Топ-100
Indietro

ⓘ Frangimento, linguistica. Nella linguistica storica, la rottura o frangimento o frattura vocalica è il mutamento di un monottongo in un dittongo o trittongo. Il ..




                                     

ⓘ Frangimento (linguistica)

Nella linguistica storica, la rottura o frangimento o frattura vocalica è il mutamento di un monottongo in un dittongo o trittongo. Il mutamento in un dittongo è anche noto come dittongazione. La frattura vocalica viene spesso distinta dalla dittongazione e definita più strettamente come un processo armonico che coinvolge la dittongazione provocata dalla vocale o consonante successiva. La pura vocale originaria di solito si rompe in due segmenti, dove il primo si accompagna alla vocale originale e il secondo si armonizza con la natura della vocale o consonante "scatenante". Per esempio, il secondo segmento può essere /u/ se la vocale o consonante seguente è posteriore, e il secondo segmento può essere /i/ se la vocale o consonante seguente è frontale. Perciò, la frattura vocalica in questo senso stretto può essere vista come un esempio di assimilazione di una vocale a una vocale o consonante seguente.

                                     

1. Inglese americano meridionale

Questa è una caratteristica della "pronuncia strascicata meridionale" dellInglese americano meridionale, dove le vocali frontali brevi hanno sviluppato un "suono transitorio" semivocalico fino a.

                                     

2. Medio inglese

Nel medio inglese veniva inserita una vocale /i/ tra una vocale frontale e una /h/ seguente pronunciata in questo contesto. Questo è un esempio prototipo in senso stretto di "frattura vocalica" come descritto sopra: la vocale originale si rompe in un dittongo che si assimila alla consonante seguente, ottenendo una /i/ frontale davanti a una consonante palatale e /u/ davanti a una consonante velare.

                                     

3. Antico inglese

Ci sono due processi nellantico inglese che rappresentano degli esempi di frattura vocalica armonica, chiamata Old English breaking e back umlaut.

L Old English breaking è un processo in atto nellantico inglese preistorico mediante cui le vocali brevi e lunghe accentate i, e, æ diventano rispettivamente i dittonghi brevi e lunghi io, eo, ea, quando seguiti da h o da r, l + altra consonante vocali brevi soltanto, e talvolta da w soltanto per alcune vocali brevi.

Esempi sono:

  • PG * erþō → eorþe "earth"
  • PG * fallan → feallan "fall"

Il Back umlaut è un processo in atto nellantico inglese preistorico attraverso cui le vocali brevi i, e, æ diventano rispettivamente i dittonghi brevi io, eo, ea davanti alla vocale posteriore della sillaba successiva, se la consonante che interviene è di una certa natura.

                                     

4. Antico norreno

La e breve accentata proto-germanica diventa regolarmente ja o davanti a u jǫ nellantico norreno tranne dopo w, r, l. Per esempio:

  • Il faroese le ha entrambi. La forma standard è eg, mentre i dialetti di Suduroy hanno jeg.
  • PG * eka "I" → est AN jak, svedese jag, danese e bokmål norvegese jeg
  • PG * erþō "terra" in ing. earth → proto-norreno * erþū → AN jǫrd, svedese, danese jord, faroese jord
  • PG * hertōn "cuore" in ing. heart → AN hjarta, svedese hjärta, faroese hjarta, danese hjerte

Secondo alcuni studiosi, la dittongazione di e è un mutamento fonetico incondizionato, mentre altri parlano di epentesi o umlaut.

                                     

5. Proto-indoeuropeo

Alcuni studiosi credono che le vocali i, u del protoindoeuropeo PIE abbiano un tipo di frattura davanti a unoriginaria laringale in greco, armeno e tocario, mentre le altre lingue indo-europee hanno monottonghi. Esempi tipici sono:

  • PIE * gʷih 3 wos → * gʷioHwos "vivo" → gr. ζωός, toc. B śāw-, śāy- ma in sanscrito jīvá-, lat. vīvus
  • PIE * protih 3 kʷom → * protioHkʷom "lato frontale" → gr. πρόσωπον "faccia", toc. B pratsāko "petto" ma in sanscrito prátīka-
  • PIE * duh 2 ros → * duaHros "lungo" → gr. δηρός, arm. * twār → erkar sanscrito dūrá-, lat. dūrus.

Tuttavia, lipotesi non è adottata dalla maggior parte dei manuali.