Топ-100
Indietro

ⓘ Cultura della Birmania. La cultura della Birmania è stata pesantemente influenzata dal buddhismo e dalla popolazione Mon, mentre in seconda battuta si hanno not ..




Cultura della Birmania
                                     

ⓘ Cultura della Birmania

La cultura della Birmania è stata pesantemente influenzata dal buddhismo e dalla popolazione Mon, mentre in seconda battuta si hanno notevoli influenze anche da parte delle nazioni confinanti come lIndia, la Thailandia e la Cina. In tempi recenti, la colonizzazione britannica e loccidentalizzazione della società hanno influenzato diversi aspetti della cultura del paese, come la lingua e linsegnamento.

                                     

1. Arte

Storicamente larte birmana si basa sulla cosmologia e sui miti del Buddhismo e dellInduismo. Le rappresentazioni di Buddha variano per stile e certe caratteristiche distintive a seconda della regione birmana in cui si trovano: lo stile della zona di Mandalay sviluppatosi alla fine del XIX secolo, ad esempio, consiste di un Buddha di forma ovoidale con caratteri realistici, come la curvatura naturale delle sopracciglia, orecchie più piccole di quanto rappresentato in altre zone ma comunque piuttosto pronunciate e abiti drappeggiati. In Birmania vi sono 10 arti tradizionali, chiamate pan sè myo ပန်းဆယ်မျိုး:

  • intaglio ပန္းပု ba-bu
  • pittura ပန္းခ်ီ bagyi
  • scultura ပန္းတေမာ့ pantamaw
  • lavorazione del bronzo ပန်းတဉ်း badin
  • muratura ပန္းရန္ pa-yan
  • forgiatura ပန္းပဲ ba-bè
  • oreficeria ပန္းထိမ္ ba-dein
  • laccatura ပန္းယြန္း panyun
  • stuccatura ပန္းေတာ့ pandaw
  • tornitura del legno ပန္းပြတ္ panbut

Oltre alle arti tradizionali sono presenti anche la filatura della seta, la ceramica, la realizzazione di arazzi, la lavorazione di pietre preziose e la realizzazione di foglie doro. I templi sono tipicamente realizzati con mattoni e stucchi, mentre le pagode sono spesso ricoperte con numerosi strati di foglie doro ed i monasteri sono solitamente costruiti in legno almeno quelli storici, i monasteri recentemente costruiti nelle grandi città sono costruiti con materiali più moderni. Un tetto molto comune nellarchitettura birmana è il cosiddetto Pyatthat ပြာသာဒ်, cioè una serie di piani sovrapposti ognuno munito del proprio tetto, culminanti in una guglia.

                                     

1.1. Arte Letteratura

La letteratura birmana è stata fortemente influenzata dal buddhismo, soprattutto storie legate alle Jātaka. Dal momento che il buddhismo ortodosso proibiva la scrittura di storie romanzate, la letteratura si basa principalmente su storie vere. A partire dalla colonizzazione inglese sono comunque stati introdotti diversi generi di romanzo che oggi sono diventati molto popolari. La poesia è molto importante e vi sono alcuni generi di poesia propri della letteratura birmana. Nel 1976 venivano pubblicati solo 411 titoli lanno, paragonabili ai 445 pubblicati nel 1882: diversi fattori hanno contribuito a questo bassissimo numero, fra cui la censura, il lunghissimo percorso burocratico necessario per ottenere il permesso di pubblicare ed il basso potere dacquisto della popolazione che non permetteva la nascita di un mercato legato alla letteratura.

Le storie più popolari hanno tematiche simili a quelle dei romanzi occidentali, ma è presente anche un fiorente mercato legato alla traduzione di opere occidentali da parte di autori birmani: questo perché il governo non ha sottoscritto la convenzione universale sul diritto dautore per cui non cè lobbligo di pagare royalties agli autori originari.

