Топ-100
Indietro

ⓘ Joan Fontaine, nome darte di Joan de Beauvoir de Havilland, è stata unattrice britannica naturalizzata statunitense. Raggiunse lapice della notorietà fra gli an ..




Joan Fontaine
                                     

ⓘ Joan Fontaine

Joan Fontaine, nome darte di Joan de Beauvoir de Havilland, è stata unattrice britannica naturalizzata statunitense.

Raggiunse lapice della notorietà fra gli anni quaranta e gli anni cinquanta, vincendo un Oscar alla miglior attrice protagonista per la sua interpretazione nel film di Alfred Hitchcock Il sospetto 1941, con Cary Grant. Cittadina statunitense dal 1943, il suo nome è inscritto nella Hollywood Walk of Fame.

                                     

1. Biografia

Figlia di Walter de Havilland, avvocato britannico con studio legale in Giappone, e di Lilian Augusta Ruse, attrice conosciuta col nome darte di Lilian Fontaine, è sorella minore di unaltra star hollywoodiana, Olivia de Havilland. Entrambe frequentarono la Los Gatos High School e la Notre Dame High School a Belmont California, una scuola di ispirazione cattolica.

Linfanzia di Joan fu particolarmente difficile per motivi di salute che le sarebbero derivati o che sarebbero stati acuiti dalla separazione dei genitori. Su consiglio dei medici, la madre portò le due sorelle negli Stati Uniti, fissando la propria residenza a Saratoga, nella Contea di Santa Clara in California. Alletà di quindici anni Joan fece ritorno in Giappone, andando a vivere per due anni con il padre.

                                     

1.1. Biografia Carriera

Dopo aver studiato recitazione con Max Reinhardt, esordì nel cinema nel 1935 con due film: Call It A Day e Non più signore, rivelandosi uninterprete attenta e sensibile, capace di dare vita a ritratti di donne fragili ed insicure, vere protagoniste di drammi psicologici. Dopo il debutto, fu messa sotto contratto dalla RKO. Nel contempo lavorava per il teatro a Broadway in Forty Carats, la rivista Quaranta Carati che le assicurò una certa notorietà.

Ebbe poi una parte di maggior spessore nel film Una magnifica avventura 1937 di George Stevens, a fianco di Fred Astaire e George Burns. Ma il film si rivelò un fiasco. Joan Fontaine apparve successivamente in circa una dozzina di commedie, solitamente in ruoli di eccentrica ereditiera, senza riuscire tuttavia a ricavarsi uno spazio adeguato, tanto che la casa cinematografica decise nel 1939 di non rinnovarle il contratto. Nello stesso anno si sposò per la prima volta, convolando a nozze con lattore britannico Brian Aherne, da cui divorzierà nel 1945.

La sorte per lei cambiò una sera ad un party, a cui era stata invitata e nel quale si trovò seduta accanto al produttore David O. Selznick. Lei e Selznick iniziarono a conversare su un lavoro di Daphne du Maurier, il romanzo Rebecca, e il produttore alla fine della serata le fissò un incontro per un provino. Fu così che Rebecca - La prima moglie debutto americano di Alfred Hitchcock segnò lesplosione della carriera dellattrice. Il film uscì nel 1940 e Joan ottenne una nomination allOscar per la migliore interpretazione femminile. Non riuscì ad aggiudicarsi la statuetta in quelledizione che andò a Ginger Rogers per Kitty Foyle, ragazza innamorata ma vi riuscì lanno seguente - sempre come miglior attrice protagonista - per linterpretazione nel film Il sospetto 1941, anchesso diretto da Hitchcock il film le valse anche nello stesso anno il New York Film Critics Circle Award come migliore attrice ed è da ricordare che quella fu lunica interpretazione di una pellicola di Hitchcock premiata con un Oscar.

