Топ-100
Indietro

ⓘ Due amici, film 2002. Due amici è un film del 2002 diretto ed interpretato da Spiro Scimone e Francesco Sframeli. Il film è tratto dallopera teatrale del 1994 N ..




Due amici (film 2002)
                                     

ⓘ Due amici (film 2002)

Due amici è un film del 2002 diretto ed interpretato da Spiro Scimone e Francesco Sframeli.

Il film è tratto dallopera teatrale del 1994 Nunzio dello stesso Scimone. Due amici ha vinto il premio Luigi De Laurentiis per la migliore opera prima alla 59ª Mostra internazionale darte cinematografica di Venezia; i due registi sono stati inoltre nominati al David di Donatello 2003 nella categoria miglior regista esordiente.

I dialoghi tra i due protagonisti sono recitati in dialetto messinese.

                                     

1. Trama

Nunzio e Pino, due siciliani emigrati al Nord, il film è girato a Torino sono amici e vivono insieme in un appartamento. Nunzio è una persona semplice, religiosa ed un po ingenua ma dotata di gran cuore ed è afflitto da una tosse persistente causata dalle polveri che aspira ogni giorno in fabbrica. Pino è un uomo chiuso e schivo, un killer legato in termini lavorativi a un pescivendolo; viaggia in treno di continuo, alla ricerca degli individui che deve uccidere. Il tutto avviene allinsaputa dellamico, incapace di fare del male e affascinato dal continuo viaggiare di Pino. Un giorno Nunzio si innamora di Maria, una ragazza alle prese con una radio non funzionante. Pino cerca in tutti i modi di aiutare lamico a conquistarla, ma limpresa si rivela inutile, in quanto Maria è già innamorata di un barista. Nunzio è abbattuto, ma Pino, affezionato allamico più di ogni altra cosa, decide di lasciare il suo "lavoro", elimina il pescivendolo e, deciso a cambiare vita, parte nuovamente in treno, ma questa volta in compagnia dellentusiasta Nunzio.

                                     

2. Critica

Il dizionario dei film Il Morandini assegna al film tre stelle su cinque, descrivendolo "comicità e dramma; teatro e cinema". Il Farinotti gli assegna invece due stelle su cinque, commentando: "Il film si svolge senza una trama vera e propria, con dialoghi ispirati al teatro dellassurdo".