Una delle scrittrici più importanti del periodo post-coloniale è la giornalista Kyaw Ma Lay; unaltra famosa scrittrice è Khin Myo Chit, il cui racconto breve Il diamante da 13 carati del 1955 è stato tradotto in diverse lingue. Altri autori famosi sono Ludu U Hla, Thein Pe Myint, Kyi Aye, Khin Hnin Yu, Myoma Myint Kywe.

                                     

1.2. Arte Danza

La danza birmana può essere suddivisa in tre grandi categorie: la drammatica, la folkloristica e la danza nat, ognuna delle quali ha alcune precise caratteristiche distintive che la separano da quella delle nazioni vicine soprattutto la Thailandia, che ha tratti simili, come i movimenti veloci ed energici e lenfasi delle pose assunte dai ballerini.

                                     

1.3. Arte Musica

Diversi tipi di musica birmana sono suonati con una serie di strumenti musicali tradizionali, tutti riuniti in unorchestra conosciuta col nome di hsaing waing che la musicista birmana Kyaw Naing ha reso molto popolari anche in occidente. La musica folkloristica è diversa da quella degli altri paesi del sudest asiatico, in quanto caratterizzata da improvvisi cambi di ritmo e di melodia e da variazioni nel timbro e nella struttura della musica. Uno strumento prettamente birmano è il saung, una specie di arpa arcuata che risale ad epoche antichissime se ne trovano tracce in civiltà coeve agli Ittiti.

Le tipiche musiche folkloristiche birmane si trovano allinterno del cosiddetto Mahagita, una grande raccolta di canzoni classiche tipicamente suddivise in musiche da suonare al coperto o allaperto. Queste canzoni, in lingua pali e in pali misto al birmano, hanno temi incentrati su leggende birmane, su temi religiosi o sulla potenza e la gloria di antichi monarchi, ma ve ne sono anche alcune che parlano della bellezza del paesaggio, delle foreste, delle stagioni e infine della bellezza femminile, di amore e passione. Nella Birmania moderna tuttavia è sempre più presente la musica pop di stile occidentale.



                                     

2. Costumi

Il saluto tradizionale birmano è mingalaba မဂၤလာပါ, dal pali mangala e che può essere tradotto con buoni auspici a te; questo è, comunque, una forma di saluto relativamente recente, originatasi negli anni Sessanta del secolo scorso nelle nuove scuole missionarie appena nazionalizzate in sostituzione dellinglese good morning teacher. Sono tuttora comuni forme di salute come Htamin sa pi bi la ထမင္းစားျပီးျပီလား, che significa hai mangiato? e Nei kaung la ေနေကာင္းလား, che significa come stai?.

                                     

2.1. Costumi Abbigliamento

Il tipico indumento birmano è il longyi, una specie di sarong indossato sia dagli uomini che dalle donne. Il longyi ha preso il posto dei tradizionali paso per gli uomini e tamein per le donne agli inizi del XIX secolo. Per occasioni più formali o per lavoro gli uomini bamar indossano una camicia manciù တိုက္ပုံအကၤ်ီ e a volte un turbante chiamato gaung baung, mente le donne indossano una blusa abbottonata sul davanti, chiamata yinzi ရင္ေစ့, o sul fianco, chiamata yinbon ရင္ဖုံး, oltre ad uno scialle. Nelle aree urbane si sta diffondendo rapidamente luso di gonne o pantaloni di stile occidentale, soprattutto fra i giovani. Una tipica calzatura è una specie di sandalo chiamata hnyat-phanat.

