Топ-100
Indietro

ⓘ Secondo Pollo è stato un presbitero e militare italiano, appartenente al corpo degli alpini, medaglia dargento al valor militare. È venerato come beato dalla Ch ..




Secondo Pollo
                                     

ⓘ Secondo Pollo

Secondo Pollo è stato un presbitero e militare italiano, appartenente al corpo degli alpini, medaglia dargento al valor militare. È venerato come beato dalla Chiesa cattolica.

                                     

1. Biografia

Entrato a 11 anni nel seminario diocesano di Vercelli, vi rimane fino al compimento degli studi liceali per poi iniziare quelli teologici a Roma, dove è tra gli alunni del Pontificio seminario lombardo. Ricevuti gli ordini minori ed il diaconato, nel 1931 si laurea in filosofia presso la Pontificia Accademia di San Tommaso e in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana. Il 15 agosto è ordinato presbitero dallallora arcivescovo della diocesi di Vercelli Giacomo Montanelli. Viene incaricato dellinsegnamento nel seminario minore e successivamente, dal 1936 al 1940, insegna filosofia e teologia nel seminario maggiore di Vercelli; inoltre viene nominato Assistente diocesano dei giovani di Azione Cattolica.

Con linizio della guerra decide di seguire i giovani con i quali aveva operato e, pur con una rilevante menomazione allocchio sinistro, chiede di diventare cappellano militare, venendo nominato tenente cappellano del 3º battaglione "Val Chisone" della Divisione Alpina Alpi Graie. Verso la fine del 1941 il battaglione viene inviato in Montenegro a Cervice. Il 26 dicembre, mentre soccorreva un ferito, viene colpito da un proiettile che gli recide larteria femorale; ciò gli provoca la morte per dissanguamento.

Sepolto nel cimitero di Scagliari presso Cattaro, solo nel 1961 la salma viene trasferita nel cimitero di Caresanablot, suo paese natale e nel 1968 nella Cattedrale di SantEusebio a Vercelli, dove viene commemorato ogni anno nel giorno della morte.

Il generale Emilio Faldella, suo colonnello quando comandava il 3º Reggimento Alpini, scrive di lui:

                                     

2. Culto

Il 23 maggio 1998, Papa Giovanni Paolo II lo eleva agli onori degli altari a Vercelli proclamando beato il primo alpino, il quale con la sua morte lasciò:

La sua festa è inserita nel calendario liturgico il 26 dicembre, anniversario della morte, e anche il 4 gennaio.

                                     

3. Onorificenze

Riconoscimenti

  • A Villareggia è stato inaugurato un Capitello votivo in suo ricordo il 22 settembre 2002, leffigie che lo ritrae è opera del vercellese Renzo Roncarolo.
  • A Caresanablot, in piazza Secondo Pollo, è stato edificato un monumento in suo onore
  • A Chivasso TO il gruppo alpini ha edificato un sacello inaugurato l8 aprile 2001