Топ-100
Indietro

ⓘ Roberto Saviano è uno scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano. Nei suoi scritti, articoli e nel suo romanzo di esordio Gomorra che lo ha portato alla no ..




Roberto Saviano
                                     

ⓘ Roberto Saviano

Roberto Saviano è uno scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano.

Nei suoi scritti, articoli e nel suo romanzo di esordio Gomorra che lo ha portato alla notorietà utilizza la letteratura e il reportage per raccontare la realtà economica, di territorio e dimpresa della Camorra e della criminalità organizzata in senso più generale.

Dalle prime minacce di morte del 2006 da parte dei cartelli camorristici del clan dei casalesi, di cui denunciò loperato nel suo esposto e nella piazza di Casal di Principe durante una manifestazione per la legalità, è sottoposto ad un severo protocollo di protezione che dal 13 ottobre 2006 prevede che viva sotto scorta. Per le proprie posizioni è stato destinatario di appelli alle istituzioni da parte di scrittori e altri personaggi della cultura.

Numerose le sue collaborazioni con testate giornalistiche internazionali e italiane tra le quali LEspresso, La Repubblica, Il Post e The Post Internazionale in Italia, Washington Post, il New York Times, Newsweek e il TIME negli Stati Uniti, El País in Spagna, Die Zeit e Der Spiegel in Germania, in Svezia con Expressen in Gran Bretagna con il The Guardian e il The Times.

                                     

1. Biografia

Saviano nasce a Napoli, nel quartiere di Secondigliano, figlio di Luigi Saviano, un medico originario di Frattamaggiore un comune del napoletano, e di Maria Rosaria Ghiara, nata a Trento da genitori liguri di origine ebraica sefardita, ma cresce a Caserta. Consegue la maturità scientifica presso il Liceo Scientifico "Armando Diaz" di Caserta e successivamente si laurea in Filosofia presso lUniversità degli Studi di Napoli "Federico II", dove è stato allievo dello storico meridionalista Francesco Barbagallo.

Nel 1997 alletà di 17 anni, secondo il Partito Marxista-Leninista Italiano, Saviano avvia una collaborazione con loro senza però iscrivervisi, pubblicando dei contributi sul settimanale Il Bolscevico sotto lo pseudonimo di "Roberto Ercolino"; nel 2001 interrompe però ogni rapporto con il partito.

Comincia la sua carriera giornalistica nel 2002 scrivendo per riviste e quotidiani tra cui: Pulp, Diario, Sud, il manifesto, il sito web Nazione Indiana e per losservatorio sulla camorra del Corriere del Mezzogiorno ; due anni dopo, nel 2004, si trasferisce a Napoli per poter osservare più da vicino i fenomeni criminali in città. I suoi articoli sulla camorra spingono lautorità giudiziaria a sentirlo, nei primi mesi del 2005, in merito al crimine organizzato.

Nel marzo 2006 pubblica il romanzo, ispirato a situazioni reali, Gomorra. È autore insieme a Mario Gelardi dello spettacolo teatrale omonimo ed è sceneggiatore del film tratto dal suo romanzo. Il 10 dicembre 2009, alla presenza di Dario Fo, riceve il titolo di Socio Onorario dellAccademia di Brera e il Diploma di Secondo Livello in Comunicazione e Didattica dellArte honoris causa, massimo riconoscimento dallateneo pari a una laurea magistrale. Saviano dedica i riconoscimenti ai meridionali di Milano.

Il 22 gennaio 2011 lUniversità degli Studi di Genova ha concesso la laurea honoris causa in Giurisprudenza "per limportante contributo alla lotta contro la criminalità e alla difesa del principio di legalità nel nostro Paese". Saviano dedica il riconoscimento ai magistrati della procura di Milano che indagano sul Ruby-gate. Da qui la polemica con Marina Berlusconi, figlia di Silvio Berlusconi e presidente della Arnoldo Mondadori Editore. Nel 2011 lo scrittore fu invitato a tenere lezioni alla New York University, rimanendo a vivere per un semestre negli Stati Uniti. In seguito si è trasferito a vivere regolarmente per alcuni periodi a Manhattan.

Il 27 agosto 2013, sul periodico "Roberto Saviano" di Roberto Saviano e Feltrinelli Editore, pubblica una monografia dedicata a Enzo Baldoni in cui dichiara tra laltro, di essere ateo.

Nel 2014, è stato invitato per un semestre, come borsista a lungo termine in visita long-term visiting fellows allUniversità di Princeton, a tenere un corso sui rapporti della mafia con politica e imprese, intitolato Politica economica e crimine organizzato, Economic Politics and Organized Crime. In programma le organizzazioni criminali e il loro ruolo politico e sociale, i rapporti tra mafia e giornalismo, con la tecnica del giornalismo investigativo, la cultura e i simboli mafiosi, come i riti della Ndrangheta, il traffico di cocaina le storie di scrittori condannati a morte dai cartelli della droga nel mondo.

