Топ-100
Indietro

ⓘ 6. prendi e perdi! è un gioco di carte creato da Wolfgang Kramer nel 1994 e distribuito in Italia dalla Dal Negro. Il gioco è conosciuto nel Regno Unito con il ..




6. prendi e perdi!
                                     

ⓘ 6. prendi e perdi!

6. prendi e perdi! è un gioco di carte creato da Wolfgang Kramer nel 1994 e distribuito in Italia dalla Dal Negro. Il gioco è conosciuto nel Regno Unito con il nome Take 6 e in Francia con il nome 6 qui prend!

                                     

1. Regole del gioco

Lobiettivo del gioco è di terminare la partita con il minor numero di penalità.

Si gioca con un mazzo di carte speciali composto da 104 carte, numerate da 1 a 104. Ogni carta presenta 1, 2, 3, 5 o 7 punti di penalità, rappresentate con dei pallini o nella versione originale da teste di tori. In particolare ci sono:

  • 1 carta con 7 penalità
  • 8 carte con 5 penalità
  • 76 carte con 1 penalità
  • 9 carte con 2 penalità
  • 10 carte con 3 penalità
                                     

1.1. Regole del gioco Svolgimento del gioco

Ad ogni turno, ciascun giocatore sceglie una carta e la posa coperta davanti a sé. Quando tutti i giocatori sono pronti, le carte vengono scoperte.

A partire dal giocatore con la carta più bassa e a crescere fino a quello con la carte più alta, ogni giocatore deve quindi mettere la sua carta su una delle quattro file presenti sul tavolo, rispettando le seguenti regole:

  • La carta deve essere posta su una fila con il valore dellultima carta inferiore alla carta giocata.
  • Tra le righe in cui lultima carta è inferiore a quella giocata, si deve scegliere quella in cui lultima carta è più vicina alla carta giocata la più alta tra quelle inferiori.
  • Se la fila su cui si deve mettere la carta giocata contiene già 5 carte quella giocata sarebbe la sesta, il giocatore deve prendere le 5 carte presenti sulla fila, lasciando al loro posto la carta giocata. Le carte prese vanno messe da parte la somma delle penalità presenti su di esse sarà calcolato alla fine della partita, le carte prese dal tavolo non devono essere riprese in mano.
  • Se la carta giocata è inferiore allultima carta di tutte le 4 file, il giocatore deve prendere le carte presenti su una fila a sua scelta di solito quella con meno penalità, lasciando al loro posto la carta giocata.

Le carte di tutti i giocatori sono giocate seguendo queste regole, seguendo lordine crescente delle carte da giocare.

Alla fine del turno, tutti i giocatori scelgono una nuova carta tra quelle che gli rimangono, si continua per 10 turni fino ad esaurire le 10 carte che ogni giocatore ha ricevuto.

                                     

1.2. Regole del gioco Esempio

Le ultime carte sulle 4 file hanno i seguenti valori: 8, 24, 69, 81.

La carta da giocare è il 29.

La carta non può essere messa sulle file con il 69 o l81, che sono superiori a 29. Si deve quindi scegliere tra 8 e 24. 24 è il numero più vicino a 29, il 29 va quindi messo dopo il 24 sulla stessa fila.

Se la carta da giocare fosse stata il 3 - quindi una carta inferiore alle 4 presenti - il giocatore avrebbe dovuto prendere le carte di una fila a sua scelta e mettere al loro posto il 3.

                                     

1.3. Regole del gioco Fine della partita

Terminate le 10 carte, ogni giocatore conta il totale delle penalità presenti sulle carte che ha dovuto raccogliere dal tavolo durante la mano. Il totale per ogni giocatore è annotato su un foglio e una nuova mano comincia.

Il gioco termina quando un giocatore raggiunge un totale di 66 penalità. Il vincitore è colui che ha totalizzato il minor numero di penalità.

                                     

2. Varianti

Per rendere il gioco più complesso, se si gioca con meno di 10 giocatori, prima di cominciare, si rimuovono dal mazzo tutte le carte superiore a 10 n + 4 dove n è il numero di giocatori. Per esempio, con 5 giocatori si useranno solo le carte da 1 a 54 escludendo quelle dal 55 al 104, con 7 giocatori si useranno le carte da 1 a 74. Il resto del gioco è immutato.

Questa variante è evidentemente più strategica rispetto alle regole di base perché è possibile determinare quali carte sono già state giocate e quali sono a disposizione degli altri giocatori.

                                     
  • My Son, My Son, What Have Ye Done, regia di Werner Herzog 2010 13 - Se perdi . muori, regia di Géla Babluani 2010 The Runaways, regia di Floria Sigismondi
  • Bowser non gliele dà e molto raramente, regala al malcapitato un certo numero di ministelle oppure gliele lascia così come sono Perdi metà delle tue ministelle
  • vita di Oscar Wao, seguito poi da un altra raccolta di racconti, È così che la perdi nel 2012. Nello stesso anno, viene pubblicato sul The New Yorker
  • a non prendere, Tressette a perdere, Storto, Tressette ca sola, Vinci - Perdi o anche Ciapa no, che può indicare un ulteriore variante a tre giocatori
  • punti ferita a 0. Se arrivi a 0 punti ferita colpendoti con la tua arma, perdi un lum. Le armi sono contenute nei generatori. I generatori dorati contengono
  • Wawrinka ha dichiarato: È la mia visione della vita e del tennis. Se non sei Roger o Rafa o Andy o Nole non vinci tanti tornei, perdi sempre. Ma hai bisogno
  • legend Eusébio, su uefa.org archiviato dall url originale il 6 gennaio 2014 Perdi um amigo, Eusébio era um orgulho para o povo moçambicano - Joaquim
  • tue intenzioni al nemico. 3.2 Prendi a prestito un cadavere per risuscitare lo spirito 借屍還魂 借尸还魂, Jiè shī huán hún Prendi un istituzione, una tecnologia
  • regia di 50 Cent 2009 Twelve, regia di Joel Schumacher 2010 13 - Se perdi muori 13 regia di Géla Babluani 2010 Caught in the Crossfire, regia