Топ-100
Indietro

ⓘ Maranzana. Il centro abitato si spinge fino ai bordi del Parco denominato Bosco delle Sorti allinterno del quale si trovano sentieri segnalati percorribili a pi ..




Maranzana
                                     

ⓘ Maranzana

Il centro abitato si spinge fino ai bordi del Parco denominato "Bosco delle Sorti" allinterno del quale si trovano sentieri segnalati percorribili a piedi, in bicicletta e a cavallo.

Al centro dellabitato, sulla sommità di una collina da cui si gode un magnifico panorama, sorge il castello del 1300 molto ben conservato, così come le torri e la cinta muraria. Sempre in paese si trova la casa-museo di Giacomo Bove, importante esploratore italiano vissuto tra il 1852 e il 1887.

                                     

1. Storia

Da studi fatti, il nome Maranzana potrebbe essere di origine prediale, vale a dire un sostantivo che si riferisce ad un territorio, un terreno. Prediale infatti deriva dal nome predio, latinismo che significa proprietà fondiaria, rustica, urbana. Alla base del toponimo potrebbero esserci nomi personali romani. La documentazione medioevale ci propone: Marencanus riscontrato su carte del 1188; Maranzana del 1199; Marenzana del 1257; Maransana del 1353. Alcuni studiosi lo interpretano come derivato dal verbo latino "emereo" o dal nome personale romano "emerentius" o direttamente da "emerentiana". La decisiva denominazione di Maranzana risale non oltre XVI secolo, periodo in cui il termine non presenta ulteriori variazioni. Anticamente questo territorio fu abitato, secondo leggende, dai Celti che avrebbero invaso lItalia attratti dai suoi ricchi prodotti agricoli. Secondo Livio, i Galli invasero lItalia intorno al 500 a.C. e questa zona diventò Gallia Cisalpina. Allepoca Maranzana nacque come piccolo insediamento di pastori e agricoltori. Dal V secolo in poi si susseguirono le invasioni degli Ostrogoti, dei Longobardi e dei Franchi. Fino allVIII secolo Maranzana e i territori circostanti subirono devastazioni. Nel 900 le nostre terre subiscono le incursioni dei Saraceni poi nel 951 iniziò la dinastia aleramica che diede origine al marchesato del Monferrato. Nel 1536 questo marchesato passò ai Gonzaga di Mantova. Nel 1670 Giacomo Ottaviano Francesco Ghilini 1619-1703, dellomonima famiglia nobile alessandrina, acquisisce il titolo marchionale sul feudo di Maranzana che verrà mantenuto fino alla morte dellultimo marchese, Ambrogio Maria Ghilini 1757-1832. Con il Trattato di Utrecht Maranzana, insieme ad altre terre, passa sotto casa Savoia e da quel momento seguì le sorti della storia dei Savoia, partecipò al Risorgimento, e alle vicende che legarono il Piemonte allItalia sino ai nostri giorni.

                                     

2. Economia

La sua economia è prettamente agricola, con quasi esclusivo indirizzo vitivinicolo. Lunica sua grande industria è la cantina sociale "La Maranzana" che produce pregiati vini DOCG quali Moscato, Cortese, Dolcetto, Barbera, Brachetto e Chardonnay che commercia in Italia e allestero.