Il pensiero di Saviano è influenzato, principalmente, dagli intellettuali meridionalisti Giustino Fortunato e Gaetano Salvemini, dagli anarchici Errico Malatesta e Michail Bakunin, e dal poeta Rocco Scotellaro. Inoltre ha dichiarato di essersi "formato su molti autori riconosciuti della cultura tradizionale e conservatrice, Ernst Jünger, Ezra Pound, Louis-Ferdinand Céline, Carl Schmitt" e Julius Evola che legge spesso. Per questultima affermazione e altro ancora, Vincenzo Consolo ha ritirato sdegnato la sua prevista introduzione La parola contro la camorra".

Nel 2015 Roberto Saviano collabora con il drammaturgo napoletano Mimmo Borrelli nello spettacolo Sanghenapule - Vita straordinaria di San Gennaro, inserito nella rassegna 2015/2016 del Piccolo Teatro di Milano. Dal 2015 è presente sul web con un proprio progetto editoriale, chiamato RSO - Roberto Saviano Online.

Nel settembre 2016, viene insignito dalla cancelliera tedesca Angela Merkel del premio M100 Sanssouci Colloquium Award che viene dato a giornalisti e scrittori che si distinguono per il loro coraggio.

                                     

2. Il caso Gomorra

Saviano esordisce "con un racconto imitando Tommaso Landolfi ed inviandolo a Goffredo Fofi il quale gli fece capire che, pur scrivendo molto bene per la sua età, scriveva "stronzate". Ho visto dal timbro da dove vieni – gli disse – Scrivi delle tue parti. Deve molto Saviano a scrittori come Fofi o Gustaw Herling-Grudziński, scrittori che lui definisce "combattenti", maestri che usano la penna come arma".

Nel marzo 2006 esce nella collana Strade Blu delleditore Mondadori il suo primo romanzo, definito dallo stesso come una non-fiction novel, Gomorra - Viaggio nellimpero economico e nel sogno di dominio della camorra, un viaggio nel mondo affaristico e criminale della camorra e dei luoghi dove questa è nata e vive: la Campania, Napoli, Casal di Principe, San Cipriano dAversa, lagro aversano, luoghi dove lautore è cresciuto dei quali fa conoscere al lettore una realtà inedita agli occhi di chi da tali luoghi non proviene. Il libro parla di ville sfarzose di boss malavitosi create a copia di quelle di Hollywood, di campagne pregne di rifiuti tossici smaltiti per conto di mezza Europa, di una popolazione che non solo è connivente con questa criminalità organizzata, ma la protegge ne approva loperato. Racconta quindi di un sistema questo il nome usato per riferirsi alla camorra che adesca nuove reclute non ancora adolescenti, facendo loro credere che la loro sia lunica scelta di vita possibile, di boss-bambini convinti che lunico modo di morire come un uomo vero sia quello di morire ammazzati, e di un fenomeno criminale influenzato dalla spettacolarizzazione mediatica, in cui i boss si ispirano negli abiti e nelle movenze ai divi del cinema. Nello stesso anno il libro vince il Premio Viareggio per la miglior opera prima.

Ad agosto 2009 il libro ha venduto oltre 2.5 milioni di copie in Italia ed è stato tradotto in 52 paesi. Nel resto del mondo Gomorra è stato venduto in circa 2 milioni di copie. È presente nelle classifiche di Best seller in Germania, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Francia, Svezia, Finlandia, Lituania, Albania, Israele, Libano, Austria.

Da Gomorra sono stati tratti uno spettacolo teatrale, scritto da Mario Gelardi, che ha valso a Saviano gli Olimpici del Teatro 2008 come miglior autore di novità italiana, e lomonimo film regia di Matteo Garrone vincitore al Festival di Cannes del Grand Prix Speciale della Giuria. Nel 2009, il film ha vinto il Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto al Bif&St di Bari.

