Топ-100
Indietro

ⓘ Coltura protetta. Le colture protette sono tutte quelle forme di coltivazione che fanno ricorso a mezzi che proteggono le colture da fattori climatici avversi e ..




                                     

ⓘ Coltura protetta

Le colture protette sono tutte quelle forme di coltivazione che fanno ricorso a mezzi che proteggono le colture da fattori climatici avversi e che potrebbero pregiudicare il ciclo produttivo. Sono utilizzate principalmente nel settore orticolo, floricolo, vivaistico e, in misura molto ridotta, frutticolo.

Le colture protette sono utilizzate per vari scopi, quali: la coltivazione di specie in ambienti diversi da quello di origine, lanticipo o il ritardo della produzione semi-forzatura o la produzione di ortaggi fuori stagione forzatura.

A seconda dellobiettivo che si vuole raggiungere, si utilizzeranno diverse tecniche di protezione e a diversi livelli di complessità; le forme di protezione più complesse grandi serre climatizzate sono utilizzate nei settori più remunerativi come il vivaismo ornamentale e la floricoltura.

Oltre al vantaggio costituito dalla protezione delle colture dalle avversità climatiche, si possono considerare altri pregi quali:

  • uso più efficiente dellacqua;
  • rese più elevate;
  • utilizzo di tecniche più moderne per es. concimazione carbonica, automazione e colture fuori suolo.
  • miglior controllo dei parametri climatici e possibilità di programmare la produzione;
  • maggiori opportunità di mercato per il prodotto;
  • standard di qualità più elevati prodotti più puliti e più belli esteticamente;

Tra i difetti si possono citare:

  • Accumulo di fertilizzanti e conseguente aumento della salinità terreno non interessato dalle precipitazioni naturali che dilavano fertilizzanti e fitofarmaci;
  • maggior impatto ambientale elevato utilizzo di plastica e consumi energetici per la climatizzazione.
  • elevati costi di impianto e rischi di impresa;
  • frequente utilizzo di monocoltura e conseguenti rischi dovuti a infestazioni di patogeni e stanchezza del terreno;
                                     

1. Classificazione colture protette

Mezzi di difesa

Tra i mezzi di difesa possiamo citare la pacciamatura mezzo di difesa della parte ipogea delle piante, i frangivento, le reti antibrina e antigrandine.

Mezzi di semi-forzatura

Possono essere mezzi di semi-forzatura le campane o cappucci protezione per piante singole, tunnel e agrotessili non praticabili da mezzi e personale, tettoie, serre stagionali e serre tunnel praticabili da mezzi e personale.

Mezzi di forzatura

Di cui fanno parte le serre, possono avere impianti di controllo ambientale o meno e si dividono, a seconda della complessità tecnologica, in:

  • Serre a struttura semplice: in cui la climatizzazione è nulla, o di soccorso, hanno un costo basso e sono adatte per la coltivazione di piante in ambienti adatti alla loro crescita.
  • Serre a struttura complessa: che presentano una climatizzazione molto spinta e un costo di costruzione elevato, ci si vuole discostare il più possibile dallambiente esterno;
                                     

2. Impatto ambientale colture protette

Le colture protette sono un agroecosistema, come tutti gli ecosistemi presenta input e output. Gli input sono rappresentati da: risorse naturali e antropiche. Gli output sono i prodotti agricoli e i rifiuti solidi, gassosi e runoff.

Limpatto ambientale delle colture protette è legato quindi: allo smaltimento dei rifiuti, alle emissioni di CO 2, al deturpamento del paesaggio e al frequente ricorso alla monocoltura.

Per limitare limpatto delle colture protette si possono utilizzare alcune pratiche razionali. Lo smaltimento della plastica può essere ridotto riciclandola o impiegando il Mater-Bi, oppure prediligendo plastiche di copertura delle serre a lunga durata se possibile utilizzare il vetro. Per quanto riguarda il paesaggio, le amministrazioni pubbliche possono intervenire con limiti di costruzione in zone di interesse paesaggistico. Le emissioni climalteranti possono essere ridotte prediligendo cultivar resistenti al freddo e quindi limitando gli interventi di climatizzazione o utilizzando fonti di energia alternative. Infine è consigliabile fare ricorso a rotazioni per evitare la diffusione di patogeni, utilizzare cultivar resistenti e, più in generale, metodi di lotta biologica.

                                     
  • naturale Coltura dei cereali Coltura foraggera Coltura del riso Coltura dell olivo Coltura protetta Coltura di microrganismi Coltura cellulare Coltura pura
  • nei materiali impiegati per la copertura vetro, materiali gommosi rigidi o flessibili Agricoltura Coltura protetta Serra Giardino d inverno Ombracolo
  • allevamento per l impiego frequente in lotta biologica, soprattutto in coltura protetta Altra specie che talora si incontra in alcune regioni italiane tra
  • zucchino, melone, anguria, cetriolo e cucurbitacee in genere, sia in coltura protetta che in pieno campo. Pseudoperonospora cubensis è diffusa in tutto il
  • gli attacchi in fase di fioritura e allegagione avvengono solo in coltura protetta mentre sono rari per le coltivazioni in pieno campo. Il danno è esclusivamente
  • argilla espansa.. Dato l alto costo di gestione delle colture su substrato, a questo tipo di coltura vengono destinate principalmente le floricole o le orticole
  • valorizzazione di due tipici ortaggi pugliesi: carosello e barattiere. Colture Protette 5 speciale biodiversità 4 - 13., su ortaggipugliesi.it. URL consultato
  • in pieno campo e alla geodisinfestazione in coltura protetta In ogni caso le piante allevate in coltura idroponica manifestano in genere un migliore
  • realizzare colture protette I tunnel sono protezioni in materiale plastico trasparente che hanno lo scopo di fornire riparo alle colture in periodi dell anno
  • spruzzini fissati su un tubo. L impianto è formato da una serie di colonne di coltura formate da 15 vasche in polistirolo. Per questa tecnica come substrato
  • italiano a Indicazione geografica protetta Quella del castagno, a Montella e nel territorio del disciplinare, è una coltura vera e propria. Secondo molti