Топ-100
Indietro

ⓘ Assedio di Zara. Papa Innocenzo III aveva più volte incitato alla crociata per la riconquista della Terrasanta e per rimediare ai fallimenti della seconda e del ..




Assedio di Zara
                                     

ⓘ Assedio di Zara

Papa Innocenzo III aveva più volte incitato alla crociata per la riconquista della Terrasanta e per rimediare ai fallimenti della seconda e della terza crociata. Contrariamente ai casi precedenti, questa crociata non avrebbe dovuto essere sotto il controllo della nobiltà secolare, ma direttamente sotto lautorità del Pontefice. Innocenzo pianificò linvasione dellEgitto dal mare e loccupazione del delta del Nilo come base per la conquista della Palestina.

Questi piani sembravano ricevere po di entusiasmo in Europa, ma a partire dal 1200 un consistente esercito di circa trentacinquemila uomini ha preso per assemblarsi sotto il comando di Bonifacio di Monferrato. Innocenti e i crociati negoziata poi con il Ducato di Venezia, la principale potenza marittima nel Mediterraneo orientale, la preparazione di una flotta da guerra per il trasporto a Est, da pagare al momento della partenza. Per il trasporto di circa trenta-cinque mila uomini, con i loro bagagli e animali, chiese di Venezia, il pagamento di 85000 marchi dargento. Nonostante gli ingenti investimenti organizzato dai Veneziani per la preparazione della flotta, al momento della partenza è arrivato solo dodici mila uomini, e i crociati erano in grado di pagare solo 51000 marche dargento.

Il doge di Venezia Enrico Dandolo offerto per consentire anche il trasporto in cambio di aiuto nella riconquista della città di Zara, in Dalmazia, che si sono ribellati contro di lui nel 1183 allautorità veneziano postasi sotto la protezione di Emerico dungheria e dello stesso papa Innocenzo III. Il pagamento del restante 34000 marchi sarebbe stata rimandata al momento in cui erano disponibili, i frutti dei successivi saccheggi.

Nonostante una parte dei crociati si rifiutò di accettare la proposta di venezia, la maggioranza ha accettato, nonostante le proteste del papa, giustificando latto come un male necessario, mentre per raggiungere la conquista di Gerusalemme.

                                     
  • L assedio di Zara si svolse tra il 22 novembre e il 5 dicembre 1813 nell ambito dei più vasti eventi della guerra della sesta coalizione: la guarnigione
  • cercando altri significati, vedi Zara disambigua Zara in croato: Zadar in serbo: Задар, Zadar in ungherese: Zára in dalmatico: Jadera è una città
  • riconquista di Zara La flotta veneto - crociata, dopo aver attaccato e sottomesso Trieste, puntò appunto su Zara che venne posta sotto assedio cadendo il
  • La pace di Zara del 18 febbraio 1358 fu un trattato stipulato nella città dalmata fra il Regno d Ungheria - Croazia e la Repubblica di Venezia, in cui quest ultima
  • fu un assedio mosso alla fortezza di Clissa nel Regno di Croazia, nella Monarchia asburgica. L assedio della fortezza, che perdurò per più di due anni
  • conquistarono la città di Zara come pagamento fatto ai veneziani per il trasporto in Terra Santa. Il principe bizantino Alessio IV, figlio di Isacco II Angelo
  • un tipo di macchina da assedio che sfrutta un braccio per scagliare con tiro curvo grosse pietre di cento, duecento e più chili, proiettili di metallo
  • e scrittore del rinascimento croato Brne Karnarutić, di Zara scrisse La Conquista della città di Sziget in lingua croata Vazetje Sigeta grada qualche
  • francesi nella regione come Zara assediata nel novembre - dicembre 1813 e Ragusa assediata nel gennaio 1814 Nell ambito di queste operazioni, il capitano
  • consigliato gli Zaratini di resistere, essersi rifiutato di partecipare all assedio di Zara e letto ai crociati la lettera in cui Papa Innocenzo III li