In seguito ne viene tratta anche una trasposizione televisiva intitolata Gomorra - La serie prodotta da Sky Italia, Fandango, Cattleya, Beta Film e LA7, con la supervisione dello stesso Saviano e la regia di Stefano Sollima già regista della serie Romanzo criminale, Francesca Comencini e Claudio Cupellini; la serie composta da dodici episodi va in onda sul canale Sky Atlantic a partire dal 6 maggio 2014 e viene in seguito trasmessa in chiaro su Rai 3 il sabato in seconda serata tra gennaio e febbraio 2015. Dopo il successo ottenuto sul satellite, viene annunciata la produzione di una seconda stagione della serie, le cui riprese sono iniziate nellaprile 2015, al trio di registi della prima stagione si aggiunge anche Claudio Giovannesi. Tale seconda stagione viene trasmessa dal 10 maggio al 14 giugno 2016 sempre su Sky Atlantic e Sky Cinema 1 e ottiene un successo maggiore rispetto alla prima, con conferma della produzione della terza stagione che vede labbandono alla regia di Stefano Sollima e Claudio Giovannesi, perché impegnati in altri progetti, le cui riprese sono iniziate nellottobre del 2016. Tale terza stagione viene trasmessa sempre su Sky Atlantic e Sky Cinema 1 dal 17 novembre 2017 al 22 dicembre 2017. È inoltre già in fase di scrittura la quarta stagione della serie.

Nel 2016, sempre per la stessa regia e la stessa produzione, iniziano le riprese della trasposizione di ZeroZeroZero, altro romanzo di Saviano uscito nel 2013.

Nel 2017, con la vendita di oltre 10 milioni di copie, il libro Gomorra è stato considerato come un best-seller internazionale.

                                     

3. Le minacce e la vita sotto scorta

Il successo ottenuto dal libro di Saviano ha creato diversi problemi allautore: a partire dalle lettere minatorie, per arrivare alle telefonate mute ma anche ad una scorta con isolamento ambientale.

Durante una manifestazione per la legalità tenuta il 23 settembre del 2006 a Casal Di Principe, lo scrittore denunciò in piazza gli affari dei capi del clan dei Casalesi, Francesco Bidognetti, Francesco Schiavone e dei due reggenti, Antonio Iovine e Michele Zagaria tutti attualmente in carcere, rivolgendosi a loro con toni accesi "Voi non siete di questa terra! Smettete di essere di questa terra!" e invitando la popolazione a ribellarsi. A causa delle minacce e intimidazioni subite, il Ministro dellInterno Giuliano Amato ha deciso di assegnargli la scorta per motivi di sicurezza dal 13 ottobre 2006 Saviano stava tornando da Pordenone dove si era recato per promuovere il libro Gomorra.

Il 14 marzo 2008, durante il Processo Spartacus, il legale dei boss Francesco Bidognetti e Antonio Iovine, Michele Santonastaso coadiuvato da Carmine DAniello, lesse dinanzi al presidente della prima sezione di corte dassise dappello Raimondo Romeres, una lettera scritta congiuntamente dai boss Francesco Bidognetti e Antonio Iovine entrambi in carcere. La lettera conteneva una richiesta di spostamento del processo per legittima suspicione causata dalle influenze che Roberto Saviano, Rosaria Capacchione e i pubblici ministeri Federico Cafiero De Raho e Raffaele Cantone avrebbero avuto sui giudici. A seguito della lettera, il Ministero dellInterno decise di rinforzare le misure di sicurezza dello scrittore, aumentando la scorta da tre a cinque uomini. I boss Francesco Bidognetti e Antonio Iovine e gli avvocati Michele Santonastaso e Carmine DAniello sono stati accusati di minacce aggravate dalla "finalità mafiosa" contro lo scrittore Saviano e la giornalista Capacchione per le presunte minacce contro i magistrati si procede invece a Roma. Per queste accuse, nel maggio 2014 il pm Antonello Ardituro, dinanzi alla terza sezione penale del Tribunale di Napoli, ha avanzato la richiesta di condanna: un anno e sei mesi di carcere, il massimo della pena, per il boss Francesco Bidognetti e per gli avvocati, Michele Santonastaso e Carmine DAniello, mentre per il boss Antonio Iovine è stata richiesta lassoluzione per insufficienza di prove.

Il 14 ottobre 2008 un ispettore di Polizia della DIA di Milano informò la direzione distrettuale antimafia di essere venuto a conoscenza, dal pentito Carmine Schiavone cugino del boss Francesco Schiavone, di un piano, ormai in fase operativa, per uccidere lo scrittore e gli uomini della scorta entro Natale con un attentato spettacolare sullautostrada Roma-Napoli nello stile della Strage di Capaci. Tuttavia Carmine Schiavone, interrogato dai magistrati, ha smentito di essere a conoscenza di un piano dei Casalesi per uccidere Saviano, negando di sapere dellattentato ma confermando che Saviano è stato condannato a morte dal clan dei casalesi, provocando limmediata risposta dello scrittore: "È ovvio che lo dica; se lo dicesse, implicitamente dovrebbe ammettere di avere ancora rapporti con la criminalità organizzata". Il pubblico ministero titolare dellindagine ha, infine, chiesto e ottenuto larchiviazione dopo che la notizia si è rivelata infondata.

Nellottobre del 2008 Roberto Saviano ha deciso di lasciare lItalia per un periodo in seguito alle minacce e al progetto di ucciderlo da parte del clan dei Casalesi.



