Топ-100
Indietro

ⓘ Micromodellismo. Il micromodellismo è una specialità del modellismo dinamico che si occupa della riproduzione in scala molto ridotta rispetto al vero. Spesso, s ..




                                     

ⓘ Micromodellismo

Il micromodellismo è una specialità del modellismo dinamico che si occupa della riproduzione in scala molto ridotta rispetto al vero. Spesso, si chiamano micromodello oggetti che possono stare in una mano e hanno un sistema motore che permette loro di muoversi autonomamente. A differenza dei modelli cui scopo è di replicare il più fedelmente possibile i dettagli rispetto al vero, senza potersi muovere con mezzi propri, il micromodello è pensato principalmente per la parte dinamica.

                                     

1. Sistemi di controllo

Si distinguono fondamentalmente:

  • Telecomandati o filoguidati
  • Radiocomandati

Telecomandi

I telecomandi sono collegati con un filo alloggetto. Questa modalità di controllo tende a scomparire sempre più, limitante perché lazione del filo impedisce molte figure.

                                     

1.1. Sistemi di controllo Telecomandi ad infrarosso IR

Questa modalità di controllo è particolarmente usata per volo indoor palestra distanza utile 30m, sufficiente per un micromodello di 3g e 15cm di dimensione visibilità limitata.

  • Il trasmettitore IR: autocostruito. È costituito da un circuito elettronico con un microcontrollore, un joystick e una batteria LiPo da due elementi.
  • La ricevente IR: dimensioni abbastanza grandi da essere montato da non-specialisti, si noti che il microcontrollore è un PIC10F200, la maggior parte dei componenti sono facili da reperire.

Circuito stampato, nota il sensore a infrarossi a sinistra.

                                     

1.2. Sistemi di controllo Il radiocomando

Il radiocomando è di gran lunga la modalità di controllo più sofisticata e più adatta al micromodellismo. Da verificare i conflitti di frequenza nel caso di più modelli funzionanti contemporaneamente.

                                     

2. Il micromodellismo aereo

Il micromodellismo aereo è il più spettacolare.

Si distinguono tre categorie:

Microaerei

Alcuni modelli:

  • Micro aereo R/C bimotore: peso 6.8g, permette voli in spazi molto ridotti data la bassa velocità.
  • Micro aereo "Mini Bee Plane" 2 assi: bimotore. Per indoor e outdoor
                                     

2.1. Il micromodellismo aereo Microelicotteri

Repliche di elicotteri:

  • Micro AMAZING MICRO 3D APACHE: 3 assi, per volo indoor.
  • Micro Picoo Z: Il più piccolo e leggero al mondo, 17cm di lunghezza, peso inferiore ai 10g.
  • Micro Boeing CH-47 Chinook 2 assi R/C. Con giroscopio, stabilità in volo notevole.
  • Micro Hughes 300 FAIRY: un 2 assi
                                     

2.2. Il micromodellismo aereo Mini-motoalianti

I motoalianti salgono in quota con un motore e poi discendono:

  • Mini motoaliante Humming R/C 2 assi: 94cm, portata 150m
  • Mini motoaliante Easy fly R/C AIRPLANE 2 assi: 105cm, portata 150m
  • Mini motoalianter Orange R/C 2 assi: 155cm, portata 500m
  • Mini motoaliante 3 assi R/C: 107cm apertura lare, portata di 300m
                                     

2.3. Il micromodellismo aereo Microaerei RC scala Pistacchio

La scala Pistacchio apertura alare non superiore ai 20cm - 8" è una categoria a volo libero con propulsione ad elastico. Qui parliamo di propulsione elettrica e telecomandati IR. BD4 apertura alare 20cm per un peso di 4g. Motore Didel MK04S-10 4/8mm 10ohm. Costruzione amatoriale di K. Tanaka. Il progetto dAndy Mitas. Il fondo del modello è fatto per permettere laccessibilità allelettronica il filo della bobina è da 0.03mm. Verso limpennaggio si trova la batteria LiPo. Piper Vagabond è un progetto di Bill Hannan; fusoliera è in carta giapponese ézaki. Le ali ricoperte in mylar e colorate con un aerografo. Decalcomanie sopra il mylar. Ispirato alla "âge dor" dellaviazione. Uno dei primi aerei amatoriali 1828; fusoliera ricoperta in carta e ali in Mylar. "vieille toile" fatta con aerografo. HM210 è una variante del" Pou du Ciel” di Henri Mignet; fusoliera ricoperta in carta giapponese le ali in mylar.