Топ-100
Indietro

ⓘ David Farrar. Dopo una breve esperienza nel giornalismo, dal 1932 David Farrar intraprese la carriera artistica come attore teatrale e nel 1937 debuttò sul gran ..




David Farrar
                                     

ⓘ David Farrar

Dopo una breve esperienza nel giornalismo, dal 1932 David Farrar intraprese la carriera artistica come attore teatrale e nel 1937 debuttò sul grande schermo in un breve ruolo non accreditato nel film Return of a Stranger 1937. Seguirono alcuni altri ruoli minori, come in Went the Day Well? 1942 di Alberto Cavalcanti, prodotto dalla Ealing Studios, vicenda di propaganda che narra di unipotetica invasione di un piccolo villaggio inglese da parte dei nazisti, e in Incontro nel buio 1943, un thriller di spionaggio interpretato da James Mason. Con The Night Invader 1943, Farrar ebbe uno dei suoi primi ruoli da protagonista, quello dellagente britannico Dick Marlow, impegnato in una missione di spionaggio nei Paesi Bassi occupati, mentre in For Those in Peril 1944 fu diretto dallesordiente Charles Crichton in una pellicola semi-documentaristica sullimpegno britannico nella seconda guerra mondiale.

Farrar fu uno degli attori più impegnati sugli schermi inglesi nella prima metà degli anni quaranta in pellicole belliche, iniziando a cambiare registro solo nel 1945, quando interpretò la figura del detective Sexton Blake in due film consecutivi, Meet Sexton Blake 1945 e The Echo Murders 1945. Fu nel 1947 che lattore si impose definitivamente grazie al ruolo di Mr. Dean in Narciso nero 1947, accanto a Deborah Kerr e per la prima volta sotto la direzione di Michael Powell ed Emeric Pressburger, maestri indiscussi del cinema britannico. La vicenda, incentrata sul dualismo tra sacro e profano, ha come sfondo una missione aperta da un gruppo di suore inglesi in una località dellHimalaya. il personaggio di Farrar, un residente affascinante e tenebroso che svolge il compito di agente distrettuale, genera tensioni emotive nel convento, facendo innamorare di sé una delle religiose, Sister Ruth Kathleen Byron, che smarrisce progressivamente il proprio equilibrio emotivo. Lattore fu unanimemente apprezzato dal pubblico e dalla critica per la sua virile e intensa interpretazione, ricca di sensibilità ed espressività, che convinse Powell e Pressburger ad affidargli altri due ruoli, quello dellalcolizzato esperto di esplosivi Sammy Rice in I ragazzi del retrobottega 1949, e quello del bieco Jack Redding, un ricco possidente dello Shropshire che tenta di insidiare Jennifer Jones nellavventuroso La volpe 1950.

Nel frattempo Farrar aveva nuovamente recitato per la casa produttrice Ealing in Frida lamante straniera 1947, un melodramma sui pregiudizi anti-tedeschi nellInghilterra post-bellica, per la regia di Basil Dearden, che lo diresse nuovamente ne La gabbia doro 1950, in cui lattore recitò accanto a Jean Simmons. Lanno successivo Farrar iniziò ad alternare incursioni nel cinema statunitense, recitando nelle avventure in costume La calata dei mongoli 1951 e Lo scudo dei Falworth 1954, in entrambi i quali si calò nei panni del tenebroso villain. Partecipò anche a unimportante pellicola a episodi del cinema italiano, I vinti 1952, per la regia di Michelangelo Antonioni, ispirata a fatti di cronaca con coinvolgimento di giovani in furti e delitti. Durante gli anni cinquanta continuò a recitare prevalentemente in pellicole davventura, come Le armi del re 1954, nel ruolo di Carlo II dInghilterra, Lavventuriero di Burma 1955 e Gli amanti dei cinque mari 1955, in cui fu antagonista di John Wayne.

Ritornò in Inghilterra per interpretare il ruolo dellispettore Craig nel poliziesco 999 Scotland Yard 1956, quindi ritrovò Powell e Pressburger nel kolossal bellico La battaglia di Rio della Plata 1956, in cui ebbe il ruolo di narratore. La spola con Hollywood proseguì ancora per lavventuroso Il grande capitano 1959, nel ruolo delluomo politico inglese John Wilkes, accanto a Bette Davis e Robert Stack, e per lo storico Salomone e la regina di Saba 1959 con Gina Lollobrigida e Yul Brynner, nelle vesti del faraone Siamon. In Ragazza beat 1960, uno dei primi film sulla ribellione giovanile dei tardi anni cinquanta, interpretò il ruolo del padre della protagonista Gillian Hills, mentre nel kolossal Leroe di Sparta 1962 vestì i panni del re Serse di Persia. Fu lultima apparizione cinematografica di Farrar e segnò il suo definitivo addio alle scene. Lattore poco più che cinquantenne si ritirò a vita privata, lasciando il cinema britannico privo di un interprete carismatico e vigoroso. Dopo la scomparsa della moglie Irene Elliot che aveva sposato nel 1929, nel 1976 lattore raggiunse la figlia Barbara in Sudafrica, dove visse fino alla morte, avvenuta nel 1995.