                                     

4. Lappello dei premi Nobel

Il 20 ottobre 2008, sei premi Nobel - Dario Fo, Michail Gorbačev, Günter Grass, Rita Levi-Montalcini, Orhan Pamuk e Desmond Tutu - si mobilitano chiedendo che lo stato italiano faccia qualsiasi sforzo per proteggerlo e sconfiggere la camorra, ponendo laccento sul fatto che la criminalità organizzata non è un problema di polizia che riguarda solo lo scrittore, ma un problema di democrazia che riguarda tutti i cittadini liberi. Questi cittadini, specificano nellappello, non possono tollerare che gli eventi descritti nel libro accadano in Europa nel 2008, così come non possono tollerare che il prezzo da pagare per aver denunciato questi eventi sia la rinuncia alla propria libertà e alla propria incolumità.

Lappello è stato firmato da altri scrittori quali Jonathan Franzen, Javier Marías, Jonathan Safran Foer, Jonathan Lethem, Martin Amis, Chuck Palahniuk, Nathan Englander, Ian McEwan, Hans Magnus Enzensberger, José Saramago, Elfriede Jelinek, Wisława Szymborska, Betty Williams, Lech Wałęsa, Paul Auster, Siri Hustvedt, Peter Schneider, Colum McCann, Patrick McGrath, Cathleen Shine, Junot Díaz, Tahar Ben Jelloun, Taslima Nasreen, Caro Llewelyn, Íngrid Betancourt, Adam Michnik e Claudio Magris. Anche i media stranieri rilanciano liniziativa: da El País al Le Nouvel Observateur, dal Courrier International fino ad Al Arabiya e alla Cnn.

Dopo liniziativa, diverse radio hanno aperto i loro microfoni a dibattiti e commenti sul tema, in particolar modo la trasmissione Fahrenheit trasmessa da Radio 3 ha organizzato una maratona di letture di Gomorra in cui si sono alternati personaggi della cultura, dellinformazione, dello spettacolo e della società civile. Numerose città italiane hanno inoltre offerto la cittadinanza onoraria allo scrittore, mentre numerose sono state le scuole che hanno sottoscritto lappello. La Casa della Memoria e della Storia, a Roma, ha infine ospitato per otto ore una lettura corale di Gomorra.

In aggiunta alle firme dei sei Nobel, i cittadini hanno potuto firmare lappello su unapposita pagina del quotidiano La Repubblica. Le firme raccolte sono state complessivamente più di 250 000.

                                     

5.1. Procedimenti giudiziari Condanna per plagio

Nel 2013 Saviano e la casa editrice Mondadori sono stati condannati in appello per plagio. La Corte dAppello di Napoli ha riconosciuto che alcuni passaggi dellopera Gomorra lo 0.6 % dellintero libro sono risultate unillecita riproduzione del contenuto di due articoli dei quotidiani locali Cronache di Napoli e Corriere di Caserta, modificando così parzialmente la sentenza di primo grado, in cui il Tribunale aveva rigettato le accuse dei due quotidiani e li aveva anzi condannati al risarcimento dei danni per aver "abusivamente riprodotto" due articoli di Saviano. Lo scrittore e la Mondadori in Appello sono stati condannati in solido al risarcimento dei danni, patrimoniali e non, per 60mila euro più parte delle spese legali. Lo scrittore ha presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza e la Suprema Corte ha confermato in parte limpianto della sentenza dAppello e ha invitato alla riqualificazione del danno al ribasso, stimando 60 000 euro una somma eccessiva per articoli di giornale con diffusione limitatissima.

La condanna per plagio nei confronti di Saviano e della Mondadori è stata confermata nel 2016 dalla Corte di Appello di Napoli, che ha ridimensionato il danno da risarcire da 60 000 a 6 000 euro per lillecita riproduzione in Gomorra di due articoli di Cronache di Napoli e per lomessa citazione della fonte nel caso di un articolo del Corriere di Caserta riportato tra virgolette.

                                     

5.2. Procedimenti giudiziari Condanna per diffamazione

L11 agosto 2018 Saviano e la Mondadori Libri sono stati condannati dal Tribunale di Milano per diffamazione ai danni di Vincenzo Boccolato, imprenditore residente allestero e incensurato. Saviano aveva falsamente affermato in Gomorra che Boccolato facesse parte di un clan camorristico coinvolto nel traffico di cocaina.

