Топ-100
Indietro

ⓘ Gagliano Castelferrato è situato nella parte settentrionale della provincia di Enna, in posizione lievemente arroccata su un declivio di un colle roccioso di tu ..




Gagliano Castelferrato
                                     

ⓘ Gagliano Castelferrato

Gagliano Castelferrato è situato nella parte settentrionale della provincia di Enna, in posizione lievemente arroccata su un declivio di un colle roccioso di tufo rispetto al fondovalle ad una altitudine collinare; il suo territorio confina a nord con Troina e Cerami, a nord-ovest con Nicosia, a ovest e a sud-ovest con Nissoria, a sud con Agira, a sud-est e a est con Regalbuto.

                                     

1. Storia

Il centro fu fondato nel 1900 a.c. da Morgete Siculo re dei Sicani con il nome di Galaria; fu già abitato in epoca preistorica e citato da Diodoro Siculo fra le città che presero parte alle guerre Assedio di Centuripe e Galaria attuate da Agatocle, tiranno di Siracusa per la conquista dei governi oligarchici della Sicilia.

Da Gagliano passeranno diverse civiltà tra le quali Greci, Romani, Bizantini, Barbari e Musulmani. La venuta degli Arabi in Sicilia vide la popolazione galarina coinvolta in una epica battaglia nell’anno 858 d.c. L’assedio durò circa due mesi. I musulmani guidati da Abbas strinsero d’assedio il Castello. Alla fine linevitabile caduta del Castello in mano straniera lo portò a una fase di declino fino alla venuta dei Normanni in Sicilia. Re Ruggero conquistato il castello lo consegnò a coloro che avevano militato e combattuto sotto le sue insegne. Gagliano così assume il titolo di Baronia, Contea, Principato, Viscontea e perfino di Vicaria. Dalle buone condizioni del dominio dei Normanni la Sicilia passò agli Svevi, durante questo periodo Gagliano fu concesso a Riccardo Fulgone Dal Poggio, per gli importanti servigi resi a FEDERICO II. Nel 1268 in Sicilia iniziò la dominazione Agioina fino alla ribellione del Vespro del 1282 che portò al trono di Sicilia PIETRO D’ARAGONA.

MONTANEIRO SOSA, barone, dal 1292 fu feudatario di Gagliano, nonché padrone dellantico Castello. Montaneiro passò inoltre alla storia per il cosiddetto "Fatto di Gagliano", in cui, con un gioco di astuzie, riuscì ad attirare in una trappola lesercito francese che subì una pesante sconfitta, ed è più volte indicato nelle fonti narrative come familiare dei reali di ARAGONA, essendo in effetti un familiare fedelissimo di Re FEDERICO III di Sicilia o di Trinacria, celebrato da Dante Alighieri nella Divina Commedia come "lonor di Cicilia e dAragona". Nel febbraio del 1300 venne promesso, con un tranello, agli Angioini il castello di Gagliano. Trecento cavalieri abbandonarono Catania per andare a prendere possesso dell’importante castello dove invece trovarono l’esercito siciliano che li sconfisse infliggendo una durissima perdita alle truppe nemiche che tenevano Catania.

Vi fu un momento in cui si temette che l’isola sarebbe ricaduta sotto la dominazione Angioina, se non fosse stato per quella memorabile battaglia di Gagliano, avvenuta nel febbraio del 1300, che avvilì e segnò la definitiva sconfitta dei francesi. Fu proprio da Gagliano che partì il segnale d’allarme per la ricacciata totale dalla Sicilia del nemico.

Subito dopo la celebre battaglia menzionata, un’altra pagina di storia locale si apre con il soggiorno del più illustre ed benemerita personalità del tempo, lustro e decoro della Sicilia, Re FEDERICO III.

Fu il castello di Gagliano, slanciato e solenne, forte ed inespugnabile, ricco e sontuoso, arieggiato e spazioso, la dimora accogliente, scelto ed adatto ad ospitare il re in persona con tutta la sua corte e il suo seguito.

Tra il 1300 e il 1356, i legittimi eredi sul trono di Gagliano furono: PIETRO e LUDOVICO, per poi passare nelle mani della famiglia TEDESCHI. Subito dopo fu nominata con titolo di Signora di Gagliano Eufemia dAragona sorella reggente del giovane Re FEDERICO IV D’ARAGONA RE di SICILIA e successivamente DI TRINACRIA. In diversi momenti il Castello di Gagliano fu per loro dimora accogliente e sicura. In seguito alla sua morte, fu nel 1359 BERNARDO SPADAFORA ad occupare il Castello.