Durante il colonialismo britannico, i birmani più nazionalisti associavano labbigliamento tradizionale, soprattutto il Yaw longyi ယာလုံခ်ည္, un tipico longyi della popolazione Yaw ed il pinni taikpon ပင္နီတုိက္ပုံအကၤ်ီ, una camicia chiara senza collo, con i sentimenti anticolonialisti, a causa di una restrizione negli anni Venti del XIX secolo sfociata in aperto dissenso. Indossare vestiti tradizionali era visto dai birmani come una resistenza passiva alla colonizzazione, ciononostante i britannici influenzarono notevolmente labbigliamento ed anche le acconciature tradizionali birmane. I tradizionali capelli lunghi degli uomini vennero rimpiazzati da capelli corti e raccolti, chiamati bo ke ဘုိေက. Allo stesso modo le donne iniziarono ad acconciare i capelli in un modo chiamato amauk အေမာက္, una specie di frangetta arricciata in cima col tradizionale odango ဆံထုံး. Il longyi femminile htamein divenne più corto, con lorlo alle caviglie invece che ai piedi, mentre anche la parte superiore si allacciava in vita in un punto più basso di prima.



                                     

2.2. Costumi La lingua

La lingua birmana presta molta attenzione alletà dellinterlocutore. Lutilizzo di titoli onorifici prima del nome è la norma ed è considerato molto sconveniente pronunciare il nome di una persona senza usare il suo titolo, a meno che non la si conosca fin dalla giovinezza o che si tratti di un giovane subalterno. Ai ragazzi ci si riferisce con lappellativo di Maung Ko letteralmente fratello, mentre agli uomini più maturi ci si riferisce con lappellativo di U letteralmente zio. Allo stesso modo, ci si riferisce alle ragazze chiamandole con lappellativo di Ma letteralmente sorella, mentre alle donne più mature ci si riferisce con lappellativo di Daw letteralmente zia, a prescindere dal fatto che siano sposate o meno. Anche i pronomi relativi alla prima e la seconda persona variano a seconda di chi si sta rivolgendo a chi e a seconda delletà degli interlocutori. Il linguaggio ed i termini utilizzati con le persone più anziane è più rispettoso ed esiste uno speciale vocabolario per i termini da utilizzare quando si parla con un monaco buddhista.

                                     

2.3. Costumi Consuetudini

La società birmana si relaziona in base all ana အားနာ, un sentimento caratteristico che non ha equivalenti nella cultura occidentale. Si tratta di una specie di riluttanza, esitazione e dellevitare il contatto fisico e visivo con linterlocutore, in base alla paura che qualunque parola o azione possa offendere o creare imbarazzo nella persona con cui si parla. Un altro concetto sempre presente nella società birmana è quello di hpone ဘုန္း, dal sanscrito bhaga, che si può tradurre come potere: viene utilizzato come spiegazione delle numerose differenze di tipo etnico, socioeconomico e di genere fra la popolazione. Il hpone si riferisce al risultato cumulativo delle radici di una persona, dei suoi antenati, secondo lidea che la posizione sociale deriva dai meriti guadagnati nelle vite passate questidea viene utilizzata anche per giustificare latteggiamento prevalente che vede le donne birmane assoggettate alluomo, poiché hanno meno hpone.

Letà avanzata è considerata sinonimo di saggezza ed esperienza, per cui gli anziani vengono venerati. I genitori ed i maestri sono secondi solamente ai tre gioielli yadana thoun ba, ရတနာသုံးပါး, costituendo con essi i cinque atti di carità infinita ananda nga ba, အနႏၱငါးပါး e gli viene reso omaggio detto gadaw in speciali momenti dellanno come i thingyan o linizio e la fine dei riti del vassa. Gli anziani sono i primi cui viene servito da mangiare ed in loro assenza un cucchiaio di riso viene messo da parte prima che tutti inizino a mangiare, in segno di rispetto u cha, ဦးခ်. I giovani evitano di sedersi più in alto degli anziani o di passar loro davanti a meno che sia inevitabile, e in questo caso lazione viene accompagnata da un inchino rispettoso. Quando si consegna un oggetto agli anziani si usano entrambe le mani. Gli uomini possono incrociare le gambe quando sono seduti su una sedia o un tappeto, mentre le donne generalmente non lo fanno.

Ai bambini viene insegnato fin da piccoli a venerare i propri anziani, a rispettare i propri pari e ad essere gentili con i deboli. I genitori sono considerati i soli responsabili per il comportamento dei propri figli.

