Топ-100
Indietro

ⓘ Pittura. La pittura è larte che consiste nellapplicare dei pigmenti a un supporto per lo più bidimensionale, come la carta, la tela, la ceramica, il legno, il v ..




                                               

Pollice verso (dipinto)

"Pollice verso" raffigura un mirmillone che ha appena sconfitto un reziario in un anfiteatro trai cui spalti le vestali vestite di bianco spingono il gladiatore ad uccidere lavversario con il celebre gesto, mentre limperatore resta indifferente. Nel realizzare il quadro Jean inserì molti elementi autentici, come armature e abbigliamento, o lanfiteatro, basato sul Colosseo. La credenza di condannare i gladiatori sconfitti con il pollice allingiù, tuttavia, è falsa perché derivante da unerrata interpretazione di pollex versus, che invece era riferito al tenere il pollice allinsù o di lato co ...

                                               

Lassenzio

A differenza degli altri Impressionisti, che dipingevano esclusivamente en plein air e consideravano la natura come unico tema ed esempio da seguire, Degas non disdegnò lesempio degli antichi maestri e preferì dare immagine alla vita urbana parigina, con i suoi riti e i suoi miti, privilegiando segnatamente la raffigurazione di luoghi chiusi, come i caffè. Nellepopea impressionista, in effetti, i caffè giocarono un luogo preminente: luoghi di riunione dei gruppi di pensatori e artisti, i caffè affascinarono numerosi pittori del gruppo di Batignolles, in particolare i più "cittadini", ovver ...

                                               

Alice (Modigliani)

Alice è un dipinto a olio su tela realizzato nel 1915 del pittore italiano Amedeo Modigliani. È conservato nella Galleria darte nazionale di Copenaghen. Modigliani realizzò molti dipinti raffiguranti bambini, in questo è interessante osservare il contrasto dei colori e la finezza di alcuni particolari. Il titolo Alice fu dato dallo stesso autore riportandolo in alto a sinistra, come era consuetudine di Modigliani.

                                               

Margherita la pazza

Margherita la pazza è un dipinto a olio su tavola di Pieter Bruegel il Vecchio, datato 1561 e conservato nel Museo Mayer van den Bergh di Anversa. Contiene una scritta poco leggibile, interpretabile come MDLXI ", a cui era probabilmente anteposta la firma dellartista.

                                               

Il Bibliotecario (Arcimboldo)

Il Bibliotecario è un dipinto di Giuseppe Arcimboldo del 1566. Misura 97 cm di altezza per 41 cm di larghezza. È conservato nel Castello di Skokloster di Håbo, in Svezia.

                                               

Lotta tra Carnevale e Quaresima

La Lotta tra Carnevale e Quaresima è un dipinto a olio su tavola di Pieter Bruegel il Vecchio, datato 1559 e conservato nel Kunsthistorisches Museum di Vienna. È firmato in basso a sinistra BRUEGEL 1559".

Pittura
                                     

ⓘ Pittura

La pittura è larte che consiste nellapplicare dei pigmenti a un supporto per lo più bidimensionale, come la carta, la tela, la ceramica, il legno, il vetro, una lastra metallica o una parete. Il risultato è unimmagine che, a seconda delle intenzioni dellautore, esprime la sua percezione del mondo o una libera associazione di forme o un qualsiasi altro significato, a seconda della sua creatività, del suo gusto estetico e di quello della società di cui fa parte. Chi dipinge è detto pittore o pittrice, mentre il prodotto finale è detto dipinto.

Essendo i pigmenti essenzialmente solidi, è necessario utilizzare un legante, chiamato medium, che li porti a uno stadio di impasto stendibile, più fluido o più denso, e che permetta anche ladesione duratura al supporto una volta che interviene un processo di asciugamento, di presa o di polimerizzazione.

                                     

1. Storia

I dipinti più antichi sono stati rinvenuti nella Grotta Chauvet in Francia: la loro realizzazione è databile a circa 32.000 anni fa. Sono realizzati con ocra rossa e pigmento nero, e mostrano cavalli, rinoceronti, leoni, bufali l.p. e mammut. Esempi di pittura rupestre sono presenti praticamente in tutto il mondo.