Fra i suoi maggiori successi si ricordano i film Il fiore che non colsi 1942 di Edmund Goulding, La porta proibita 1944 di Robert Stevenson, La sfinge del male 1947 di Sam Wood e Lettera da una sconosciuta 1948 di Max Ophüls. Nel 1948 venne diretta da Billy Wilder in Il valzer dellimperatore. A Broadway nel 1954 interpretò il ruolo di Laura in Tea and Sympathy a fianco di Anthony Perkins.

Pur apparendo in alcuni film di rilievo come Accadde in settembre 1950 di William Dieterle, Ivanhoe 1952 di Richard Thorpe, Lalibi era perfetto 1956 di Fritz Lang e Quattro donne aspettano 1957 di Robert Wise, dagli anni cinquanta la carriera di Joan Fontaine ebbe un lento ma progressivo declino che la indusse, in un primo tempo, ad abbandonare il set cinematografico per dedicarsi soprattutto alla televisione, dove lavorò sin dal 1955. Nel 1982 fu presidente della giuria al Festival del cinema di Berlino; tra laltro fu lospite principale della prima edizione di questo festival avvenuta nel 1951, dato che come film di apertura venne scelto proprio Rebecca - La prima moglie.

Fra gli anni sessanta e settanta apparve in diverse produzioni teatrali e televisive, fra cui Private Lives, Cactus Flower e la produzione australiana de The Lion in Winter Il leone dinverno. Nei primi anni sessanta recitò solo nei film Viaggio in fondo al mare 1961 di Irwin Allen, accanto a Walter Pidgeon, e Tenera è la notte 1962 di Henry King, con protagonisti Jennifer Jones e Jason Robards. La sua ultima apparizione sul grande schermo fu nellhorror britannico Creatura del diavolo 1966 di Cyril Frankel, di cui fu anche la co-produttrice, e che non ebbe molto successo. Per la televisione venne candidata nel 1980 al premio Emmy per la soap-opera I Ryan.

Nel 1978 diede alle stampe unautobiografia intitolata No Bed of Roses, in cui raccontò anche dei suoi difficili e dolorosi rapporti con la madre, la sorella e la figlia adottiva. Dal 2003 fino al suo decesso visse a Carmel in California, dove morì il 15 dicembre del 2013 per cause naturali, alletà di 96 anni.

                                     

1.2. Biografia Rivalità con la sorella Olivia de Havilland

Olivia de Havilland fu la prima fra le due sorelle ad intraprendere la carriera di attrice; quando Joan volle anchella avvicinarsi al mondo dello spettacolo, la madre le proibì di usare il nome di famiglia. Fu così che dovette inventarsi un nome darte, Joan Burfield, successivamente cambiato in Joan Fontaine, lo stesso usato dalla madre per il debutto in palcoscenico.

Il biografo Charles Higham ha scritto che la Fontaine e Olivia de Havilland non sono mai riuscite ad avere un rapporto facile, fin dai tempi dellinfanzia, quando le due sorelle si contendevano i vestiti da indossare. Joan avrebbe sempre sofferto del fatto di ritenere che la sorella fosse la prediletta della madre.

Sia Joan che Olivia furono candidate allOscar come migliore attrice nel 1942: lo vinse Joan Fontaine che era candidata per la sua interpretazione nel film Il sospetto, mentre Olivia de Havilland, candidata per linterpretazione del film La porta doro, dovette accontentarsi del buon successo che la sua pellicola ebbe presso la critica ed al botteghino. Higham scrisse che Joan si sentì sufficientemente colpevole per aver sottratto la statuetta alla sorella maggiore. Higham ha descritto minuziosamente gli eventi della cerimonia di premiazione degli Oscar del 1942, notando come quando Joan avanzò per ritirare il premio si scansò per evitare il tentativo della de Havilland di congratularsi con lei, lasciando la sorella nel massimo imbarazzo.

A seguito di questo episodio, le due sorelle non si sarebbero più viste né parlate per decenni. Joan ed Olivia si rincontreranno solo nel 1975, per il funerale della loro madre e fu questa lultima occasione in cui le due si rivolsero la parola, dopodiché ruppero definitivamente i rapporti tra loro, anche se, a seguito della morte di Joan, Olivia si è detta sconvolta e profondamente addolorata per la morte della sorella.



