Топ-100
Indietro

ⓘ Nuova storiografia israeliana. La nuova storiografia israeliana è un movimento nel quale sono compresi quegli storici israeliani che hanno come fine etico e sci ..




Nuova storiografia israeliana
                                     

ⓘ Nuova storiografia israeliana

La nuova storiografia israeliana è un movimento nel quale sono compresi quegli storici israeliani che hanno come fine etico e scientifico di rivisitare, da un punto di vista critico e documentario la storia del loro paese, "demitizzandola" da tutti quegli orpelli che, a loro dire, hanno fatto perdere per strada gli ideali del primo sionismo che avevano condotto alla nascita del moderno Stato dIsraele.

                                     

1. Origine ed esponenti

Di questa corrente storiografica fanno parte Benny Morris, Ilan Pappé, Avi Shlaim, Tom Segev a cui si può aggiungere, retrospettivamente, la figura di Simha Flapan. Si parla di loro come di storici post-sionisti o revisionisti. Sulla stessa linea, ma meno chiaramente annoverabili in tale lista e talora ebrei non di cittadinanza israeliana, figurano Zeev Sternhell, Benjamin Beit-Hallami, Baruch Kimmerling, Yehoshua Porath, Avner Cohen, Uri Milstein e Norman G. Finkelstein.

I loro studi, pubblicati a partire dagli anni ottanta del XX secolo, sono stati possibili per lapertura degli archivi israeliani e britannici alla consultazione di documenti sugli eventi degli anni quaranta e, quindi, anche della Guerra dindipendenza israeliana del 1947-49. Tali pubblicazioni non hanno mancato di suscitare dibattiti appassionati, che talora hanno trasceso lambito scientifico ad essi proprio.

                                     

2. Influenza culturale

A seguito della pionieristica attività dei "Nuovi Storici", numerosi altri ricercatori hanno seguito le loro orme, influenzando ancor oggi in modo sensibile la ricerca storiografica circa lo Stato dIsraele. Fra essi troviamo: Idith Zertal, Uri Ram e Shlomo Sand, professore allUniversità di Tel Aviv. Il libro di questultimo uscito nel 2008 in Israele e in Francia, Linvenzione del popolo ebraico, ha avuto un buon successo di pubblico in quei due paesi e alimentato in Israele un vivace dibattito. La tesi centrale dellopera consiste nel negare valore ad una essenza etnica degli ebrei che, lungi dallaver effettuato un esodo dalla Palestina, si sarebbero principalmente diffusi attraverso le conversioni lorigine delle comunità ebraiche dellEuropa orientale come risultato di processi di conversione.

Inoltre a questa scuola di pensiero appartengono, o sono collegabili, anche tutta unaltra serie di studi sui caratteri dellebraismo che cercano di rivisitare la storia delle comunità ebraiche europee e non solo delletà medioevale e moderna.