Топ-100
Indietro

ⓘ Storia della Repubblica dIrlanda. La storia della Repubblica dIrlanda è quel periodo di tempo che inizia dal 1922, con la creazione dello Stato Libero dIrlanda ..




Storia della Repubblica dIrlanda
                                     

ⓘ Storia della Repubblica dIrlanda

La storia della Repubblica dIrlanda è quel periodo di tempo che inizia dal 1922, con la creazione dello Stato Libero dIrlanda dopo la spartizione dellisola e continua fino ai giorni nostri, parallelamente alla storia dellIrlanda del Nord.

                                     

1. Lo Stato libero dIrlanda

Il 6 dicembre 1922 venne istituito lo Stato libero dIrlanda. Lo Stato costituiva un dominio britannico, sottoposto al monarca del Regno Unito. Il re nominava un governatore generale, che rappresentava la corona nello Stato libero e costituiva la più alta autorità dellIrlanda. Lo Stato libero aveva un parlamento bicamerale e un governo, chiamato "Consiglio esecutivo". Il capo del governo era chiamato "Presidente del Consiglio esecutivo".

Il trattato anglo-irlandese che condusse allistituzione dello Stato libero dIrlanda prevedeva che lIrlanda del Nord avrebbe potuto decidere se aderire o meno allo Stato libero. Nel caso in cui avesse preferito non unirsi allo Stato libero, sarebbe stata istituita una commissione per rivedere e stabilire i confini tra Stato libero e Irlanda del Nord. La commissione venne istituita e nella sua relazione finale del 1925 propose di mantenere largamente intatti i confini preesistenti e di cedere alcune piccole parti dello Stato libero allIrlanda del Nord. Il Dáil Éireann approvò la decisione con 71 voti a favore e 20 contrari.

Lo statuto di Westminster approvato dal parlamento britannico nel 1931 concesse indipendenza legislativa a sei dominions dellimpero, tra cui anche lo Stato libero dIrlanda.

                                     

2. Dalla costituzione del 1937 alla seconda guerra mondiale

Nel 1932 il leader del Fianna Fáil Éamon de Valera vinse le elezioni e divenne Presidente del Consiglio esecutivo. Promosse una revisione costituzionale piuttosto profonda, che venne approvata con un referendum popolare. Il 29 dicembre 1937 entrò in vigore la nuova costituzione, che rinominò lo Stato libero dIrlanda semplicemente "Irlanda" o "Éire". La costituzione introduceva la carica di presidente dellIrlanda, che subentrava a quella di governatore generale. Il Consiglio esecutivo veniva definito "governo" e il suo capo veniva rinominato Taoiseach e dotato di maggiori poteri.

Il monarca del Regno Unito manteneva tuttavia il titolo di "re dIrlanda" e aveva funzioni di rappresentanza nelle relazioni diplomatiche e internazionali. Il presidente dellIrlanda non aveva funzioni nel campo delle relazioni esterne.

LIrlanda rimase ufficialmente neutrale per tutta la durata della seconda guerra mondiale, nota come "the Emergency". La memoria della guerra di indipendenza e della guerra civile erano ancora molto vive e lo Stato non era pronto per prendere parte a un conflitto. Di fatto però il paese collaborò con gli Alleati e varie decine di migliaia di uomini si arruolarono come volontari.

                                     

3. Il secondo dopoguerra

I tardi anni settanta costituirono un periodo di crisi per lIrlanda. La recessione economica globale, i problemi di bilancio le politiche di indebitamento dei governi provocarono un innalzamento dei tassi di interesse fino al 60%, altissimi livelli di disoccupazione ed emigrazione di massa. Il tasso di evasione fiscale e quello di corruzione erano alti. Le difficoltà economiche erano legate alle difficoltà politiche: i governi duravano molto poco e lalternanza al governo tra Fianna Fáil e Fine Gael era fin troppo frequente.

Il governo irlandese puntava sulla riunificazione pacifica con lIrlanda del Nord e collaborò con il governo britannico per contrastare i gruppi repubblicani violenti, in particolare lIRA. Per questa ragione lIRA e il suo partito di riferimento, il Sinn Féin, si rifiutarono di partecipare alle istituzioni politiche della repubblica fino agli anni ottanta. Successivamente il Sinn Féin cominciò a partecipare alle elezioni, ottenendo alcuni seggi allOireachtas, fino ad ottenere, nelle elezioni del 2020, la prima posizione nellelettorato sotto forma di maggioranza relativa dei consensi.



                                     

4. Modernizzazione e crescita economica

Negli anni ottanta e novanta una serie di scandali investirono la Chiesa irlandese, tradizionalmente molto forte ed influente nel paese. Emersero in particolare numerosi casi di pedofilia, che condussero alle dimissioni di vescovi e indirettamente alla crisi di governo del 1994. Venne inoltre rivelato che il vescovo Eamon Casey aveva avuto un figlio.

Gli scandali che colpirono la Chiesa contribuirono a velocizzare il processo di secolarizzazione della società irlandese cominciato in precedenza. Durante gli anni novanta vennero realizzate alcune riforme sociali e la società divenne più aperta e meno conservatrice. Una femminista, Mary Robinson, venne eletta presidente della repubblica.

A partire dal 1989 vennero realizzate una serie di riforme economiche che portarono a diminuire la pressione fiscale, aumentare la concorrenza, limitare lindebitamento e la crescita dei tassi di interesse e riformare lo stato sociale. Le riforme vennero appoggiate sia dal Fianna Fáil che dal Fine Gael. Durante gli anni novanta lIrlanda visse una crescita economica straordinaria, che la trasformò da uno dei paesi più poveri dEuropa al secondo paese più ricco dellUnione europea dopo il Lussemburgo e uno dei più ricchi al mondo. Diventò un contribuente netto del bilancio dellUnione europea e il flusso di immigrazione superò quello di emigrazione. In questo periodo lIrlanda venne indicata come Tigre celtica.

Dopo avere subito la recessione del 2001-2002, lIrlanda è stata colpita in modo particolarmente duro dalla crisi economica cominciata alla fine del 2007.