È considerato maleducato toccare la testa di unaltra persona poiché quello è il punto più alto del corpo umano. È considerato sconveniente anche toccare i piedi di qualcun altro, ma è ancor più offensivo puntare con un piede o sedersi con i piedi che puntano nella direzione di una persona anziana, poiché i piedi sono la parte più bassa del corpo umano tempo fa era considerato blasfemo anche additare le immagini del Buddha. Prima di entrare in una casa, in un monastero o in una pagoda ci si deve sempre obbligatoriamente togliere scarpe e calze, camminando quindi a piedi nudi. È pratica religiosa dei birmani circumambulare gli stūpa in senso orario let ya yit, လက္ယာရစ္, non antiorario let wè yit, လက္ဝဲရစ္, come in tutti i paesi buddhisti.

Pubbliche dimostrazioni di affetto sono comuni fra persone dello stesso sesso o fra membri della stessa famiglia, ma sono estremamente rare fra persone di sesso diverso. È dunque abbastanza comune vedere amici dello stesso sesso che camminano tenendosi per mano ma questo è molto raro fra fidanzati a meno che non ci si trovi in una grande città, dove i costumi si stanno occidentalizzando molto velocemente.

                                     

3. Cucina

La cucina birmana è stata molto influenzata da quelle indiana, cinese e thailandese, oltre che dalle cucine etniche delle varie popolazioni che abitano il paese. Nella preparazione dei piatti viene fatto un moderato uso di spezie. Un tipico menù birmano consiste di diverse pietanze di carne, una zuppa, riso al vapore con una salsa fermentata di pesce conservato e verdure lessate di contorno. Solitamente coi piatti vengono serviti condimenti come il balachung o le verdure sottaceto. Altri ingredienti largamente usati nella cucina birmana sono i ceci, le lenticchie ed il tamarindo.

Nelle diverse regioni birmane è comune trovare ristoranti che propongono piatti etnici legati alle diverse culture del paese, soprattutto Shan, come nelle aree urbane sono molto diffusi i ristoranti cinesi ed indiani. Il piatto nazionale birmano è spesso considerato essere il mohinga မုန္႔ဟင္းခါး, costituito da noodles di riso in una zuppa di pesce. La cultura tradizionale birmana prevede che il cibo venga mangiato direttamente con le mani, anche se negli ultimi decenni si è diffusa labitudine di utilizzare sia le posate di tipo occidentale che le bacchette di tipo cinese.

                                     

4. Matrimonio

Le usanze birmane considerano lamore come guidato dal destino, poiché è Brahmā a scrivere il nome del futuro sposo o della futura sposa sulla fronte dei neonati quando compiono il sesto giorno di vita. I matrimoni possono essere di diversi tipi, da quelli tradizionali a quelli con riti più semplici fino ad alcune cerimonie più stravaganti. Solitamente il segno distintivo dellavvenuto matrimonio con o senza cerimonia è il fatto di vedere un longyi maschile appeso su una ringhiera o su un corrimano allesterno della casa della sposa, oppure quando una coppia mangia dallo stesso piatto. In Birmania non cè lusanza di matrimoni combinati o di conferire una dote ad uno degli sposi da parte della famiglia. Normalmente non ci si sposa durante i riti del vassa, che durano tre mesi fra luglio e ottobre.

Ai monaci buddhisti è proibito condurre i riti del matrimonio, come è esplicitamente prescritto nel vinaya, cerimonia considerata terrena e quindi inadatta a loro. Possono comunque essere invitati prima della cerimonia per benedire la nuova coppia e recitare un paritta a protezione degli sposi. Normalmente gli sposi organizzano una festa il mattino del matrimonio in cui raccogliere elemosine da destinare ai monaci, per guadagnare meriti.