A causa di una dominazione poco accetta, nel 1392 furono, prima PERIO SANCIO di CALATAIUDO e poi ROBERTO detto MILES, ad occupare il Castello con la forza. Questo ultimo tenne il Castello fino al 1419 epoca in cui fu attaccato e poi sconfitto da ALMIRANTE SANCIO RUIZ de LIBORIO. Nel 1455 questo ultimo vendette il Castello le terre di Gagliano a LUDOVICO de PERIGLIOS.

La dominazione dei PERIGLIOS fu abbastanza lunga e piena di avvenimenti. Fu poi don ALMERICO CENTELLES nel 1515 a sancire la fine dei PERIGLIOS. Dal 1629 al 1689 Gagliano fu dominata da GREGORIO CASTELLO. Lui stesso nel 1666 fu il primo a ricevere il titolo di" Principe di Gagliano”.

Il suo erede fu il primogenito FERDINADO CASTELLO. La dinastia dei CASTELLO finì nel 1743. La dominazione continuò prima con don GABRIELE e poi con don CARLO GIROLAMO LANCILLOTTO CASTELLO. Nel 1750 la terra di Gagliano fu venduta ad ALVARO VILLADICANI che la possedette fino al 1809. Da qui riprende la successione dei LANCILLOTTO CASTELLI, con il primogenito don VINCENZO CASTELLI che fu investito il 30 marzo 1809.

Una delle pagine storiche più espressive che visse Gagliano fu quella del 27 ottobre 1962. Qui ebbe luogo lultimo discorso del presidente dellENI Enrico Mattei, per celebrare linizio dellattività di estrazione del gas. Al rientro a Milano il suo aereo precipitò, provocandone la morte.

                                     

2.1. Monumenti e luoghi dinteresse Rocca

Il monumento che maggiormente caratterizza il panorama è la "rocca", un castello scavato nella roccia. Vito Amico lo descriveva così: "Antico paese sotto dirupata e scoscesa rupe, sovrapposto a declive altura, rivolta a Scirocco, da ogni dove ricinto da colline; le viscere poi della rupe da ferro incavate presentansi in forma di fortezza che sebbene attualmente sia involta in ruine conserva non oscure vestigia di antica magnificenza, e decentissime abitazioni appresta pel Barone con oratorio, da poco tempo formate. Derivasi come appare dai ruderi, aver compreso un tempo la medesima rocca cinque torri, dodici fosse e cisterne, diciassette spelonche da congresso, trenta aule e più, nella maggior parte nel vivo sasso incavate."

                                     

2.2. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa madre di San Cataldo

La chiesa, posta proprio sotto lantico e imponente castello rupestre, sembra risalire ai primi anni del XIV secolo ed è dedicata a San Cataldo vescovo, patrono del paese. Il prospetto in pietra calcarea, è ornato con un portale con colonne che sorreggono una nicchia che custodisce la statua del Santo. Linterno, ad aula unica con ampie cappelle laterali, in alto si scorge il seicentesco tetto ligneo a cassettoni.

Notizie storiche
  • Una Bolla Pontificia del 1334 concedeva indulgenze a tutti i fedeli che avessero contribuito alla costruzione della chiesa in onore di San Cataldo.
  • Nel 1589 vengono costruite tre cappelle sul lato destro dellaula.
  • 1972 - 2014 Restauro e consolidamento dellintero edificio.
  • Da alcuni documenti emerge che la chiesa venne aperta al culto in data 1304. La chiesa doveva essere ad aula unica con una cappella attigua allaltare maggiore.
  • 1727 costruzione ala sinistra?) costruzione della cappella in onore di Maria SS. Assunta.
Presbiterio
  • sulla destra: Bottega siciliana sec. XIX, Dipinto di San Giuseppe con Gesù Bambino, olio su tela.
  • Bottega siciliana secc. XVI-XVII, Mostra dorgano, legno intagliato, dipinto, dorato.
  • Bottega siciliana 1782, Coro, iscrizione documentaria stallo: A. D./ MDCCLXXXII / XV IND.
  • Sullambone le fiamme del roveto ardente operra del maestro Padre Marko Ivan Rupnik, 2014.
  • Volta decorata in stile barocco con unghie di gusto toscano.
  • sulla sinistra: Bottega siciliana sec. XVII, Dipinto del Martirio di Santa Margherita, olio su tela.
  • Ai piedi della mensa, croce dorata con agnello, opera del maestro Padre Marko Ivan Rupnik, 2014.
Prima campata di destra
  • Fonte battesimale in marmo
  • Bottega siciliana inizio sec. XVI, Dipinto dellUltima cena, olio su tela
  • Nella volta sono presenti dei frammenti di decorazione pittorica raffiguranti i santi dottori della Chiesa: Gerolamo, Agostino, Gregorio Magno e Ambrogio.
Seconda campata di destra
  • Bottega siciliana sec. XVIII, Gesù Cristo consegna le chiavi a San Pietro Traditio clavis, olio su tela.
  • Nellarco esterno, frammenti di pitture murarie raffiguranti due angeli e lo stemma pontificio.
Terza campata di destra
  • Nella volta frammenti di pitture murarie.
  • Bottega siciliana XVII secolo, Dipinto dellAdorazione della Trinità, olio su tela.
Quarta campata di destra
  • Bottega siciliana inizio XIX secolo, Dipinto della Madonna dellAddolorata, olio su tela.
  • Frammento di pittura muraria.
Quinta campata di destra
  • Bottega siciliana sec. XVIII, Statua della Madonna dellImmacolata, legno scolpito e dorato.
  • Sulla destra: Bottega siciliana sec. XVII, Dipinto dei SS. Vito, Modesto e Crescenza, olio su tela.
  • Ambito gaginesco sec. XVII, Tabernacolo a tempietto, marmo bianco scolpito, soggetto: Dio padre benedicente; San Pietro; San Paolo; Angeli adoranti Gesù Cristo. Iscrizione sacra cartiglio della base: VENITE AD MEOMNES QUI / LABORATIS ER ONERATIS ESTIS / ET EGO REFITIAM VOS. Stemma ai lati, nella base identificazione: Galletti Lorenzo Scudo diviso con gallo e albero a sinistra e reticolo a rombi a destra

