Топ-100
Indietro

ⓘ Nicola Barbato è stato un politico e medico italiano di etnia arbereshe. Militante socialista, operò nellarea della provincia di Palermo, ed in particolare a Pi ..




Nicola Barbato
                                     

ⓘ Nicola Barbato

Nicola Barbato è stato un politico e medico italiano di etnia arbereshe. Militante socialista, operò nellarea della provincia di Palermo, ed in particolare a Piana degli Albanesi e nei comuni limitrofi alleducazione delle classi lavoratrici ed alla conduzione del movimento contadino. Tra i fondatori e dirigente del movimento dei Fasci Siciliani dei Lavoratori, movimento politico-sindacale d’ispirazione socialistache, cercò di migliorare le misere condizioni dei lavoratori della sua gente e in generali siciliani avviando dei processi di trasformazione nei rapporti di produzione. Fu tra le massime figure del socialismo siciliano del secondo Ottocento e i primi del Novecento. Di lui restano numerosi scritti di carattere politico e un cospicuo numero di articoli pubblicati dai giornali socialisti e democratici dell’epoca, come l’Avanti, la Tribunae la Rivista Popolare. Sulla pietra da cui teneva i comizi a Portella della Ginestra è inciso il suo nome; mentre il museo civico di Piana degli Albanesi gli è stato intitolato.

                                     

1. Biografia

Nicola Barbato nacque il 5 ottobre 1856 a Piana degli Albanesi allora conosciuta come Piana dei Greci.

Nel maggio 1893 partecipò a Palermo al Congresso dei Fasci siciliani dei lavoratori, in cui fu eletto componente del Comitato centrale per la provincia di Palermo assieme a Bernardino Verro e Rosario Garibaldi Bosco.

Arrestato, al pari di centinaia di altri aderenti al movimento dei Fasci siciliani, sotto il Governo Crispi, fu processato da un tribunale militare di fronte al quale, il 26 aprile 1894 tenne un memorabile discorso di autodifesa:

Nonostante le proteste in tutta Italia ed anche allestero per le pesanti condanne inflitte, Barbato e gli altri ritrovarono la libertà solo nel 16 marzo 1896, a seguito dellamnistia proclamata dal Governo Rudinì subentrato a quello di Francesco Crispi dopo la disfatta di Adua.

La ripresa della sua attività politica gli causò comunque ulteriori problemi con le autorità di Polizia che lo indicavano come incitatore allodio di classe e con il locale capomafia Francesco Cuccia.

Il suo impegno di militante del Partito Socialista Italiano aumenta e si estende in tutta la Sicilia. Famosi rimangono i suoi comizi a Portella della Ginestra, luogo storico di riunione dei contadini della zona, che sarà anni dopo teatro della terribile strage.

Dopo lassassinio del cugino Mariano Barbato e di Bernardino Verro sindaco della vicina Corleone, per le gravi minacce mafiose, fu costretto per ordine del Partito a trasferirsi a Milano.

Contrario alla scissione comunista del gennaio 1921, nel congresso di Livorno, al quale non partecipò personalmente, appoggiò la linea del vecchio socialista massimalista Costantino Lazzari, cui indirizzò una lettera.

Il 23 maggio 1923 dopo una lunga malattia morì povero, come tanti suoi discepoli. Lorazione funebre fu fatta da Pietro Nenni, storico dirigente del Partito Socialista Italiano.

Il comune di Milano concesse alla moglie Alma Bonpensiero, in considerazione delle condizioni economiche lasciatale dal Barbato, un sussidio straordinario di lire 4.550 lorde.

                                     
  • 13 16 58.48 E 37.9969 N 13.28291 E37.9969 13.28291 Il museo civico Nicola Barbato noto come Rritiri poiché ubicato nell ex Oratorio di rito greco - bizantino
  • Paola Barbato testi Bruno Brindisi disegni Medusa, in Dylan Dog n. 167, Sergio Bonelli Editore, agosto 2000. Paola Barbato testi Nicola Mari disegni
  • quali Giuseppe de Felice Giuffrida 18 anni Rosario Garibaldi Bosco, Nicola Barbato e Bernardino Verro 12 anni di carcere Tuttavia nel 1895, con un atto
  • Garibaldi della Valle Po, distinguendosi, con il nome di battaglia di Nicola Barbato per capacità e combattività durante tutto il corso della Guerra partigiana
  • Andrea Barbato Roma, 7 marzo 1934 Roma, 12 febbraio 1996 è stato un giornalista, scrittore, politico e sceneggiatore italiano. Barbato cominciò l attività
  • grandi dimensioni, poste attorno al Sasso di Barbato dal nome del socialista italo - albanese Nicola Barbato da Piana degli Albanesi, fondatore e dirigente
  • Paola Barbato testi Nicola Mari disegni L ultimo arcano, in Dylan Dog n. 234, Sergio Bonelli Editore, febbraio 2006. Paola Barbato testi Nicola Mari
  • anche Sus ahoenobarbus il cinghiale barbato di Palawan era considerato una sottospecie di cinghiale barbato ma oggi viene considerato come specie
  • quanto in restauri recenti sono stati ridipinti. L annesso monastero di San Barbato fu fondato nel 1015 da Rainiero insieme alla moglie Engeltruda che dotarono
  • Persone di nome Nicola Nicola Acunzo, politico e attore italiano Varese, n.1976 Nicola Adamo, politico italiano Cosenza, n.1957 Nicola Adamo, politico
  • di città e dirigenti del movimento contadino dell interno Nicola Alongi, Nicola Barbato Bernardino Verro ecc. per l unità fra classe operaia e contadini
  • Opposizione ministeriale Eletto Nicola Barbato Socialista Lupo Ministeriale Elezioni politiche 21 marzo 1897 Nicola Vischi Opposizione costituzionale