Топ-100
Indietro

ⓘ Stefano Romeo. Fu alto esponente della Massoneria come Garibaldi e altri illustri patrioti, infatti lattuale loggia massonica di Reggio Calabria porta ancora og ..




Stefano Romeo
                                     

ⓘ Stefano Romeo

Fu alto esponente della Massoneria come Garibaldi e altri illustri patrioti, infatti lattuale loggia massonica di Reggio Calabria porta ancora oggi il suo nome. Il 27 luglio 1867 fu tra i fondatori della Loggia Universo di Firenze. Cugino di Domenico Romeo e Giannandrea Romeo, fu una delle importanti personalità che il piccolo paese aspromontano offrì per la causa dellunità dItalia.

Avviato agli studi, nel 1834 fu allontanato dal Seminario di Reggio Calabria, e da tutte le scuole del Regno di Napoli, perché trovato in possesso di libri della Giovine Italia.

Nel 1840, iscritto da quattro anni alla facoltà di medicina dellUniversità di Napoli, fu arrestato perché sospettato di essere iscritto alla Giovine Italia. Si trasferì quindi a Messina, presso la cui università, nel 1841, si laureò in Medicina.

Nel 1844 fu coinvolto nel processo ai fratelli Bandiera.

Nel 1847 partecipò attivamente ai moti di Reggio Calabria del 2 settembre, in seguito ai quali gli venne inflitta la pena di morte, poi sospesa. Fu quindi trasferito un mese dopo a Napoli, insieme al cugino Giannandrea Romeo e altri patrioti arrestati.

Ma il moto del 2 settembre 1847, pur uscendo sconfitto, diede il via ad un processo rivoluzionario lento ma inesorabile: produsse reazioni positive in tutta Europa e, sotto la spinta di altre sommosse, nel gennaio del 1848 il re Ferdinando II dovette liberare i prigionieri concedendo lamnistia, la Costituzione e libere elezioni politiche. Elezioni tenutesi il 18 aprile, e dalle quali Stefano Romeo uscì come più giovane tra gli eletti e fu nominato Segretario della Camera dei deputati.

Ma il sogno durò poco: dietro la spinta dei monarchi europei, il re revocò la Costituzione e il 15 maggio sciolse la Camera con lintervento delle armi. Ciò determinò, per diversi giorni, la feroce rivolta del popolo napoletano, e come conseguenza dei fatti tragici che ne scaturirono, Stefano Romeo, Giannandrea Romeo e gli altri maggiori esponenti del patriottismo napoletano, furono processati e condannati a morte per "cospirazione contro la sicurezza dello Stato e attentato alla guerra civile".

Dopo aver tentato senza successo, assieme a Casimiro de Lieto e Antonino Plutino, la costituzione di un governo provvisorio in Calabria, nel 1849 andò a Roma a battersi in difesa della Repubblica Romana proclamata con a capo Giuseppe Mazzini, Aurelio Saffi e Carlo Armellini. Alla caduta della Repubblica Romana, si recò in Toscana dove, col grado di capitano del Genio, combatté contro gli Austriaci che volevano imporre con la forza il ritorno del Granduca Leopoldo.

Nel 1850 dovette rifugiarsi a Malta e quindi andò in esilio in Turchia, da dove però si tenne sempre in contatto con altri esuli sparsi per lItalia e lEuropa. Continuò qui ad esercitare con successo la professione di medico, nonché quella del commercio allingrosso di cereali, con notevolissimi guadagni, che in gran parte destinò al sostegno dei patrioti in difficoltà e allacquisto delle armi necessarie allimpresa dei Mille di Garibaldi.

Nel 1860, alla caduta dei Borbone e con lunione del Mezzogiorno al Regno dItalia, poté finalmente tornare a casa.

Nel 1861 fu eletto deputato ed entrò a far parte del primo Parlamento nazionale, tra i banchi dellestrema sinistra, accanto allamico Garibaldi e lanno successivo ricevette da Urbano Rattazzi lonorificenza dellOrdine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Fu rieletto nel 1865, e dovette recarsi a Firenze, nuova capitale dItalia e quindi sede della Camera. Ma le cattive condizioni di salute e la lontananza da moglie e figli lo spinsero, nel febbraio del 1868, a rassegnare le dimissioni da deputato e a fare ritorno a Santo Stefano.

Morì a Santo Stefano in Aspromonte, il 10 agosto 1869. Per sua espressa volontà la sua tomba fu collocata nell"orto dellAbazia", dove tuttoggi si trova, e sulla quale si legge la seguente epigrafe: