Топ-100
Indietro

ⓘ Emanuele Bellia. Figlio di un notaio, la sua fama di avvocato la ottenne a Palermo, quando in epoca borbonica curò la difesa di molti patrioti insurrezionalisti ..




                                     

ⓘ Emanuele Bellia

Figlio di un notaio, la sua fama di avvocato la ottenne a Palermo, quando in epoca borbonica curò la difesa di molti patrioti insurrezionalisti della città, come Francesco Bentivegna e Nicolò Garzilli, riuscendo a scagionarli e a salvargli la vita.

Scrisse diverse opere giuridiche come Risposta al Trattato del Signor Nicolini sullesercizio dellutile 1838, Sulla natura dei Contratti di Concessioni di Terre Feudali fatti negli andati tempi dagli ex baroni siciliani 1847 e La quota di riserva sul patrimonio del monaco professo 1853.

Nel 1848-49 fu deputato alla Camera dei comuni del Parlamento siciliano.

Morto nel 1860, è sepolto presso la Chiesa di San Domenico a Palermo. Un suo busto si trova nel Pantheon dei Siciliani illustri della stessa chiesa.