Топ-100
Indietro

ⓘ Ruolo semantico. In linguistica, il ruolo semantico descrive la relazione che un argomento intrattiene con il verbo cui fa riferimento, in uno specifico contest ..




                                     

ⓘ Ruolo semantico

In linguistica, il ruolo semantico descrive la relazione che un argomento intrattiene con il verbo cui fa riferimento, in uno specifico contesto predicativo. Si intende, quindi, il significato associato ad una valenza rispetto al processo espresso attraverso il verbo allinterno di una frase.

Il ruolo semantico specifica la relazione semantica e non sintattica tra il verbo e i propri argomenti identificandone i ruoli svolti. Riguarda cioè il modo in cui il referente partecipa all’evento della frase Fondamenti di linguistica semantica e struttura argomentale, 26.

La nozione di ruolo semantico è stata sviluppata nel quadro di teorie linguistiche che mirano a evidenziare i componenti sintattici e semantici della lingua. Essa è legata alle nozioni di funzione sintattica e di caso.

                                     

1. Descrizione

Nella frase" Paolo ha rotto una tazza”, il verbo rompere implica l’esistenza di un" rompitore” Paolo e di un" rotto” la tazza. Dal momento che Paolo e la tazza svolgono rispettivamente queste funzioni, essi sono i ruoli semantici di questa predicazione. Per identificare poi il tipo di ruolo che essi svolgono, bisogna rifarsi alla classificazione Ruolo semantico#Lista di ruoli semantici: Paolo svolge il ruolo di agente, la tazza il ruolo di paziente Fondamenti di linguistica semantica e struttura argomentale, 5.11.

                                     

2. La prospettiva della semantica

Per analizzare i ruoli semantici non si può adottare la visione classica della sintassi che considera la frase come una concatenazione di sintagmi governata da regole grammaticali e da uno schema valenziale. Al contrario bisogna considerare l’intera frase come rappresentazione di un evento descritto dal verbo, al quale partecipano diversi elementi che sono in relazione tra loro.

Ogni elemento coinvolto nell’evento ha un" ruolo” riguardo alle relazioni con gli altri elementi presenti. Più semplicemente, lo studio dei ruoli semantici necessita di un cambio di prospettiva dal significante al significato. Berruto 2011, cap. 4.3.3

Dal momento che agiscono" al di sotto” della struttura sintattica, i ruoli semantici fanno riferimento alla struttura profonda della frase, e non a quella superficiale come le funzioni sintattiche. Sono due principi che operano su piani diversi della lingua rispettivamente semantica e sintassi. Proprio per questa ragione non c’è corrispondenza biunivoca tra ruoli semantici e funzioni sintattiche.

                                     

3. Lista di ruoli semantici

Non è possibile stabilire una lista universale di ruoli semantici, poiché la loro definizione dipende dalla granularità dellanalisi. La lista che segue riporta i ruoli semantici più frequentemente citati.

  • Località o locativo: luogo o condizione in cui avviene e/o si protrae l’azione ovvero in cui situato l’evento. Esempio: "Maria abita in città ".
  • Attore: lentità che attiva un evento, ma non lo controlla. Esempio: Maria russa".
  • Causa: lentità che provoca il compimento di un processo.
  • Tempo: circostanza temporale di un processo.
  • Ricevente: lentità verso la quale è indirizzato l’evento da non confondere con i due ruoli precedenti.
  • Sorgente o origine: stato iniziale allesecuzione di un processo; luogo o condizione da cui ha origine un evento.
  • Comitativo: lentità che partecipa all’attività svolta dall’agente o con il quale stabilisce una relazione di compagnia. Esempio: "Maria ha discusso la tesi con il professore ".
  • Provenienza: luogo da dove si muove qualcosa. Esempio: "Maria preleva dei soldi dal conto ".
  • Beneficiario o benefattivo: entità che riceve profitto o danno dallazione. Esempio: "Maria ha regalato una borsa a Lucia ".
  • Agente: lentità che compie volontariamente unazione, ed è quindi intenzionalmente parte attiva dellevento. Esempio: Maria mangia una mela".
  • Risultato: stato finale che segue il compimento di un processo.
  • Sperimentatore o esperiente: lentità che prova uno stato o subisce un determinato processo psicologico. Esempio: "A Maria piace il mare".
  • Scopo: stato verso cui mira un processo o unazione.
  • Strumento: lentità inanimata che interviene involontariamente al compimento di unazione o tramite la quale avviene l’azione. Esempio: "Maria taglia una mela col coltello ".
  • Dimensione: estensione nel tempo, nello spazio e/o in altre dimensioni. Esempio: "Maria pesa sessanta chili ".
  • Destinazione: luogo o condizione verso cui si dirige l’evento, o che costituisce la meta di uno spostamento. Esempio: "Maria parte per le vacanze ".
  • Paziente: lentità coinvolta passivamente nell’evento attivato da un agente ne subisce le conseguenze oppure si trova in una determinata condizione. Esempio: "Maria mangia una mela ".

.



                                     
  • In semantica e linguistica computazionale, un frame semantico è una schematizzazione di una situazione, di uno stato o di un evento. Un frame schematizza
  • web semantico Sito ufficiale, su w3.org. Web semantico su thes.bncf.firenze.sbn.it, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. EN Web semantico su
  • ha quindi il ruolo sintattico di dare forma al verbo da coniugare. Trattandosi di un dato semantico e non sintattico, chi svolge il ruolo di agente non
  • in - forniscono informazioni circa il tempo, la diatesi verbale, il ruolo semantico degli argomenti all interno della frase e la focalizzazione. Ad esempio
  • inaccusativo, mentre il ruolo semantico di agente o strumento non viene realizzato né a livello sintattico, né a livello semantico verbi intransitivi e
  • produzione di una risorsa elettronica basata sui cosiddetti frame semantici Un frame semantico fornisce una codifica schematizzata di una situazione, uno stato
  • linguistica, il ruolo semantico di chi compie un azione contrapposto al paziente, che la subisce, e all esperiente, che ha un ruolo intermedio Medicina
  • obliquo di un verbo all argomento cardine di paziente e indica il ruolo semantico del caso obliquo all interno del verbo. Quando un verbo è flesso alla
  • aibo che si compone con il suffissoide - fobia non riveste alcun ruolo semantico ma serve unicamente come artificio per rendere palindroma la parola