                                     

2. Vita privata

La Fontaine è stata sposata quattro volte, tutti i suoi matrimoni si sono conclusi con un divorzio:

  • dal 2 maggio 1946 al 25 gennaio 1951 fu legata al produttore William Dozier, dal quale ebbe una figlia, Deborah Leslie. Sempre con Dozier, Joan adottò anche una bambina peruviana, Martina;
  • dal 20 agosto 1939 al 14 giugno 1945 con lattore Brian Aherne;
  • dal 27 gennaio 1964 al 1969 con Alfred Wright Jr.
  • dal 12 novembre 1952 al 3 gennaio 1961 con Collier Young;
                                     

3.1. Filmografia Cinema

  • Il sospetto Suspicion, regia di Alfred Hitchcock 1941
  • Dolce inganno Quality Street, regia di George Stevens 1937 non accreditata
  • Notti del Decamerone Decameron Nights, regia di Hugo Fregonese 1953
  • Un certo sorriso A Certain Smile, regia di Jean Negulesco 1958
  • Sono un disertore This Above All, regia di Anatole Litvak 1942
  • Accadde in settembre September Affair, regia di William Dieterle 1950
  • Gli amori di Susanna The Affairs of Susan, regia di William A. Seiter 1945
  • Sky Giant, regia di Lew Landers 1938
  • Rebecca - La prima moglie Rebecca, regia di Alfred Hitchcock 1940
  • Creatura del diavolo The Witches, regia di Cyril Frankel 1966
  • Amore vince sempre You Cant Beat Love, regia di Christy Cabanne 1937
  • Lettera da una sconosciuta Letter from an Unknown Woman, regia di Max Ophüls 1948
  • Perdonami se ho peccato Something to Live For, regia di George Stevens 1952
  • La mia donna è un angelo Darling, How Could You, regia di Mitchell Leisen 1951
  • Maids Night Out, regia di Ben Holmes 1938
  • Il valzer dellimperatore The Emperor Waltz, regia di Billy Wilder 1948
  • La grande nebbia The Bigamist, regia di Ida Lupino 1953
  • Non più signore No More Ladies, regia di Edward H. Griffith 1935 con il nome di Joan Burfield
  • La porta proibita Jane Eyre, regia di Robert Stevenson 1943
  • Otello The Tragedy of Othello: The Moor of Venice, regia di Orson Welles 1952 non accreditata
  • Quattro donne aspettano Until They Sail, regia di Robert Wise 1957
  • Viaggio in fondo al mare Voyage to the Bottom of the Sea, regia di Irwin Allen 1961
  • Gunga Din, regia di George Stevens 1939
  • Contrabbando a Tangeri Flight to Tangier, regia di Charles Marquis Warren 1953
  • Lisola nel sole Island in the Sun, regia di Robert Rossen 1957
  • La grande notte di Casanova Casanovas Big Night, regia di Norman Z. McLeod 1954
  • Lavventura viene dal mare Frenchmans Creek, regia di Mitchell Leisen 1944
  • Serenata Serenade, regia di Anthony Mann 1956
  • La strage di Alamo Man of Conquest, regia di George Nichols Jr. 1939
  • Musica per signora Music for Madame, regia di John G. Blystone 1937
  • Blond Cheat, regia di Joseph Santley 1938
  • Una magnifica avventura A Damsel in Distress, regia di George Stevens 1937
  • La sfinge del male Ivy, regia di Sam Wood 1947
  • The Man Who Found Himself, regia di Lew Landers 1937
  • I tre cadetti The Duke of West Point, regia di Alfred E. Green 1938
  • Donne The Women, regia di George Cukor 1939
  • Per te ho ucciso Kiss the Blood Off My Hands, regia di Norman Foster 1948
  • A Million to One, regia di Lynn Shores 1937
  • Lalibi era perfetto Beyond a Reasonable Doubt, regia di Fritz Lang 1956
  • Tenera è la notte Tender Is the Night, regia di Henry King 1962
  • La seduttrice Born to Be Bad, regia di Nicholas Ray 1950
  • Tutte le spose sono belle From This Day Forward, regia di John Berry 1946
  • Devi essere felice You Gotta Stay Happy, regia di Henry C. Potter 1948
  • Il fiore che non colsi The Constant Nymph, regia di Edmund Goulding 1943
  • Ivanhoe, regia di Richard Thorpe 1952
                                     

