Топ-100
Indietro

ⓘ La bestia uccide a sangue freddo. Lennesimo litigio tra Hans e sua moglie Ruth contraddistingue il viaggio che luomo compie per rinchiudere la moglie nella clin ..




La bestia uccide a sangue freddo
                                     

ⓘ La bestia uccide a sangue freddo

Lennesimo litigio tra Hans e sua moglie Ruth contraddistingue il viaggio che luomo compie per rinchiudere la moglie nella clinica psichiatrica per sole donne del prof. Osterman. Ma nellospedale si aggira nottetempo un individuo incappucciato che, dopo aver attentato invano alla vita della ricca signora Cheryl Hume, decapita uninfermiera nel giardino, pugnala barbaramente Ruth nel suo letto, rinchiude un autista, reo di averlo disturbato, nella Vergine di Norimberga, massacra con una scure Anna una ninfomane e colpisce con la freccia di unantica balestra miss Pearl, affacciatasi alla finestra della camera dove stava consumando un rapporto saffico con linfermiera Hilde. Il dottor Osterman e il suo imperscrutabile assistente, il dott. Francis Klay, cercano di arginare il diffondersi del panico nella clinica nascondendo temporaneamente lentità della strage alla polizia, ma poi chiedono aiuto allispettore Korres che per acciuffare lassassino organizza una trappola con Cheryl come esca. Lassassino è Harold Hume, marito di Cheryl, che intendeva ucciderla per ereditarne lazienda. Questi, smascherato, nella sua fuga colpisce due poliziotti e, rifugiatosi nella stanza da letto delle infermiere, procede alla loro mattanza prima di venire finalmente ucciso da una scarica di proiettili.

                                     

1. Curiosità

  • Da notare la similitudine del film con la pellicola francese Traitement de choc 1973 di Alain Jessua, che condivide col film italiano lambientazione una clinica di cura in Francia, le frequenti nudità femminili e la figura della donna ospite e spettatrice impotente in una luogo dove avvengono dei delitti; inoltre, tale film in Italia è stato distribuito col titolo Luomo che uccideva a sangue freddo, un più che evidente richiamo al film di Fernando Di Leo.