Топ-100
Indietro

ⓘ Modest Ilič Čajkovskij è stato un drammaturgo e librettista russo, fratello minore di Petr Ilič Čajkovskij. ..




Modest Ilič Čajkovskij
                                     

ⓘ Modest Ilič Čajkovskij

Modest Ilič Čajkovskij è stato un drammaturgo e librettista russo, fratello minore di Petr Ilič Čajkovskij.

                                     

1. Biografia

Come il fratello, seguì un corso di studi in legge e si laureò in giurisprudenza. Nel 1876, Modest divenne il precettore del giovane ragazzo sordomuto Nikolaj Kolja Hermanovič Konradi 1868-1922 e, adoperando un metodo speciale, gli insegnò a parlare, scrivere e leggere.

Modest decise di dedicare la sua vita alla musica ed alla letteratura. Scrisse opere per il teatro di prosa, tradusse sonetti di Shakespeare in lingua russa e scrisse i libretti per le opere di suo fratello, ma anche per altri compositori come Eduard Nápravník, Arsenij Nikolaevič Koreščenko, Anton Stepanovič Arenskij e Sergej Vasilevič Rachmaninov. Essendo lamico più intimo di suo fratello, divenne il suo primo biografo, ed anche il fondatore del Museo Čajkovskij a Klin.

Così come il suo più famoso fratello, egli era omosessuale.

Morì a Mosca nel 1916.

                                     

2. Libretti

  • La dama di picche Пиковая дама - Pikovaja dama, musica di Petr Ilič Čajkovskij, op. 68, 1890 prima: 19 dicembre 1890, San Pietroburgo.
  • Nal e Damajanti Наль и Дамаянти, tratta dal poema Mahābhārata, musica di Anton Stepanovič Arenskij, prima: 22 gennaio 1904, Mosca.
  • Dubrovskij Дубровский, musica di Eduard Nápravník, musica di Arsenij Nikolaevič Koreščenko, prima: 20 novembre 1900, Mosca.
  • Iolanta Иоланта – Iolanthe, tratta dal lavoro teatrale danese Kong Renés Datter King Renés Daughter di Henrik Hertz. Lopera venne tradotta da Fedor Miller ed adattata da Vladimir Rafailovič Zotov, musica di Petr Ilič Čajkovskij, op. 69, 1891.
  • Francesca da Rimini Франческа да Римини sulla storia delleroina Francesca da Rimini dal V canto dellInferno di Dante, musica di Sergei Rachmaninov, op. 25.