Altare dellImmacolata

  • Manifattura siciliana sec. XVIII, Paliotto avorio dorato con Monogramma della Madonna, taffetas di seta ricamato; ricamo in argento laminato, argento filato.
  • Ai lati, pitture raffiguranti i santi Gioacchino e Anna.
  • Alatre con colonne tortili e stemma della famiglia Biondi.
  • Bottega siciliana XVIII secolo, Dipinto della Madonna Immacolata, olio su tela. Arme in basso a sinistra. Identificazione: Biondi.
Altare del Crocifisso
  • frammento di tabernacolo in marmo
  • urna processionale del venerdì santo
  • paraste decorate
  • Crocifisso dei primi del Novecento.
Cappella di San Cataldo
  • Bottega siciliana sec. XVII, Dipinto di San Cataldo e scene di vita del santo, olio su tela. Iscrizione documentaria in basso ANTONIUS CARCHIOLUS PROCURATOR HUIUS MATRICIE ECCLESIAE
  • Frammenti di pittura muraria raffigurante San Cataldo che guarisce un giovinetto.

Sacello di San Cataldo

  • Sulla destra, bottega messinese 1652, Reliquiario a statua di San Cataldo, argento in lamina, sbalzato, cesellato, inciso e legno. Iscrizione elogiativa base: SAN CATALDO PROTETTORE DI GAGLIANO
  • Bottega siciliana, Macchina processionale di San Cataldo, legno scolpito, intagliato, dorato, dipinto. Iscrizione documentaria base: UNIVERSITAS / GALIANI FECIT / A. D. 1579
  • Sulla sinistra, bottega siciliana XVIII secolo, Reliquiario a cassa di San Cataldo, legno scolpito, intagliato, dipinto.
  • Nella parete di sinistra, Armadio in pietra a sinistra datato 1778.
  • Al centro, bottega siciliana 1578, Statua di San Cataldo, legno scolpito, intagliato, dorato, dipinto. Iscrizione documentaria scena dellAnnunciazione dipinta nello scudo del piviale


                                     

2.3. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa di Santa Maria delle Grazie

La chiesa che vediamo oggi è stata edificata negli anni 50 sulle rovine della precedente struttura seicentesca minata durante la seconda guerra mondiale. Nelle pareti laterali troviamo le statue di San Giuseppe, Sacro Cuore, Madonna delle grazie e Gesù Infante. Lunica cappella nella chiesa è dedicata alla Madonna del Rosario. La statua della Madonna del Rosario è una delle poche cose che furono salvate dalla chiesa prima che venisse minata il 30 luglio del 1943. Di interesse artistico è anche il bassorilievo in argento raffigurante il Buon Pastore, anchesso scampato al crollo della chiesa, è oggi incastonato nella porta del Tabernacolo sul presbiterio. Dal 2017 la chiesa è dotata di un nuovo ambone e di un nuovo altare entrambe opere uniche dellartista Dino Cunsolo. Lambone raffigura lincontro tra Cristo risorto e la Maddalena nella famosa scena di "noli me tangere". Laltare raffigura i santi legati alla storia di questa chiesa: San Cataldo vescovo e patrono di Gagliano Castelferrato, santa Teresa dAvila riformatrice dellordine carmelitano il cui convento era annesso alla chiesa, san Sebastiano martire la cui statua fu per anni presso un altare laterale e santa Maria delle grazie titolare della chiesa. Questi santi, in cammino sulla strada della Croce di Cristo, guardano verso lAgnello adagiato sul libro con i sette sigilli.