                                     

6.1. Controversie Necessità della scorta

Nellottobre 2009 il capo della Squadra Mobile di Napoli Vittorio Pisani ha messo in dubbio la necessità della scorta per proteggere Roberto Saviano sostenendo che non vi erano riscontri alle minacce di morte. A sollevare dubbi sullopportunità della scorta è intervenuto anche il regista Pasquale Squitieri nel 2008, secondo il quale Saviano si sarebbe recato al festival di Cannes "probabilmente per fare un po di show" e che "chi è veramente preso di mira gira con la scorta, certo, ma ha il veto assoluto di prendere aerei e di frequentare luoghi pubblici perché potrebbe rappresentare pericolo per sé e per gli altri". Le dichiarazioni di Squitieri hanno innescato una polemica tra i due.

Il capo della polizia Antonio Manganelli ha replicato ribadendo la necessità della scorta. Anche il Procuratore Capo della Procura Antimafia di Napoli Federico Cafiero de Raho ha dichiarato che Saviano è esposto ad un alto rischio e necessita di una protezione. Anche il pm Raffaele Cantone e il pm Franco Roberti hanno ribadito la situazione di pericolo di Roberto Saviano. Il giornalista Giuseppe DAvanzo su Repubblica ha chiesto le dimissioni del capo della Mobile per le sue dichiarazioni.

Roberto Saviano ha replicato in un articolo su la Repubblica denunciando il tentativo di isolamento della sua persona e di sgretolamento della pubblica solidarietà verso di lui, confrontando il suo caso con quello di Peppino Impastato, Giuseppe Fava e Giancarlo Siani. A seguito delliniziativa di Pisani, Saviano ha dovuto esibire, come richiesto, la giusta causa delle minacce ".

Il 19 maggio 2014 lex capo della Mobile di Napoli, Vittorio Pisani, ascoltato nellambito di un processo ai capi casalesi e ai loro avvocati, che tramite unistanza di remissione avevano minacciato in aula Saviano e altri, ha però disconosciuto il titolo dellintervista che aveva pubblicato nel 2009 al Corriere della Sera: "Saviano non doveva avere la scorta". Non condivido il titolo di quellarticolo ", ha dichiarato Pisani ai Giudici, chiarendo anche il contenuto dellindagine che la Mobile aveva svolto sulle minacce a Saviano: Svolgemmo accertamenti e mostrammo alcune foto a Saviano, che però non riconobbe in loro le persone che gli avevano rivolto minacce. La decisione della scorta ovviamente non spettava a noi". Pisani ha quindi precisato di non aver detto le parole pronunciate nellarticolo, dato che era lArma dei Carabinieri a dover decidere circa la scorta a Saviano.



                                     

6.2. Controversie Cesare Battisti

Nel 2004 il sito internet Carmilla Online organizzò una raccolta di firme di solidarietà per lex terrorista dei PAC Cesare Battisti, poi rifugiatosi in Francia e in Brasile e divenuto scrittore, coinvolgendo oltre 1.500 firmatari nel panorama politico-culturale di Francia e Italia; tra i firmatari del documento comparve anche il nome di Roberto Saviano, che tuttavia, nel gennaio 2009, ritirò la sua firma in segno di rispetto per le vittime. Questa raccolta di firme ha suscitato lattenzione dei media soprattutto grazie allinteressamento del settimanale Panorama.

                                     

6.3. Controversie Dichiarazioni su Israele

Durante la manifestazione Per la verità, per Israele, organizzata dalla deputata del PdL Fiamma Nirenstein e tenutasi a Roma il 7 ottobre 2010, Saviano è intervenuto in un videomessaggio elogiando lo Stato ebraico come luogo di libertà e civiltà. Nel suo discorso, lo scrittore ha parlato delle sue origini ebraiche e ha dichiarato che Israele è una "democrazia sotto assedio", Tel Aviv è "una città ospitale" "che non dorme mai, piena di vita e soprattutto di tolleranza, una città che più di ogni altra riesce ad accogliere la comunità gay" e che "i profughi del Darfur, ad esempio, vengono accolti in Israele".

Queste e altre dichiarazioni hanno suscitato polemiche, e ricevuto critiche per aver ignorato le ingiustizie subite dalla popolazione palestinese. Lattivista Vittorio Arrigoni ha risposto alle sue affermazioni tramite un video, invitandolo a rivedere le sue opinioni, oltre a definire Shimon Peres, encomiato da Saviano, un "criminale di guerra".

Tra i critici Vittorio Arrigoni e Caterina Donattini, attivista in campo profughi palestinese, la quale, in una lettera indirizzata a Saviano, ha affermato che la questione israelo-palestinese presenta i connotati di "un progetto coloniale che ha molte similitudini con quello dellApartheid Sudafricana" e "che ha trasformato un paese in un formaggio groviera", aggiungendo che persino alcuni storici ebrei come Ilan Pappé, Avi Shlaim, Benny Morris hanno documentato questa realtà.

