Топ-100
Indietro

ⓘ Beati ucraini ..




                                               

Vitalij Bajrak

Vitalij Bajrak al secolo Volodymyr è stato un religioso ucraino, appartenente allOrdine basiliano di San Giosafat, vittima della persecuzione dei cristiani in URSS. Papa Giovanni Paolo II lo dichiarò martire e lo proclamò beato nel 2001.

                                               

Eparchia di San Vladimiro il Grande di Parigi

L eparchia di San Vladimiro il Grande di Parigi è una sede della Chiesa greco-cattolica ucraina immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2017 contava 25.000 battezzati. La sede è vacante.

                                               

Antusa

Continua il nome greco Ανθουσα Anthousa, basato su ανθος anthos, "fiore", "bocciolo"; dallo stesso termine sono derivati i nomi Antimo, Antea e Crisante.

                                               

Arcieparchia di Ivano-Frankivsk

L arcieparchia di Ivano-Frankivsk è una sede metropolitana della Chiesa greco-cattolica ucraina. Nel 2016 contava 574.853 battezzati su 765.121 abitanti. È retta dallarcieparca Volodymyr Vijtyšyn.

                                               

Eparchia di Sambir-Drohobyč

L eparchia di Sambir-Drohobyč è una sede della Chiesa greco-cattolica ucraina suffraganea dellarcieparchia di Leopoli. Nel 2017 contava 357.989 battezzati su 573.522 abitanti. È retta dalleparca Jaroslav Pryriz, C.SS.R.

                                               

Melasippo

È un nome scarsissima diffusione, tratto dal greco antico Μελασιππος Melasippos; letimologia non è del tutto certa, ma è possibile che sia composto dai termini μελας melas, "nero" e ιππος hippos, "cavallo", col significato di cavallo nero", il che lo renderebbe sostanzialmente una variante di Melanippo.

                                               

Nazario

Deriva dal tardo latino Nazarius, che significa semplicemente da Nazaret", in riferimento a Gesù Cristo. Ha lo stesso significato del nome Nazzareno.

                                               

Levkadija Harasymiv

Levkadija Harasymiv, in religione Lorenza è stata una religiosa ucraina della congregazione greco-cattolica delle suore di San Giuseppe. Imprigionata durante il periodo sovietico, morì di stenti e malattia in Siberia. È tra i 25 martiri dellUcraina proclamati beati da papa Giovanni Paolo II a Leopoli il 27 giugno 2001. Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 26 agosto.

San Nestore
                                               

San Nestore

San Nestore può indicare più santi: san Nestore di Magydos, vescovo e martire in Panfilia m. 251, 25 febbraio san Nestore di Gaza, martire a Gaza IV secolo, 8 settembre san Nestore del Chersoneso, vescovo e martire con altri compagni IV secolo, 4 marzo san Nestor di Pečerska, monaco ucraino m. 1114 ca, 18 ottobre, san Nestore di Salonicco, martire a Salonicco IV secolo, 8 ottobre san Nestore di Deçani, anacoreta assieme a Efrem ed Eutimio XVI secolo, 11 e 30 novembre

Tarasio (nome)
                                               

Tarasio (nome)

Deriva dal nome greco Ταρασιος Tarasios, di origine non del tutto certa; potrebbe essere di origine etnica, da Taras, un antico nome della città di Taranto, avente quindi il significato "di Taranto", "proveniente da Taranto", oppure potrebbe basarsi sul verbo ταράσσω. Alcune fonti ricollegano a Tarasio il nome ucraino Тарас Taras. La sua diffusione, scarsissima, è dovuta al culto verso il santo così chiamato.

Euplio
                                               

Euplio

Nome di scarsa diffusione, continua il nome greco Ευπλειος Eupleios, latinizzato in Euplius. Deriva dal greco eupleios, composto dalle radici ευ eu, "bene" e πλέως pléōs, "pieno", quindi può essere interpretato come "completo", "abbondante", "ricolmo di doti" - significato analogo a quello del nome Abbondio. La forma "Euplo" è tipica del dialetto catanese.

                                               

Egle (nome)

Deriva dal greco Αἴγλη Àiglē, latinizzato in Aegle, basato su aglaio o aigle, la stessa radice da cui deriva anche il nome Aglaia. Il suo significato può essere interpretato come "splendente", "fulgida". È portato da numerosi personaggi della mitologia greca fra cui una figlia di Elio e sorella di Fetonte e una delle Esperidi, Egle; è stato riportato in voga durante il Rinascimento. Non va confuso con Eglė, un nome lituano che è quasi suo omografo.