Топ-100
Indietro

ⓘ Aristide Marchetti. Terminata la guerra, il 26 ottobre 1945 fu incaricato dal Cln di Laveno Mombello di costituire la locale sezione dellAssociazione Nazionale ..




Aristide Marchetti
                                     

ⓘ Aristide Marchetti

Terminata la guerra, il 26 ottobre 1945 fu incaricato dal Cln di Laveno Mombello di costituire la locale sezione dellAssociazione Nazionale Partigiani dItalia, di cui divenne lanima e il presidente.

Entrato nella vita civile, Aristide Marchetti divenne dirigente dazienda, in società commerciali a Milano e a Varese; membro del consiglio damministrazione della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, dellOrtomercato e della Società Esercizi Aeroportuali di Milano Sea. Legato da forte amicizia a Enrico Mattei, partigiano cattolico come lui e fondatore dellEnte Nazionale Idrocarburi ENI, militante nella Democrazia Cristiana, Aristide Marchetti costituì e diresse numerose pubblicazioni politiche e culturali.

                                     

1. Attività editoriale

Nel 1947 pubblicò il libro autobiografico Il Ribelle, la storia della sua scelta partigiana. Dal 1951 anno in cui fondò LInformatore, il periodico dellamministrazione comunale al 1956 fu sindaco democristiano di Laveno-Mombello e dal 1956 al 1962 presidente dellamministrazione provinciale di Varese.

                                     

2. Attività parlamentare

Venne riconfermato consigliere comunale nelle elezioni comunali del 1956, del 1960 e del 1964; nel 1968 si dimise essendo stato eletto deputato nella V legislatura per la Democrazia Cristiana. Fu confermato alle elezioni politiche del 1972 e dal 1976 al 1983 VII ed VIII legislatura ricoprì il ruolo di senatore della Repubblica. In qualità di presidente della commissione esteri seguì a fondo e con grande passione lannosa questione dei ristorni dei benefici assicurativi dei lavoratori frontalieri italiani in Svizzera, portando a termine un accordo-quadro di portata storica che garantì a migliaia di lavoratori la possibilità di utilizzare in Italia i benefici mutualistici guadagnati con la loro attività nella Confederazione. Negli anni cinquanta, Marchetti, attivista del movimento culturale e politico denominato La Base, fu direttore responsabile del periodico Prospettive edito a Milano. Gli scritti del giornale furono giudicati dallallora segretario della DC Amintore Fanfani in contrasto con gli orientamenti e col prestigio del partito dal quale il sindaco di Laveno-Mombello venne momentaneamente emarginato il che costituì uno dei momenti più amari della sua lunga e appassionata militanza.

Morì il 9 dicembre 1994 a Roma.