Saviano ha risposto alle contestazioni dicendo: "Nel video ridotto allosso non ho mai appoggiato la guerra, mai appoggiato Piombo Fuso o la destra israeliana, mai Netanyahu. Ho parlato di unaltra Israele, quella a cui rivolgersi per poter arrivare alla pace". Riferendosi ad Arrigoni lo scrittore ha replicato così: "Alla domanda stai con i palestinesi o con gli israeliani, deluderò forse, ma risponderò sempre come mi ha insegnato il mio amico David Grossman: "Sto con la pace".

                                     

6.4. Controversie Articolo su Benedetto Croce

Saviano è stato accusato da Marta Herling, nipote di Benedetto Croce, di aver scritto un articolo mendace sul filosofo abruzzese. Lo scrittore ha affermato che Croce, durante il terremoto di Casamicciola del 1883, in cui era rimasto coinvolto perdendo i genitori e la sorella, avrebbe dovuto offrire, su consiglio del padre morente, 100 000 lire una somma molto elevata per lepoca a chi lo avrebbe aiutato ad uscire dalle macerie. La testimonianza, ripresa da Saviano nello spettacolo Vieni via con me nel 2010, è stata smentita dalla Herling in una lettera pubblicata sulle pagine del Corriere del Mezzogiorno e in due interviste concesse al Tg1, nel corso delle quali ha espressamente sostenuto che lo scrittore avrebbe inventato lepisodio.

Tale tesi risalirebbe, secondo il direttore del Corriere del Mezzogiorno Marco Demarco, a una "fonte anonima" riportata da Ugo Pirro su Oggi nel 1950. In realtà esistono due fonti dettagliate dove lepisodio descritto da Saviano è documentato. Una successiva e più nota è costituita da Carlo del Balzo che descrive la tragedia vissuta dalla famiglia Croce in un libro pubblicato poco dopo i fatti: Cronaca del Tremuoto di Casamicciola. Esiste tuttavia un libro precedente, ripreso da Carlo del Balzo. Si tratta di Ricordi. Casamicciola le sue rovine. Cenni storici – Geografici – Cronologici tipografo Prete, Napoli 1883 di Clodomiro Perrone. Ecco il brano ripreso da del Balzo: "Ed a Casamicciola venne pure escavato vivo il figlio del Comm. Croce, restando lui solo superstite di questa ricca famiglia Foggiana da lungo tempo in Napoli stabilita. Egli raccontò che sua madre e sua sorella furono trovate tra le macerie e scomparvero, che suo padre, il quale nel momento del disastro scriveva con lui a tavolino, rimase tutto coperto di rottami meno la testa e gli diceva – Offri 100 mila lire a chi ci trarrà a salvamento –. Poi non fece più udire la sua voce, era stato interamente seppellito. Il giovane Croce ebbe un braccio ed una gamba fratturati". In relazione a questa vicenda, è nata una querelle tra lo scrittore e il Tg1 che aveva intervistato, senza offrire a Roberto Saviano diritto di replica, Marta Herling, la quale aveva sostenuto che lo scrittore avrebbe "inventato" lepisodio delle 100 000 lire. Sentendosi diffamato, Roberto Saviano ha citato in giudizio la Rai chiedendo un risarcimento pari a 4 700 000 euro per danni patrimoniali. Successivamente sia la Rai che Saviano hanno deciso di desistere dalla lite giudiziaria.



                                     

6.5. Controversie Ipotesi sullomicidio di Yara Gambirasio

Saviano è stato accusato di diffamazione per alcuni passaggi del libro Zero 2013, riguardanti limprenditore, ritenuto colluso con il traffico di droga, Pasquale Claudio Locatelli e i figli Massimiliano e Patrizio, con lazienda Lopav di Ponte San Pietro, che Patrizio aveva amministrato prima del fallimento. Tra le altre cose, Saviano riporta lipotesi di un possibile legame tra la morte di Yara Gambirasio, tredicenne di Brembate di Sopra uccisa nel 2011, la criminalità organizzata e la Lopav, accennando legami tra la Lopav e Fulvio Gambirasio, il padre di Yara, indicando così unipotesi alternativa allaccusa della procura di Bergamo, rivolta poi contro il muratore Massimo Giuseppe Bossetti accusato nel 2014 di aver ucciso la ragazzina. Saviano sostenne che Fulvio Gambirasio, geometra nei cantieri edili, avrebbe infatti testimoniato in un processo a Napoli contro Pasquale Claudio Locatelli, lasciando intendere che questultimo potesse aver attuato una ritorsione contro la famiglia Gambirasio. Il pm Maria Cristina Rota ha interrogato luomo, che ha ribadito di non aver mai testimoniato in un processo contro Locatelli, e in seguito ha iscritto Saviano nel registro degli indagati per diffamazione nei confronti del geometra Gambirasio, il quale non ha comunque sporto querela contro lo scrittore campano, e della famiglia Locatelli. Lo stesso pm Rota ha però archiviato laccusa il 21 maggio 2014.

