Топ-100
Indietro

ⓘ Premio Guidarello. Il Premio Guidarello per il Giornalismo dAutore è un riconoscimento assegnato annualmente dal Comune di Ravenna e da Confindustria al giornal ..




                                     

ⓘ Premio Guidarello

Il Premio Guidarello per il Giornalismo dAutore è un riconoscimento assegnato annualmente dal Comune di Ravenna e da Confindustria al giornalista che si è particolarmente distinto nellultimo anno solare.

La cerimonia di premiazione si svolge nel mese di novembre di ogni anno presso il Teatro Dante Alighieri di Ravenna. Dal 2006 è presidente di giuria, nonché conduttore dellevento, il giornalista televisivo Bruno Vespa.

                                     

1. Storia

Lanciato nel 1970 da unidea di Walter Della Monica, il Premio Guidarello fu pensato inizialmente per dare risonanza al giornalismo turistico di qualità nellambito della regione Emilia-Romagna e, in maniera specifica, della città di Ravenna.

In merito al nome da conferire al premio la scelta ricadde su Guidarello Guidarelli condottiero del XV secolo famoso per la lastra tombale conservata proprio a Ravenna e che lo ritrae nei suoi ultimi istanti di vita, poiché univa in sé due preziose qualità: avere unimmagine nota in tutto il mondo ed essere nato a Ravenna.

Alla prima edizione del premio, il cui tema era "Aspetti e significati sociali delle vacanze-famiglia in Italia", parteciparono 41 testate giornalistiche italiane e 29 estere, che pubblicarono, grazie anche ad una promozione stampa in collaborazione con il quotidiano nazionale il Resto del Carlino, con la rivista femminile Gioia e quella tedesca Fur Sie, numerosi articoli sui villaggi vacanze della Romagna, dando forte risonanza al turismo regionale. Anche lanno successivo il tema continuò ad essere di carattere turistico, seppur trattandosi per lo più di "uninchiesta sulle vacanze dellAdriatico fra ragazzi italiani e tedeschi". A partire dal 1973 venne abbandonato il carattere puramente turistico del premio, assegnandolo invece al migliore "articolo o elzeviro di libero tema ravennate pubblicato sulla stampa quotidiana o periodica". Per lanno successivo il tema venne allargato ai "personaggi nella storia o nella letteratura di Romagna di ogni tempo", per poi generalizzarsi ancor più nel 1975, quando venne tolto il carattere letterario e storico dei personaggi, pur rimanendo sempre nellambito regionale.

Fino al 1977 era previsto un solo premio generico per il Giornalismo Scritto, ma a partire dallanno seguente venne ideata una sezione apposita in memoria di Francesco Serantini, presidente del premio dal 1973 fino alla sua morte, avvenuta nel 1977. Nelle successive edizioni vennero aggiunte numerose nuove sezioni, relative ad altrettanti categorie giornalistiche. Nel 1986 fece il suo ingresso nellorganizzazione del premio lAssociazione degli industriali Confindustria di Ravenna, che ne acquisì la titolarità solo nel 2001. Con la nuova gestione, accanto al premio principale - riservato sempre alla carta stampata - ne venne affiancato uno pertinente al giornalismo radiotelevisivo; inoltre, accanto allo storico premio per il giornalismo dautore della Romagna, ne venne introdotto uno che riguardava il giornalismo dautore di tutto il territorio nazionale.

Nel corso degli anni sono state poi inserite numerose novità, come listituzione di differenti premi per i giornalisti meritevoli operanti in specifici settori della professione, accanto alla reintroduzione di alcune sezioni storiche, come quella del turismo, ripristinata soltanto nel 2010. Tra i premi indetti sono presenti il Guidarello dOro un premio alla carriera per chi ha ottenuto risultati eccellenti e si è particolarmente distinto nellattività giornalistica, indipendemente dalla nazionalità - italiana o estera - di appartenenza e il Guidarello Giovani rivolto agli studenti delle scuole superiori della provincia. Infine sono previsti premi onorifici, i Guidarello ad honorem, anche per personalità dello spettacolo, della politica, della scienza e della società civile. Dal 2006 Confindustria Ravenna ha affidato al giornalista televisivo Bruno Vespa la conduzione dellevento, nonché la presidenza della Giuria del Premio Nazionale. Fra i nomi illustri che hanno fatto parte della giuria si ricordano anche Sergio Zavoli, Tonino Guerra e Vittorio Emiliani.

Inizialmente la manifestazione per la premiazione si svolgeva presso la sala consigliare del Comune di Ravenna, per poi passare nel 1987 al Teatro Rasi, mentre dallanno seguente divenne sede definitiva il Teatro Dante Alighieri.