Топ-100
Indietro

ⓘ Plasticità, arte. La plasticità nelle arti figurative è la qualità di unopera di articolarsi nello spazio, in maniera più o meno spiccata. Il termine ha avuto v ..




Plasticità (arte)
                                     

ⓘ Plasticità (arte)

La plasticità nelle arti figurative è la qualità di unopera di articolarsi nello spazio, in maniera più o meno spiccata. Il termine ha avuto vari significati nel tempo, ma si possono tuttavia indicare due filoni fondamentali:

  • Plasticità in senso illusorio, intesa come capacità di ricreare un effetto di rilievo che in pratica non esiste, tramite vari stratagemmi; per la pittura ad esempio col chiaroscuro, per il rilievo tramite loculata variazione degli spessori, ecc.
  • Plasticità in senso reale, intesa come capacità di plasmare, di dare corpo a una forma tridimensionale; tipica della scultura, è quella bravura nello sfruttare appieno la possibilità di sviluppare una forma nello spazio, in più di una direzione.
                                     

1. Scultura

Larte plastica per eccellenza è la scultura, dove si creano forme tridimensionali che si dispongono naturalmente nello spazio. La scultura a tutto tondo si definisce "plastica" quando il modellato riporta senza semplificarle le forme "naturali", mentre quando queste vengono quasi "disegnate" sulla pietra con scuri solchi di trapano e altri effetti che si limitano a rappresentare la realtà si può tuttal più parlare di rilievo illusorio, simile a quello pittorico.

Una statua tridimensionale non è necessariamente definibile "plastica": a volte i giochi di luce e ombre creano linee e ritmi che niente hanno a che fare con la reale fisicità delle figure che ritraggono: si pensi ai panneggi delle Madonne gotiche che ne nascondono i corpi. Per parlare di plasticità serve un senso di concretezza, di vigore e slancio.

Nei rilievi si può ottenere un senso di plasticità anche con i soli giochi di luci ed ombre che, nonostante una variazione di spessore magari di pochi millimetri, riescano a trasmettere, se osservati in un certo modo in genere frontalmente la sensazione di tridimensionalità. Un esempio tipico è lo stile "stiacciato" di Donatello.

                                     

1.1. Scultura Altri significati

Si parla di "posa plastica" quando una persona si atteggia con eleganza, come se fosse una scultura. In vari contesti laggettivo "plastico" è semplicemente sinonimo di scultoreo: esempio con decorazione "plastica" di un edificio, si intende il suo abbellimento con statue e rilievi.

                                     

2. Pittura

In pittura il concetto plasticità è legato al problema della resa dello spessore e del volume delle figure, pur disponendo di una superficie bidimensionale. Le fonti antiche ci tramandano come questo problema fosse stato già affrontato e superato dai pittori greci a partire dal V secolo a.C. Lillusione di tridimensionalità si ottiene essenzialmente tramite lo studio delle luci ed ombre e tramite lapposizione di un efficace chiaroscuro; inoltre devono essere rispettati, almeno sommariamente, i rapporti dimensionali e spaziali tra le varie figure e tra di esse e lo sfondo.

Nella storia dellarte occidentale, se nella pittura medievale prevalevano in genere caratteristiche di piattezza che aumentavano un senso simbolico e astratto, a partire da Cimabue, alla fine del XIII secolo in Italia, si tornò a porsi il problema di come la luce illumini realisticamente le figure, in modo da ottenere un maggiore realismo e, quindi, senso di rilievo. Tali scoperte vennero poi pienamente sviluppate da Giotto e ancora di più da Masaccio, per poi venire accolte e sviluppate dagli altri pittori rinascimentali, fino alla piena espressione volumetrica di Michelangelo o di Raffaello.

Nel Nord-Europa fece invece scuola la produzione artistica alla corte del Duca di Borgogna, con lesempio delle vigorose statue di Claus Sluter, alla cui massiccia fisicità attinsero pittori come Jean Malouel e poi Robert Campin e Jan van Eyck, fondatori della scuola fiamminga.



                                     

3. Architettura

Anche in architettura si può parlare di plasticità, intesa come qualità di un edificio di svilupparsi liberamente nello spazio, lasciando perfettamente visibile il suo volume e la ricchezza di forme articolate. Il concetto si applica tipicamente allarchitettura barocca, dove le superfici appaiono spesso modellate come sculture. La plasticità è spesso data poi dal chiaroscuro e dal movimentato disporsi degli elementi architettonici. Il contrario è un effetto compatto e piano.

La plasticità di un edificio si percepisce meglio quando esso si trovi isolato nel contesto.

                                     
  • La plasticità è la caratteristica di un materiale di essere plasmabile. Seppure il termine plasticità sia usato prevalentemente per indicare una certa
  • Piet Mondrian, né con il movimento da lui nominato Neoplasticismo. Plasticità arte Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini
  • capitale. Le caratteristiche più evidenti dei canoni dell arte bizantina sono la religiosità, l anti - plasticità e l anti - naturalismo, intese come appiattimento
  • l eredità. Le caratteristiche più evidenti dei canoni dell arte bizantina sono la religiosità, l anti - plasticità e l anti - naturalismo, intese come appiattimento
  • Per arte romana si intende l arte della civiltà di Roma, dalla fondazione alla caduta dell Impero d Occidente, sia nella città che nel resto d Italia
  • Per arte ottoniana si intende la produzione artistica fiorita in Europa occidentale a partire dalla dinastia ottoniana, all incirca dall 887 deposizione
  • la piattezza delle superfici, la profondità degli intagli, dalla dolce plasticità dei capitelli, e successivamente nel VI secolo per le forme più aspre
  • statua equestre di Marco Aurelio sul Campidoglio. In questo periodo la plasticità del rilievo si va dissolvendo a favore d effetti ottici e illusionistici
  • annullano la rappresentazione individuale di matrice greca anche la plasticità è diminuita. L imperatore appare su un piedistallo circondato dai generali
  • un nuovo senso della plasticità si diffonde nel sud della Germania, in Ungheria, Svizzera e Boemia. Nell alto Medioevo l arte celtica in Irlanda territorio