                                     

7. Approfondimenti

Il caso Palmesano

Roberto Saviano è stato il primo in Italia a occuparsi del caso di Enzo Palmesano, il giornalista del Corriere di Caserta oggi Cronache di Caserta licenziato su mandato del boss della Camorra Vincenzo Lubrano. Il caso è stato accertato giudizialmente, con una sentenza di condanna a carico di Francesco Cascella, il nipote acquisito del boss che fece da mediatore tra il clan e lallora direttore del quotidiano, Gianluigi Guarino, al fine di allontanare il giornalista sgradito al clan Lubrano.

Della vicenda Palmesano si è occupata invece la giornalista e conduttrice televisiva Nadia Toffa nella trasmissione televisiva OpenSpace intervistando Enzo Palmesano, il magistrato Giovanni Conzo che si è occupato delle indagini e lo stesso Roberto Saviano.

                                     

8. Televisione

Dall8 al 29 novembre 2010, Roberto Saviano conduce insieme a Fabio Fazio il programma di approfondimento culturale Vieni via con me su Rai 3. La trasmissione ottiene un grande successo di ascolti: nella terza puntata il programma ha raggiunto 9 671 000 telespettatori e il 31.60 % di ascolto. I temi trattati sono appunto la malavita non solo camorra, ma anche limmigrazione, lemancipazione della donna, la politica e i più gravi problemi sociali italiani. Tipica del programma è la lettura di "elenchi", con lo scopo di mettere in evidenza con una serie di dati i problemi che vengono affrontati. Numerosi sono gli ospiti speciali che intervengono durante le quattro puntate del programma.

Dal 14 maggio 2012 conduce con Fabio Fazio il programma Quello che non ho, in onda su La7 e trasmesso anche in diretta su YouTube. Nella prima puntata ha fatto registrare il record di ascolto di La7 con il 12.65 % e 3 036 000 telespettatori, risultando il terzo programma più visto della serata, record superato due giorni dopo dalla terza e ultima puntata del programma, con il 13.06 % di ascolto.

Nel 2016 è il protagonista del mediometraggio sulla sua vita Roberto Saviano: uno scrittore sotto scorta in cui viene intervistato e accompagnato dal regista Pif.

Dal 4 ottobre 2017 conduce per quattro settimane un programma sul canale Nove: Kings of Crime che parla dei maggiori boss della criminalità organizzata italiana ed internazionale. Nel 2018 conduce la seconda stagione del programma.

                                     

9. Influenza culturale

  • Il rapper napoletano Lucariello, dopo aver ottenuto il consenso di Roberto Saviano, ha scritto una canzone chiamata Cappotto di legno, musicata da Ezio Bosso, in cui è descritta la storia di un killer che si prepara ad uccidere lo stesso Saviano.
  • Fenomeno album di Fabri Fibra, contiene uno skit con la presenza vocale di Saviano, in cui tiene un monologo a favore della legalizzazione della cannabis.
  • Il gruppo britannico dei Massive Attack ha creato un brano ispirato alla storia di Roberto Saviano e Gomorra, Herculaneum, il brano è diventato la colonna sonora del film Gomorra.
  • Il rapper francese SCH nome di battesimo Julien Schwarzer si è ispirato a "Gomorra" di Saviano per un suo brano, del quale ha girato anche un video musicale. Le riprese sono avvenute tra Marsiglia e Scampia.
  • Il gruppo torinese dei Subsonica ha dedicato a Roberto Saviano la canzone Piombo, contenuta nellalbum Leclissi.
  • Nel brano del gruppo rap A 67, "Smettiamo di essere Gomorra" TammorrAntiCamorra Roberto Saviano legge un frammento del suo libro in una Tammurriata anticamorra dedicato alla morte di don Giuseppe Diana.
                                     

10. Onorificenze

Dal 18 gennaio 2012 Roberto Saviano è cittadino onorario della città di Milano.

LUnione Astronomica Internazionale ha denominato lasteroide 278447 Saviano in suo onore, per i meriti come scrittore. Il 7 giugno 2013 riceve ufficialmente la cittadinanza onoraria di Firenze dal sindaco Matteo Renzi.

                                     

11. Opere

Fumetti

  • Sono ancora vivo, Milano, Bao Publishing, 2019, ISBN 978-88-32-73207-8.