Un rito matrimoniale più stravagante richiede mesi di preparazione e la consultazione di un astrologo, affinché lui possa indicare il luogo ed il momento migliore per levento. Viene poi scelto un cerimoniere tipicamente un brahmino che conduca la cerimonia. Gli sposi si siedono vicini su dei cuscini, dopodiché il brahmino fischia attraverso una conchiglia ed unisce i palmi delle mani degli sposi, li avvolge con un tessuto bianco ed immerge le mani così unite in una ciotola dargento. Dopo aver recitato alcuni mantra, il brahmino estrae i palmi delle mani e fischia nuovamente nella conchiglia, per segnalare la conclusione della cerimonia.



                                     

5. Funerali

Una cerimonia funebre birmana tipicamente dura una settimana, anche se il corpo del defunto viene sepolto o cremato durante il terzo giorno. Solitamente viene posta una moneta gadaw ga, ကန္ေတာ့ခ nella bocca del defunto, in modo che per lui sia possibile pagare il pedaggio per passare nella terra dei morti. Spesso viene anche offerto del riso con curcuma per placare il bhummazo ဘုမ္မစိုး, la divinità a guardia della Terra. Durante la cerimonia funebre vera e propria vengono distribuiti doni a tutti partecipanti: ventagli di carta con scritto il nome del defunto, oppure scritture buddhiste legate allimpermanenza della vita anitya o al Samsāra.

Nelle aree urbane sono comuni le corone di fiori, come anche lusanza di donare denaro che verrà poi distribuito alle famiglie più povere, mentre nelle zone rurali è più diffusa lusanza di donare direttamente cibo per le famiglie meno abbienti. Per sette giorni le finestre e la porta della casa del defunto vengono tenute aperte, in modo che lo spirito del morto possa uscirne, mentre di notte possono tenersi delle veglie. Il settimo giorno yet le, ရက္လည္ viene donato cibo ai monaci, che a turno recitano una serie di benedizioni e paritta protettivi, trasferendo poi i meriti al morto; la cerimonia si conclude con la cerimonia della libagione dellacqua.

                                     

6. Religione

In Birramania la religione predominante è di gran lunga il Buddhismo Theravada, che ha iniziato a diffondersi circa 2.000 anni fa mescolandosi con lInduismo anchesso importato dallIndia come il Buddhismo e lanimismo presente fra le popolazioni indigene. I regni Pyu e Mon sviluppatisi nel corso del primo millennio erano buddhisti, mentre le popolazioni Bamar erano animiste. Secondo la tradizione, il re Anawrahta di Bagan adottò il Buddhismo nel 1056 e dichiarò guerra al Regno di Thaton nel sud del paese per ottenere il Tripitaka e per portare allinterno del suo regno dei monaci istruiti. La tradizione religiosa che si incontra oggi in Birmania è un mix del Buddhismo Theravada originario con le tradizioni animiste originarie. Nel periodo coloniale ci fu una grande immigrazione a Yangon ed in altre grandi città di induisti e musulmani provenienti dallIndia, infatti la maggior parte delle moschee e dei templi sono state costruite in questo periodo.

Il Cristianesimo venne portato in Birmania dai missionari nel XIX secolo. Questa religione si è diffusa pochissimo fra coloro che professavano il Buddhismo, mentre ha fatto presa fra le popolazioni non buddhiste, come i Chin, i Karen ed i Kachin. Sono presenti sia il Cattolicesimo che il Protestantesimo, e la Birmania è patria di una delle maggiori comunità battiste del mondo.

Diversi templi dedicati alle religioni tradizionali cinesi sono stati costruiti a Yangon e nelle maggiori città birmane a partire dal XIX secolo, in seguito allimmigrazione di vaste comunità di cinesi nel paese.

Nelle zone più remote ed isolate della Birmania sono poi presenti alcune comunità che seguono ancora religione animiste di antiche origini.

Benché formalmente in Birmania sia garantita la libertà religiosa, le comunità cristiane e musulmane sono soggette a discriminazioni, con diversi scontri fra buddhisti e comunità islamiche sia nelle zone rurali che nelle città maggiori. A seguito della distruzione dei Buddha di Bamiyan da parte dei talebani nel 2001 si sono verificati violentissimi scontri fra buddhisti e musulmani in tutte le grandi città birmane.

