Топ-100
Indietro

ⓘ Ausculum. La prima era la principale città dei Piceni, che occuppavano allincirca i territori delle attuali Marche e del nord dellAbruzzo. Le origini del nome A ..




                                     

ⓘ Ausculum

La prima era la principale città dei Piceni, che occuppavano allincirca i territori delle attuali Marche e del nord dellAbruzzo.

Le origini del nome Asculum si devono probabilmente ad un condottiero di origine pelasga, Aesis. Secondo il poeta latino Silio Italico, infatti, la popolazione greca dei pelasgi, guidati da Aesis, risalirono le coste dellAdriatico e si insediarono nel territorio piceno, fondendosi con le popolazioni autoctone. Dalla radice del nome del condottiero greco risalirebbero quindi alcuni toponimi quali Ascoli, Jesi Aesis in età romana e Aso. Lappellativo Piceno indica che la città venne a far parte del territorio dei Piceni, una popolazione di origine sabina stanziatasi nelle coste dellItalia centrale fin dalletà del ferro.

I primi contatti tra Asculum e Roma avvennero per via dei commerci che avvenivano lungo la futura via Salaria, importante collegamento tra Tirreno ed Adriatico. In seguito alla sua sconfitta da parte dei Romani nel 268 a.C., Asculum divenne una civitas foederata.

Nel 90 a.C. fu la prima città a ribellarsi al dominio di Roma, e la rivolta scoppiata diede origine alla guerra sociale. I Romani, guidati da Gneo Pompeo Strabone, conquistano e saccheggiano Asculum nell89 a.C., che diventa quindi municipio romano. La città assaggia un periodo di grande prosperità sotto limpero di Augusto che istituirà la Regio V Picenum, in cui si arricchisce di templi, teatri, domus, ponti e fortificazioni.

                                     

1. Ascoli Satriano

La seconda Asculum era una città sul territorio dei Dauni, posta lungo la via Appia Antica che collegava Roma con Brindisi. Lorigine del nome deriva dalla parola auss, che significa fonte. Tale toponimo è presente, scritto in lingua greca, su delle monete coniate dalla città tra il IV e il III secolo a.C.

Vi si combatterono due battaglie:

  • La Battaglia di Asculum del 279 a.C., che vide la vittoria di Pirro contro la Repubblica romana durante le Guerre pirriche.
  • La Battaglia di Asculum del 209 a.C., durante la Seconda guerra punica, nella quale Annibale sconfisse lesercito romano comandato da Marco Claudio Marcello.
                                     
  • console nel 279 a.C., sconfitto nella battaglia di Ascoli di Puglia Ausculum Apulum da Pirro, morì sul campo come gli avi immolandosi agli dei. Pirro
  • Le grotte dell Annunziata sono una delle costruzioni monumentali della Ausculum romana oggi Ascoli Piceno esse sono in realtà grotte artificiali, tecnicamente
  • svoltasi l anno seguente EN Pyrrhus, su classics.mit.edu. La Battaglia di Ausculum su Warfare - arte militare, storia e cultura strategica, su warfare.it
  • i Latini, mentre il figlio morì sconfitto da Pirro nella battaglia di Ausculum Ascoli Satriano mentre era console nel 279 a.C.. Alcuni storici moderni
  • Vieste Arpi, Argyrippa o Argos Hippium Arpinova, frazione di Foggia Ausculum Ascoli Satriano Azetium Rutigliano Barduli Barletta Barium Bari
  • Durante la guerra civile, troviamo una prima volta Lucio Vibullio Rufo ad Ausculum l odierna Ascoli Piceno, impegnato a reclutare soldati per conto di Pompeo
  • rilevanti le monetazioni di Ariminum Rimini Iguvium Gubbio Tuder Todi Ausculum Ascoli Satriano Firmum Fermo Hatria - Hadria Atri e quelle emesse
  • Nuceria Alfaterna, Phistelia, Suessa, Teanum Sidicinum Apulia: Arpi, Ausculum Butuntum, Canusium, Hyria, Hyrium, Teate Apulia Venusia Calabria: Rudiae
  • l edificazione di Falerio Picenus punto di snodo fra Firmum, Urbs Salvia e Ausculum La rappresentazione grafica di Falerio Picenus nel codice Acernario del
  • famoso per la frase Vittoria di Pirro che si riferisce alla Battaglia di Ausculum Nel 146 a.C. Amvrakia divenne parte dell Impero Romano e la provincia
  • presso Troia Vibinum Bovino Castelluccio dei Sauri, Herdonia Ordona Ausculum Ascoli Satriano Ripalta presso Cerignola Canusium Canosa Melfi