Nel corso del XIX secolo, con la nascita della fotografia, si assiste a un significativo cambio di ruolo della pittura nella società: non più necessaria per fissare i dati oggettivi di ciò che rappresenta ad esempio leffigiato in un ritratto, portò gli artisti ad esplorare rappresentazioni più legate al loro sentire personale, alle emozioni, alla psicologia, a tutto ciò che è legato allinvisibile e allimmaginario.

La pittura stessa poi, messa in discussione e ridimensionata nel XX secolo in favore di espressioni artistiche più libere e concettuali, resta comunque ampiamente praticata in tutto il mondo.

                                     

2.1. Caratteristiche Pittura come arte maggiore

La pittura gode di un posto di primo piano su tutte le arti. Basti pensare a come il concetto stesso di "opera darte" visiva sia più spontaneamente associato a dipinti piuttosto che a sculture o opere di architettura, per non parlare poi delle cosiddette "arti minori". Oltre ai fattori storici che hanno determinato la divisione tra arti "maggiori" e "minori" Leon Battista Alberti distingueva gli aspetti intellettuali rispetto a quelli manuali, secondo una definizione fatta propria poi dalle Accademie nel XVII secolo e da esse canonizzate, la pittura ha uninnegabile facilità di fruizione rispetto alle altre forme artistiche.

Le opere pittoriche essendo bidimensionali non richiedono particolare impegno per essere percepite: é sufficiente posizionarsi frontalmente per osservarle, differentemente da quelle sculturee o ancor più architettoniche, che essendo tridimensionali obbligano generalmente losservatore a posizionarsi dinamicamente su diversi punti di vista per una loro migliore comprensione. Ciò significa anche una immensamente maggiore fruibilità, si pensi alla semplice economicità delle riproduzioni fotografiche di pittura, che possono circolare con estrema facilità, impossibile, per adesso, per le opere darte tridimensionali.

Witelo, un matematico e fisico del XIII secolo originario della Slesia, scriveva che "Locchio non può comprendere la forma vera delle cose con il semplice sguardo aspectus, ma sì con lintuizione diligente obtudus". Mentre l aspectus, semplice visione esteriore, è sufficiente per la pittura e gran parte della scultura, l obtudus, inteso come sguardo penetrante, raziocinante, è necessario ad esempio per comprendere unopera architettonica.

                                     

2.2. Caratteristiche Tecniche pittoriche

Esistono molti tipi di tecniche pittoriche, che si differenziano sia per i materiali e gli strumenti usati sia per le superfici sulle quali è eseguita lopera.

Le prime superfici sulle quali luomo realizzò primitive forme darte pittorica, geometrica e figurativa, furono le pareti di una caverna oppure di una casa o di un tempio.

Nel Medioevo il supporto preferito dai pittori era la tavola di legno, per poi passare con il tempo alla tela, con la quale si ovviò al problema del peso e della relativa instabilità del pannello ligneo.

Altri supporti possono essere: la carta, il metallo, il vetro, la seta, una parete e qualunque altra superficie in grado di mantenere in modo permanente il colore.

                                     

2.3. Caratteristiche Classificazione

In base al supporto:

  • Su tavola abbiamo la pittura a tempera, a olio e i colori acrilici.
  • Su pergamena la miniatura
  • Su tela abbiamo la tempera, lolio e la pittura acrilica.
  • Su ceramica abbiamo le pitture vascolari, con i vari ossidi e fondenti.
  • Su seta e altre stoffe abbiamo il batik, lo Shibori, il Serti e lacquerello.
  • Su carta il pastello, la tempera, lacquerello, il guazzo o gouache.
  • Su intonaco abbiamo laffresco che se moderno può essere anche un murale, il graffito e lencausto.

Nellesecuzione di opere pittoriche, poi, oltre ad una vasta gamma di superfici e di coloriche possono presentarsi puri - pigmenti - o più normalmente già uniti al cosiddetto medium, si aggiunge la possibilità di utilizzare vari strumenti: pennelli, spatole, aerografo, spray, punte e anche attrezzi che non nascono per uso artistico ma che vi sono adattati dalla perizia o dalla fantasia dellartista.

Lelenco non può considerarsi esauriente, in quanto possono essere utilizzate, oltre alle superfici più varie, anche tecniche e materiali eterogenei, realizzandosi così opere a tecnica mista ad esempio il collage con la pittura o opere polimateriche.



                                     

2.4. Caratteristiche Soggetti pittorici

  • Allegoria
  • Ritratto e autoritratto
  • Paesaggio e panorama
  • Natura morta