Топ-100
Indietro

ⓘ Dubito, o più popolarmente Balle, è un gioco di carte molto semplice che può essere giocato a tutte le età e con un numero estremamente variabile di giocatori. ..




Dubito
                                     

ⓘ Dubito

Dubito, o più popolarmente Balle, è un gioco di carte molto semplice che può essere giocato a tutte le età e con un numero estremamente variabile di giocatori. Si basa sulla capacità di cogliere i bluff degli avversari, cioè sullabilità di intuire quando gli avversari dicono o meno la verità circa le carte che giocano nei vari turni della partita. Il gioco è citato nel film Come farsi lasciare in 10 giorni dove viene chiamato nel doppiaggio italiano proprio con il nome di Balle. Il gioco termina quando un giocatore rimane senza carte da gioco.

                                     

1. Preparazione

Per giocare si necessita solo di un mazzo di 52 carte come pinnacola o scala 40 2 se i giocatori sono superiori a 5. Stabilito chi svolgerà il ruolo di mazziere, vengono distribuite tutte le carte a due a due in senso antiorario. Eventuali resti vengono scartati.

                                     

2. Come si gioca

Lo scopo del gioco consiste nello scartare tutte le proprie carte e vince chi per primo raggiunge questo obiettivo.

Inizia a giocare il giocatore a sinistra del mazziere scartando a sua scelta una ed una soltanto delle sue carte tenendole coperte ma dichiarandone il valore presunto di cui appunto gli altri giocatori potranno dubitare. Chi scarta può quindi lecitamente mentire circa il valore delle carte ma nel caso di scarto multiplo deve comunque dichiarare che le carte siano tutte dello stesso valore per esempio, due 7,o tre re.

Se nessuno dubita della veridicità della dichiarazione le carte vengono depositate in mucchio che non potrà essere consultato e toccherà al giocatore successivo che dovrà scartare a sua volta da una a quattro carte ma necessariamente di valore maggiore del giocatore precedente per esempio se il precedente aveva dichiarato due 5, il giocatore successivo dovrà dichiarare almeno da uno a quattro 6.

Il gioco continua similarmente ad ogni turno fino a che uno dei giocatori finisce le sue carte vincendo appunto la partita, se si giunge ai re senza finire la partita si riparte a dichiarare da valori bassi lasso viene infatti considerato il valore minore e non il maggiore come in altri giochi.

Il fulcro del gioco è la mossa del "Dubito!". Infatti al termine dello scarto e della dichiarazione di un giocatore uno qualsiasi degli avversari può, se ritiene che la dichiarazione sia falsa, dichiararlo esplicitamente dicendo appunto "Dubito!". A questo punto si verificherà la veridicità della dichiarazione con due possibili esiti. Se il dichiarante aveva detto il vero il dubitatore verrà penalizzato con la raccolta di tutte le carte scartate fino a quel momento; viceversa se invece il giocatore che ha dubitato ha scoperto il bluff dellavversario sarà questultimo a venir penalizzato alla stessa maniera. Tutti gli assi valgono come "jolly" nelle dichiarazioni. Vince il giocatore che rimane senza carte da gioco

Nessun giocatore può passare il proprio turno di gioco e alla fine della partita per il perdente può essere applicata una penitenza. Non si vince col jolly

                                     

3. Variante

  • Una variante consiste nel dichiarare non carte uguali per valore ma in sequenza e dello stesso seme. Così il primo giocatore potrà scartare da una a quattro carte in sequenza di fiori o di unaltra famiglia, per esempio 7-8-9-10, ed il giocatore successivo dovrà allora necessariamente continuare la serie, dichiarare quindi almeno una J di fiori nel nostro esempio. Ovviamente alla fine di una sequenza, ad esempio arrivati alla K di fiori nel nostro caso, si può aprire una nuova serie.
  • Una variante molto popolare in Russia è il gioco "Verju ne verju".
  • Unaltra variante è giocabile con il mazzo napoletano e si può scartare sia la stessa carta, sia una più bassa, sia una più alta es.5=4-5-6.
                                     
  • che mi permette di dedurre l essere o la verità: Cogito ergo sum, ovvero dubito quindi sono Il dubbio, così, non è più espressione della verità com era
  • Abramo dimostrò una fiducia in Dio incrollabile, l officiante di Bolsena dubitò invece della transustanziazione. La scena, derivante dalla Genesi XXII
  • διδασκαλίας La tradizione sul santo è talmente leggendaria che a lungo si dubitò della sua stessa esistenza. Tuttavia nel 1883 l archeologo William M. Ramsay
  • espresso questa opinione: Il gambetto di Budapest è un apertura rispettabile, dubito che ci sia una confutazione. Anche nelle linee dove il bianco riesce a mantenere
  • 5: 59 Vento di ricordi - Renatozero Riccardi - Renatozero - 5: 03 Dubito - Renatozero Podio - Renatozero - 6: 32 Chi - Renatozero Baldan - Renatozero
  • appendice al catalogo Tuttavia Alfred Einstein, revisore del catalogo Köchel, dubitò dell autenticità dell opera, dubbio che fu confermato nel 1977, quando nel
  • Castro muoia quanto prima. Non dico che lo uccidano, dico che muoia, perché dubito che qualcosa possa cambiare a Cuba finché è in vita È morta a causa di
  • fatto. Dave Campos, ex detentore del record del mondo di velocità su moto, dubitò che la Tomahawk potesse superare le 200 mph 320 km h perché a quella
  • curatore della via Augusta Sallentina. Descritta dal Muratori, questi ne dubitò della veridicità in quanto ai suoi tempi non vi erano prove dell esistenza
  • sua qualifica di membro nella mini - serie Vendicatori JLA quando la League dubitò che fosse lì per aiutarli. Lo Straniero è stato protagonista anche in una
  • bruciare né lei né i suoi vestiti. Patrizio rimase così soddisfatto e non dubito più di suo nipote. L attore Mel Gibson prese il nome da questo santo perché