Audiolibri

  • Se questo è un uomo di Primo Levi letto da Roberto Saviano, Emons, Roma, 2013, ISBN 978-88-95703-93-0
                                     

11.1. Opere Romanzi

  • Gomorra. Viaggio nellimpero economico e nel sogno di dominio della camorra, Collana Strade blu, Milano, Mondadori, 2006, ISBN 978-88-04-56915-2. - ISBN 88-04-55450-9
  • Bacio feroce, Collana I Narratori, Milano, Feltrinelli, 2017, ISBN 978-88-07-03261-5.
  • ZeroZeroZero, Collana I Narratori, Milano, Feltrinelli, 2013.
  • La paranza dei bambini, Collana I Narratori, Milano, Feltrinelli, 2016, ISBN 978-88-07-03207-3.
                                     

11.2. Opere Fumetti

  • Sono ancora vivo, Milano, Bao Publishing, 2019, ISBN 978-88-32-73207-8.
                                     

11.3. Opere Saggi

  • In mare non esistono taxi, Collana In parole, Milano, Contrasto Due, 2019, ISBN 978-88-69-65786-3.
  • La parola contro la camorra con DVD, Collana Stile libero.Video, Torino, Einaudi, 2010, ISBN 978-88-06-20218-7.
  • Vieni via con me, Collana Varia, Milano, Feltrinelli, 2011, ISBN 978-88-07-49110-8.
  • La bellezza e linferno. Scritti 2004-2009, Collana Strade blu.Non fiction, Milano, Mondadori, 2009, ISBN 978-88-04-59413-0.
                                     

11.4. Opere Audiolibri

  • Se questo è un uomo di Primo Levi letto da Roberto Saviano, Emons, Roma, 2013, ISBN 978-88-95703-93-0
                                     

11.5. Opere Varie

  • Prefazione a Mario Gelardi, Liberami dal male. La vera storia di Marco Marchese, Napoli, ad est dellequatore, 2010
  • Makeba: la storia di Miriam Makeba, Iesa, Goree, 2009
  • LiberaMente. Storia e antologia della letteratura italiana, et al., 3 voll., Palermo, Palumbo, 2010
  • Introduzione a Anna Politkovskaja, Cecenia. Il disonore russo, Roma, Fandango, 2009
  • Prefazione ad Emile Zola, Laffaire Dreyfus: La verità in cammino, Giuntina, 2017
  • Prefazione a Anatole France, La rivolta degli angeli, Padova, Meridiano zero, 2004; 2009
  • A occhi aperti. Le nuove voci della narrativa italiana raccontano la realtà, et al., Milano, Oscar Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-58356-1
  • Prefazione a Misha Glenny, Nem de Rocinha, Globe, 2016
  • Prefazione a Khaled Hosseini, Preghiera del mare, SEM, 2018
  • Prefazione a Raffaele Sardo, La bestia. Camorra storie di delitti, vittime e complici, Milano, Melampo, 2008
  • Introduzione ad Albert Camus, Lo straniero, Bompiani, 2015
  • Prefazione a Massimiliano Virgilio e Fanpage.it, Bloody Money, Napoli, PaperFIRST, 2018
  • Prefazione a Giuseppe Fava, Prima che vi uccidano, Milano, Bompiani, 2009
  • Prefazione a sè stesso, Gomorra 2006-2016, Mondadori, 2016
  • Prefazione a Giancarlo Siani, Fatti di camorra, Edizioni Iod, 2015
  • Prefazione ad Antigone Onlus, Galere dItalia, Infinito Edizioni, 2016
  • Prefazione a Andrea Pazienza, Astarte, Roma, Fandango, 2010
  • La Ferita. Racconti per le vittime innocenti di camorra, Napoli, ad est dellequatore, 2009
  • Prefazione a Dante Virgili, La distruzione, il Saggiatore, 2016
  • Raccontare la realtà. Un grande reporter americano incontra lautore di Gomorra, con William Langewiesche, Roma, Internazionale, 2008
  • Prefazione a Nanni Balestrini, Sandokan, storia di camorra, Roma, DeriveApprodi, 2009
  • Introduzione a Michael Herr, Dispacci, Milano, Bur, 2008
  • Introduzione a Joseph Conrad, La linea dombra, Roma, Gruppo Editoriale LEspresso, 2011
  • Introduzione a Toni Morrison, Lorigine degli altri, Frassinelli, 2018
  • Prefazione a Pier Paolo Pasolini, Il caos, Garzanti Editore, 2015
                                     

12. Filmografia

Soggetto

  • La paranza dei bambini, regia di Claudio Giovannesi 2019
  • Gomorra, regia di Matteo Garrone 2008

Sceneggiatore

  • Gomorra, regia di Matteo Garrone 2008
  • La paranza dei bambini, regia di Claudio Giovannesi 2019

TV

  • ZeroZeroZero, regia di Stefano Sollima, Janus Metz, Pablo Trapero
  • Gomorra - La serie, regia di Stefano Sollima, Francesca Comencini, Claudio Cupellini, Claudio Giovannesi e Marco DAmore dal 2014