3.2. Filmografia Televisione

  • The Dick Powell Show, nellepisodio The Clocks - Serie Tv 1962
  • Scacco matto, nellepisodio Voyage Into Fear - Serie Tv 1961
  • Love Boat The Love Boat, nellepisodio Chefs Special/Kleinschmidt/New Beginnings - Serie Tv 1981
  • Good King Wenceslas, regia di Michael Tuchner - Film Tv 1994
  • Wagon Train, nellepisodio The Naomi Kaylor Story 1963
  • The Users, regia di Joseph Hardy - Film Tv 1978
  • The Ford Television Theatre, nellepisodio Your Other Love 1956 - Serie Tv
  • Letter to Loretta, nellepisodio A Shadow Between 1955 - Serie Tv
  • Cannon, nellepisodio The Star - Serie Tv 1975
  • Westinghouse Desilu Playhouse, nellepisodio Perilous 1959 - Serie Tv
  • The 20th Century-Fox Hour, nellepisodio Stranger in the Night 1956 - Serie Tv
  • Lora di Hitchcock The Alfred Hitchcock Hour, nellepisodio The Paragon 1963 - Serie Tv
  • Startime, nellepisodio Closed Set 1960 - Serie Tv
  • Crossings - Miniserie Tv 1986
  • The Light That Failed, regia di Marc Daniels - Film Tv 1961
  • General Electric Theater, negli episodi In Summer Promise 1956 The Victorian Chaise Lounge 1957 At Miss Minners 1958 The Story of Judith 1960 A Possibility of Oil 1961 - Serie Tv
  • Dark Mansions, regia di Jerry London 1986 - Film Tv
  • Ryans Hope - Serie Tv 1980
  • On Trial, negli episodi The De Santre Story 1956 e Fatal Charm 1957 - Serie Tv
  • Alcoa Presents: One Step Beyond, nellepisodio The Visitor 1960 - Serie Tv
  • Bare Essence, negli episodi Hour Four 1983 e Hour Five 1983 - Serie Tv
  • Hotel, nellepisodio Harassed - Serie Tv 1986
  • The Three Musketeers 1960 - Film Tv
  • Four Star Playhouse, negli episodi The Girl on a Park Bench 1953 e Trudy 1955 - Serie Tv


                                     

4. Riconoscimenti

Premio Oscar

  • 1942 - Miglior attrice protagonista per Il sospetto
  • 1941 - Nomination miglior attrice protagonista per Rebecca la prima moglie
  • 1944 - Nomination miglior attrice protagonista per Il fiore che non colsi
                                     

5. Doppiatrici italiane

  • Micaela Giustiniani in Donne
  • Lorenza Biella ne La grande nebbia ridoppiaggio
  • Rosetta Calavetta in Gunga Din, Tenera è la notte
  • Melina Martello in Lettera da una sconosciuta ridoppiaggio
  • Dina Perbellini in Musica per signora
  • Pinella Dragani in Sono un disertore ridoppiaggio
  • Lydia Simoneschi in Rebecca - La prima moglie, Contrabbando a Tangeri, Serenata, Quattro donne aspettano, Perdonami se ho peccato, Per te ho ucciso, La mia donna è un angelo, Ivanhoe, Lisola nel sole, La seduttrice, Devi essere felice, Gli amori di Susanna, Lalibi era perfetto, Accadde a settembre
  • Anita Farra ne Il sospetto
  • Dhia Cristiani ne La porta proibita, Sono un disertore
  • Renata Marini in Cavalcata ardente/La strage di Alamo, Il fiore che non colsi, Viaggio in fondo al mare