Cenni storici: Costruita nel 1575, originariamente era la chiesa dellattiguo monastero di clausura delle Carmelitane. Di stile barocco, conservava molte opere darte di pregevole fattura, e vi si trovavano quattro altari: il primo di santa Teresa, il secondo della Madonna del Rosario, il terzo della Passione di Gesù ed il quarto della Sacra Famiglia. Alla sommità del campanile, inoltre, si trovava una guglia. La chiesa è stata minata dallesercito tedesco in ritirata il 30 luglio 1943. Per volontà dellArciprete Giuseppe Grippaldi fu ricostruita e consacrata in 22 luglio 1956. Il 30 aprile del 1996 la chiesa viene riaperta al culto dopo il completamento dei lavori voluti dal Sac. Vito Bottitta che hanno interessato la costruzione del campanile e del rifacimento tel tetto e del solaio. Il 25 febbraio 2017 viene solennemente benedetto il nuovo altare, la sede e lambone voluti dal Sac. Pietro Antonio Ruggiero.

                                     

2.4. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa di Santa Maria di Gesù

La chiesa e il convento annesso furono fatti costruire intorno al 1658 per volontà del principe Ferdinando Lancillotto Castelli. La chiesa si presenta ad unica navata, con coro posto su un livello differente rispetto al resto della chiesa. Colpisce, entrando, la maestosità della tela raffigurante Maria coronata da angeli, e ammirata dai santi Francesco, Cataldo, Maurizio e Chiara. Di rilievo è la custodia di respiro settecentesco posta al centro del presbiterio. Le altre due tele ai lati raffigurano San Cataldo in preghiera e di Santa Geltrude Comensoli. Nelle pareti laterali sono stati costruiti altri altari, partendo da sinistra troviamo le spoglie di San Maurizio martire conservate in unurna di rilievo artistico. A seguire un Crocefisso attribuibile alla scuola del Beato Umile da Petralia, contornato da affreschi. Conclude laltare di SantAntonio da Padova. Sul lato destro, troviamo laffresco e la tela raffiguranti due momenti della vita di S. Pasquale Baylon. Segue la statua in marmo della Madonna di Gesù, con affreschi a contorno. Conclude laltare del bambino di Praga.

                                     

2.5. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa di SantAgostino

La chiesa di SantAgostino fu probabilmente edificata al posto di un refettorio dedicato a San Giovanni Battista. Fino al dopoguerra era anche dotata di campanile e convento, poi demoliti perché pericolanti. Sullaltare troviamo una tela del seicento che raffigura SantAgostino e Santa Monica che ricevono la cintura dellordine dalle mani della Madonna. Negli altari laterali ci sono altre due tele, una raffigura San Giovanni Evangelista rapito in estasi durante la visione dellapocalisse, e laltra riporta San Tommaso da Villanova raffigurato del gesto di distribuire elemosina ai poveri. Nella chiesa proviamo anche la preziosa statua di San Giovanni Battista attribuita al Li Volsi da Nicosia, e la cinquecentesca statua di Santa Maria Maddalena. Di elevato valore devozionale sono anche i simulacri della Madonna Addolorata ottocento e di Santa Rita da Cascia prima metà del novecento. Completano la nostra panoramica un Crocefisso e lormai celata statua di San Nicola da Tolentino.



                                     

2.6. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa di San Giuseppe

La chiesa di San Giuseppe fu fatta costruire nel 1630 dal sacerdote Pietro Leto, come si rileva da uniscrizione incisa su una pietra posta sul frontespizio del portale dingresso. Nel suo esterno, ledificio si presenta in uno stile semplice e sobrio, mentre il suo interno, costituito da ununica navata, è arricchito da alcuni elementi decorativi come cornici e stucchi che gli danno un afflato, per certi versi, baroccheggiante. Particolarmente rilevante è la policromia delle pareti e degli archi caratterizzata dallazzurro, dallocra e dal rosa che sono emersi da qualche anno a questa parte dopo alcuni lavori di pulitura. Colpisce per la bellezza e per loriginalità la custodia lignea decorata in oro, collocata sullaltare così come la tela rappresentante la natività posta sul presbiterio. Altre opere prominenti sono il crocifisso ligneo, situato sulla parete sinistra, il gruppo scultoreo della Sacra Famiglia e la statua della Madonna del Carmelo, posta sul lato destro. Le pareti laterali sono parimenti arricchite da tele considerevoli sia per la bellezza sia per particolarità decorativa delle cornici; alcune hanno anche un grande valore storico poiché originariamente appartenevano ad alcune chiese SantAntonio Abate e Santa Maria Lo Piano, oggi diroccate ne testimoniano lesistenza e il valore.