Топ-100
Indietro

ⓘ Gaetano Salvemini. Nel 1955 ottenne dallAccademia dei Lincei il premio internazionale Feltrinelli per la storia e la laurea honoris causa dallUniversità di Oxfo ..




Gaetano Salvemini
                                     

ⓘ Gaetano Salvemini

Nel 1955 ottenne dallAccademia dei Lincei il premio internazionale Feltrinelli per la storia e la laurea honoris causa dallUniversità di Oxford. Morì a Sorrento, ove oggi è presente un liceo scientifico a lui dedicato, il 6 settembre 1957. È sepolto a Firenze, nel prato donore del Cimitero di Trespiano Firenze.

                                     

1.1. Pensiero Sulla politica

Membro non allineato del Partito Socialista, Salvemini rimase sempre indipendente nelle proprie opinioni rispetto a quelle della maggioranza: la sua concezione politica era originale, e a un convinto socialismo di tendenza meridionalista che affondava le proprie radici nel radicalismo repubblicano risorgimentale, egli affiancava un deciso liberismo economico, in polemica con il protezionismo e lo statalismo. Il suo fu perciò un singolare caso di socialismo liberale, che anticipò le idee dei fratelli Rosselli. Il suo anticlericalismo, motivato oltre che dalla difesa dello Stato laico anche da una profonda avversione per la religione cattolica in generale nonostante la vicinanza a eminenti personaggi del mondo cattolico come don Sturzo, o Arturo Carlo Jemolo, era accompagnato da un parallelo anticomunismo, che lo portò a opporsi alla scelta del PSI, che era stato il suo partito, di allearsi con il PCI in vista delle elezioni del 1948, oltre che da un antifascismo che non vacillò nemmeno negli anni del massimo consenso del regime mussoliniano. Nonostante la propria profonda avversione per il clericalismo e il partito cattolico, proprio per questultimo Salvemini inviterà a votare in un momento difficile della vita politica nazionale: a lui si rifarà anni dopo il giornalista Indro Montanelli con la sua celeberrima frase Turatevi il naso, ma votate DC! ".

                                     

1.2. Pensiero Sulla storiografia

"Storici risorgimentalisti si nasce o si diventa? Ovviamente, con un Risorgimento non del tutto concluso, si diventa. Emblematico il caso di Gaetano Salvemini che, prima di occuparsi da par suo delle vicende dellunificazione italiana, si è imposto come capofila del rinnovamento della storiografia medievale italiana. In quel 1899 in cui esce il suo capolavoro Magnati e popolani a Firenze dal 1280 al 1285 Salvemini fa uscire anche I partiti politici italiani nel secolo XIX. È il primo lavoro di una serrata serie di saggi che, dopo il Mazzini 1905 e La Triplice Alleanza 1916-17, culminerà nel 1925 con LItalia politica del XIX secolo. La stessa acribia con cui ha lavorato sulle fonti medievali la riversa su vicende assai più vicine e che coinvolgono il suo impegno politico, senza tuttavia derogare mai da un rigore storiografico ammirevole. "Limparzialità - ammonisce - è un sogno. La probità un dovere".

Poiché gli studi di storia diplomatica erano "monopolio di esponenti politici e giornalisti" e i tentativi di "vere storie ufficiali della politica estera furono criticati negli ambienti accademici, che lamentavano lindisponibilità delle fonti", è rimarchevole la posizione di Salvemini: "pur riconoscendo linteresse dello Stato alla tutela del segreto diplomatico, sosteneva, e non si poteva dargli torto, che una cautela di questo genere era giusta finché valeva per tutti gli studiosi".

                                     