                                     

1. Filmografia

  • The Trojan Brothers, regia di Maclean Rogers 1946
  • La calata dei mongoli The Golden Horde, regia di George Sherman 1951
  • The World Owes Me a Living, regia di Vernon Sewell 1945
  • The Webster Boy, regia di Don Chaffey 1962
  • Gli amanti dei cinque mari The Sea Chase, regia di John Farrow 1955
  • The Hundred Pound Window, regia di Brian Desmond Hurst 1944
  • Ragazza Beat Girl, regia di Edmond T. Gréville 1960
  • Narciso nero Black Narcissus, regia di Michael Powell e Emeric Pressburger 1947
  • The Wild Heart, regia di Michael Powell e Emeric Pressburger 1952
  • Sheepdog of the Hills, regia di Germain Burger 1941
  • Le armi del re Lilacs in the Spring, regia di Herbert Wilcox 1954
  • Agguato sul rapido Suspected Person, regia di Lawrence Huntington 1942
  • Portrait of Peter Perowne, regia di Wolf Rilla 1952 per la TV
  • La città dei diamanti Diamond City, regia di David MacDonald 1949
  • Il grande capitano John Paul Jones, regia di John Farrow 1959
  • The Dark Tower, regia di John Harlow 1943
  • Frida lamante straniera Frieda, regia di Basil Dearden 1947
  • Incontro nel buio They Met in the Dark, regia di Carl Lamac 1943
  • La gabbia doro Cage of Gold, regia di Basil Dearden 1950
  • The Late Edwina Black, regia di Maurice Elvey 1952
  • Goofer Trouble
  • Accadde a Lisbona Lisbon Story, regia di Paul L. Stein 1946
  • Notte senza stelle Night Without Stars, regia di Anthony Pelissier 1951
  • I vinti, regia di Michelangelo Antonioni 1953
  • Ali che non tornano Q Planes, regia di Tim Whelan e Arthur B. Woods 1939 non accreditato
  • Pennsylvania Penn of Pennsylvania, regia di Lance Comfort 1942 non accreditato
  • La battaglia di Rio della Plata The Battle of the River Plate, regia di Michael Powell e Emeric Pressburger 1956 narratore
  • Lo scudo dei Falworth The Black Shield of Falworth, regia di Rudolph Maté 1954
  • La volpe Gone to Earth, regia di Michael Powell e Emeric Pressburger 1950
  • The Night Invader, regia di Herbert Mason 1943
  • Danny Boy, regia di Oswald Mitchell 1941
  • Headline, regia di John Harlow 1944
  • Went the Day Well?, regia di Alberto Cavalcanti 1942
  • I ragazzi del retrobottega The Small Back Room, regia di Michael Powell e Emeric Pressburger 1949
  • The Echo Murders, regia di John Harlow 1945
  • 999 Scotland Yard Lost, regia di Guy Green 1956
  • Napoleone e Giuseppina Beauharnais A Royal Divorce, regia di Jack Raymond 1938
  • Silver Top, regia di George King 1938
  • Le perle nere del Pacifico Pearl of the South Pacific, regia di John Farrow 1955
  • Duello nella giungla Duel in the Jungle, regia di George Marshall 1954
  • For Those in Peril, regia di Charles Crichton 1944
  • Son of Robin Hood, regia di George Sherman 1958
  • Mr. Perrin e Mrs. Traill, regia di Lawrence Huntington 1948
  • Salomone e la regina di Saba Solomon and Sheba, regia di King Vidor 1959
  • Sexton Blake and the Hooded Terror, regia di George King 1938
  • Lavventuriero di Burma Escape to Burma, regia di Allan Dwan 1955
  • Vatussi Watusi, regia di Kurt Neumann 1959
  • Woman and the Hunter, regia di George P. Breakstone 1957
  • Meet Sexton Blake, regia di John Harlow 1945
  • Leroe di Sparta The 300 Spartans, regia di Rudolph Maté 1962
  • Laffare Dreyfus I Accuse!, regia di José Ferrer 1958
  • Return of a Stranger, regia di Victor Hanbury 1937 non accreditato
                                     

2. Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, David Farrar è stato doppiato da:

  • Gualtiero De Angelis in Salomone e la regina di Saba, Lavventuriero di Burma
  • Nino Pavese in Duello nella giungla
  • Stefano Sibaldi in Gli amanti dei cinque mari
  • Sandro Ruffini in Narciso nero, Frida lamante straniera
  • Giorgio Capecchi in Leroe di Sparta
  • Emilio Cigoli in Lo scudo dei Falworth