Топ-100
Indietro

ⓘ Clemente Gatti. Giovanissimo entrò nel convento dei frati francescani di Lonigo VI. Emise la professione solenne il 17 settembre 1903 con il nome di Clemente; i ..




                                     

ⓘ Clemente Gatti

Giovanissimo entrò nel convento dei frati francescani di Lonigo VI.

Emise la professione solenne il 17 settembre 1903 con il nome di Clemente; il suo nome anagrafico era Ernesto Domenico. Completato brillantemente il corso teologico allateneo Antonianum di Roma, fu ordinato sacerdote il 2 aprile 1904.

                                     

1. Primo periodo in missione

Nel 1909, quando la Transilvania faceva ancora parte dellUngheria, i superiori vi inviarono padre Clemente, diventato lettore in teologia, a Hunedoara, dove si trattenne quattro anni ad insegnare la materia nello studentato francescano.

                                     

2. La prima guerra mondiale

Allinizio della prima guerra mondiale rientrò in Italia e fu chiamato alle armi come cappellano militare.

Per il suo comportamento in guerra fu decorato "per meriti militari" da Emanuele Filiberto di Savoia, duca dAosta, comandante dellinvitta III Armata.

Fu quindi ministro e definitore provinciale e prefetto degli studi nonché custode del convento delle Vigne a Venezia.

                                     

3. Secondo periodo in missione

Nel 1937 tornò in Transilvania, nel frattempo diventata romena.

Con lavvento del comunismo 1945 e la persecuzione religiosa, padre Gatti fu deportato ad Alba Iulia.

Il 7 febbraio 1950 il padre Antonio Mantica, fondatore della Chiesa degli Italiani di Bucarest e suo parroco, fu costretto dalle autorità comuniste a rientrare in Italia, come rettore della chiesa fu nominato, quindi, padre Clemente Gatti.

In Romania viveva prima della guerra una prospera comunità italiana composta di decine di migliaia di persone 60.000 circa, poi assottigliatasi a seguito delle persecuzioni politiche con laccusa di tramare con la capitalista Italia contro la sovietica Romania.

Intensificandosi la persecuzione religiosa, fu consigliato a padre Gatti di rientrare anche lui in Italia, ma si rifiutò.

Scriveva:

Il 15 febbraio 1951 scriveva:

                                     

4. Larresto

L8 marzo padre Clemente veniva arrestato e quindi sottoposto a processo davanti al Tribunale militare di Bucarest, dall11 al 17 settembre 1951: il cosiddetto Processo di un gruppo di spie, traditori e cospiratori, al servizio del Vaticano e del Centro di Spionaggio Italiano.

Con padre Gatti sedevano sul banco degli imputati i vescovi di Pacha, Schubert e Boroc, alcuni civili.

Tutti, a seguito delle torture cui furono sottoposti, si dichiararono colpevoli. Schubert, Boroc, Sandulescu, Stefanescu furono condannati allergastolo. Pacha a 18 anni, padre Gatti e Waltner a 15 anni, Heber a 12, Topa a 10.

                                     

5. Il ritorno

Su pressione del Governo italiano viene rilasciato, in aprile del 1952 viene trovato alla stazione ferroviaria di Vienna, nello scompartimento di un treno proveniente dalla Romania. Era paralizzato e senza parola, disfatto e allucinato. Era affetto da numerose e fetide piaghe da decubito e dalla fuoriuscita della spina dorsale per quasi tutta la sua lunghezza, dopo essere stato ricoverato in una clinica a Vienna, viene trasportato il 15 maggio nellinfermeria, da poco aperta dai frati Francescani a Saccolongo, era in grado di emettere solo qualche incomprensibile mugolio. Dopo 3 settimane morì, sepolto nella cappella di San Francesco del convento di San Pancrazio a Barbarano Vicentino.

Sulla sua tomba si legge: "Padre Clemente Gatti, eroe della fede in Romania".

                                     

6. La Romania lo riabilita

Nel 1997 il Governo rumeno chiede scusa per il trattamento subito da Clemente Gatti da parte delle autorità rumene ne decreta la riabilitazione civile.