2. Opere

  • La politica estera italiana dal 1871 al 1915, a cura di Augusto Torre, Milano, Feltrinelli, 1970.
  • Stato e Chiesa in Italia, a cura di Elio Conti, Milano, Feltrinelli, 1969.
  • La Rivoluzione francese 1788-1792, I ed. 1905; VII definitiva ed., Laterza, Bari, 1954; a cura di Franco Venturi, Feltrinelli, Milano, 1962
  • G. Salvemini-Giorgio La Piana, La sorte dellItalia, Edizioni U, 1945.
  • I partiti politici milanesi nel XIX secolo 1899; Presentazione di Arturo Colombo, Milano, Mursia, 2011, ISBN 978-88-425-4842-3.
  • Prelude to World War II 1953
  • Manoscritti e materiali di lavoro, PDF Archivio Gaetano Salvemini, Inventario a cura di Stefano Vitali, Roma 1998
  • Tendenze vecchie e necessità nuove del movimento operaio italiano 1922
  • Under the Axe of Fascism 1936
  • Clericali e laici. Cattolicismo e democrazia, Firenze, Parenti, 1957.
  • Carteggio 1914-1920, Bari, Laterza, 1984.
  • Memorie di un fuoruscito, Milano, Feltrinelli, 1960.
  • Magnati e popolani in Firenze dal 1280 al 1295 1899; Collana Biblioteca di cultura storica, Einaudi, Torino, 1960
  • Le origini del fascismo in Italia. Lezioni di Harvard, a cura di Roberto Vivarelli, Collana Universale Economica, Milano, Feltrinelli, aprile 1966.
  • Italian Fascist Activities in the U.S. 1940
  • Il ministro della mala vita. Notizie e documenti sulle elezioni giolittiane nellItalia meridionale, Firenze, Edizione della Voce, 1910.
  • Scritti sul Risorgimento, a cura di Piero Pieri e Carlo Pischedda, Milano, Feltrinelli, 1961.
  • Mussolini diplomatico Mussolini Diplomate, 1932, Roma, De Luigi, 1945. - Laterza, 1952; A cura di Mirko Grasso, Roma, Donzelli,
  • Il pensiero e lazione di Giuseppe Mazzini 1905
  • Mazzini, Catania, F. Battiato, 1915.
  • Carteggio 1912-1924, Bari, Laterza, 1984.
  • Scritti sul fascismo, 3 voll. I. a cura di Roberto Vivarelli; II. a cura di Nino Valeri a Alberto Merola; III. a cura di R. Vivarelli, Milano, Feltrinelli, 1961.
  • Movimento socialista e questione meridionale, a cura di Gaetano Arfé, Milano, Feltrinelli, 1961.
  • Scritti vari 1900-1957, a cura di Giorgio Agosti e Alessandro Galante Garrone, Milano, Feltrinelli, 1978.
  • Scritti sulla Questione meridionale 1896-1955, Torino, Einaudi, 1955.
  • LItalia vista dallAmerica, 2 voll., a cura di Enzo Tagliacozzo, Milano, Feltrinelli, 1969.
  • Lettere dallAmerica 1947-1959, a cura di Alberto Merola, Bari, Laterza, 1967.
  • La formazione del pensiero mazziniano 1910
  • Problemi educativi e sociali dellItalia doggi, Catania, F. Battiato, 1914.
  • Come siamo andati in Libia e altri scritti dal 1900 al 1915, a cura di Augusto Torre, Milano, Feltrinelli, 1971.
  • Preludio alla seconda guerra mondiale, a cura di Augusto Torre, Milano, Feltrinelli, 1967.
  • La politica estera dellItalia 1871-1914 1944
  • The Fascist Dictatorship in Italy 1928
  • Dalla guerra mondiale alla dittatura 1916-1925, a cura di Carlo Pischedda, Milano, Feltrinelli, 1964.
  • Italia scombinata, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 1959.


                                     
  • 11.264056 E43.776889 11.264056 L istituto tecnico per geometri Gaetano Salvemini si trova in via Giusti 27 a Firenze. Erano qui nell Ottocento vaste
  • buona parte, non fare nulla non inserire template vuoti. Piazza Gaetano Salvemini si trova nel centro storico di Firenze, nella zona di Santa Croce
  • Gaetano Salvemini Molfetta, 15 gennaio 1942 è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Nel 1968 fu ingaggiato dall Inter
  • of Fame. Gaetano Salvemini storico e politico italiano, fondatore della Mazzini Society Gaetano Salvemini calciatore italiano Lee Salvemini animatore
  • elezioni giolittiane nell Italia meridionale è un saggio politico di Gaetano Salvemini pubblicato per la prima volta nel 1910 e riedito nel 1919, avente
  • regista italiano Gaetano Moroni, bibliografo, dignitario pontificio, bibliofilo, poligrafo ed erudito italiano Gaetano Salvemini storico, politico
  • I Roberto Vivarelli, Le ragioni di un comune impegno. Ricordando Gaetano Salvemini Carlo e Nello Rosselli, Ernesto Rossi, Rivista Storica Italiana
  • più ampio schieramento che Gaetano Salvemini 1873 - 1957 avrebbe presto realizzato. Ai tempi della guerra libica Salvemini una delle personalità più
  • italiano. Nasce a Biella il 21 ottobre 1950, pronipote dello storico Gaetano Salvemini Laureato presso l Università commerciale Luigi Bocconi, dal 1993
  • stabilì relazioni di lavoro con storici e intellettuali italiani quali Gaetano Salvemini Federico Chabod, Benedetto Croce. Per il libro Italian democracy
  • letterato e professore universitario italiano Gaetano Salvemini La Mazzini Society fu fondata da Gaetano Salvemini a Northampton Massachusetts il 24 settembre
  • Presidente: Aldo Spinelli Area tecnica Allenatore: Luigi Radice, poi Gaetano Salvemini Da gennaio. Ceduto a novembre. Ceduto a stagione iniziata. Davide