                                     

6.1. Religione Pagode e monasteri

La Birmania è stata soprannominata la terra delle pagode a causa dellelevatissimo numero di questo tipo di edifici detti anche stupa presenti sul suo territorio. I quattro siti di pellegrinaggio più importanti del paese sono la Pagoda Shwedagon a Yangon, il Tempio Mahamuni a Mandalay, la Pagoda Kyaiktiyo nello stato Mon e la città di Bagan, unantica capitale in cui migliaia di stupa e templi risalenti a diversi secoli fa sono disseminati a perdita docchio su di un territorio di alcuni chilometri quadrati.

                                     

7. Feste tradizionali

Il calendario birmano è costituito da dodici mesi e dodici corrispondenti festività. La maggior parte delle festività è correlata con il Buddhismo ed in qualunque città o villaggio la festa che si tiene alla pagoda paya pwè è la più importante.

La festa più importante è quella chiamata Thingyan, una manifestazione della durata di quattro giorni per celebrare larrivo del nuovo anno lunare, che si tiene il primo giorno di Tagu il nome del primo mese nel calendario birmano, circa a metà aprile. Come per i capodanni di altri paesi del Sud-est asiatico ad esempio il Songkran thailandese la popolazione usa versarsi acqua luno sullaltro. In ogni caso il Thingyan ha un preciso significato religioso, poiché in quei giorni i fedeli buddhisti devono osservare gli otto precetti.

                                     

8. Sport

Lo sport più popolare in Birmania è il calcio. Uno sport popolare e tipicamente birmano è il chinlone, giocato utilizzando una palla in rattan e potendo usare piedi, ginocchia, testa e braccia ma non le mani. Il lethwei una sorta di kickboxing è molto diffuso se ne possono vedere tornei organizzati durante le festività che si tengono nelle pagode dei rispettivi centri abitati. Altri sport tipici sono il thaing unarte marziale che si suddivide in combattimenti armati e a mani nude, particolari giochi equestri ed il cricket, importato dai coloni britannici anche se la squadra birmana non è al livello di quelle di altre nazioni che facevano parte dellImpero britannico.

                                     
  • all 8 annuo. La denominazione Birmania deriva dal nome dello Stato in lingua locale colloquiale, Bama. In birmano la Birmania è indicata tanto con Bama bəmà
  • Voce principale: Birmania La Storia della Birmania non riguarda solo la regione che porta oggi il nome di Birmania o Myanmar ma anche i territori limitrofi
  • conquista giapponese della Birmania avvenne a opera dell Esercito imperiale nipponico tra il gennaio e il maggio 1942. La Birmania all epoca colonia del
  • della Birmania in birmano ပ ည ထ င စ ဆ ရ ယ လစ သမ မတ မ န မ န င င တ MLCTS Pyihtaunghcu Soshallaitsammat Myanmar Ninengantaw fu il nome della Birmania
  • La cultura della Birmania è talmente impregnata di buddhismo da essere spesso considerata un suo stesso sinonimo. Vi sono molte festività birmane durante
  • 000 le persone di cultura e lingua mon, delle quali la maggioranza parla anche il birmano La maggior parte dei mon vive in Birmania nello Stato Mon, situato
  • Giorni in Birmania traduzione di Giovanna Caracciolo, Collana La Gaja Scienza n.50, Milano, Longanesi, 1948, pp. 318. Giorni in Birmania Presentazione
  • I Diritti LGBT in Birmania sono inesistenti. Le persone omosessuali e transgender non godono di alcun diritto e sono legalmente perseguitate tramite la
  • principale: Birmania La Birmania Paese conosciuto nel mondo con esonimi diversi in italiano e spagnolo Birmania in francese Birmanie in inglese
  • in francese. È un diario di viaggio sul periodo passato da Delisle in Birmania con sua moglie Nadège, un amministratrice per Medici senza frontiere MSF