Топ-100
Indietro

ⓘ Arcidiocesi di Aix. L arcidiocesi di Aix è una sede della Chiesa cattolica in Francia suffraganea dellarcidiocesi di Marsiglia. Nel 2018 contava 730.000 battezz ..




Arcidiocesi di Aix
                                     

ⓘ Arcidiocesi di Aix

L arcidiocesi di Aix è una sede della Chiesa cattolica in Francia suffraganea dellarcidiocesi di Marsiglia. Nel 2018 contava 730.000 battezzati su 957.700 abitanti. È retta dallarcivescovo Christophe Dufour.

                                     

1. Territorio

Larcidiocesi comprende il dipartimento francese delle Bocche del Rodano, ad eccezione dellArrondissement di Marsiglia.

Sede arcivescovile la città di Aix, dove si trova la cattedrale del Santissimo Salvatore. Nel territorio diocesano sorgono lantica cattedrale di Arles e la basilica minore dellImmacolata Concezione a Tarascona abbazia di Saint-Michel de Frigolet.

Il territorio si estende su 4.580 km² ed è suddiviso in 118 parrocchie, raggruppate in 10 decanati: Alpilles-Durance, Paese dArles, Salon-Valle della Durance, Istres-LOlivier, Martigues Mediterranea, Laguna di Berre, Marignane-Costa Blu, Paese di Gardanne, Aix-Valle dellArc, Aix-Santa Vittoria.

                                     

2. Storia

La tradizione attribuisce levangelizzazione di Aix e del suo territorio e la fondazione della diocesi a san Massimino, discepolo di Gesù, che dalla Palestina raggiunse la Provenza e con Maria Maddalena diffuse per primo la buona novella ad Aix. Suo successore sarebbe stato san Sidonio, identificato dalla tradizione con il cieco nato, guarito da Gesù secondo il racconto dellevangelista Giovanni 9.1-41.

Primo vescovo storicamente documentato è Lazzaro, vissuto agli inizi del V secolo, le cui vicende si intrecciano con quelle dellimperatore romano e usurpatore Costantino III, a cui il vescovo diede il suo appoggio; alla morte di questi nel 411, Lazzaro fu costretto a dare le dimissioni. A partire dalla prima metà dellVIII secolo il territorio di Aix è devastato dai Saraceni, e la loro presenza in Provenza fino al X secolo renderà difficile la vita cristiana; in questo periodo la serie episcopale di Aix è molto discontinua.

Nel V secolo fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana, ma lautorità del metropolita di Aix, sempre offuscata da quella primaziale di Arles, è riconosciuta definitivamente solo da papa Adriano I nel 774 e dal concilio di Francoforte del 794. La provincia ecclesiastica corrispondeva allantica Gallia Narbonense II, ad oriente del Rodano, e comprendeva le diocesi di Apt, Riez, Fréjus, Gap, Sisteron e Antibes. Nel XII secolo Antibes divenne suffraganea dellarcidiocesi di Embrun. Il resto della provincia ecclesiastica rimase invariato fino alla rivoluzione francese.

NellXI secolo fu iniziata la costruzione della cattedrale durante lepiscopato di Rostan di Fos; la parte più antica del battistero risale invece al V-VI secolo.

A partire dal XII secolo gli arcivescovi di Aix si liberano definitivamente dalla soggezione alla Chiesa di Arles. Il vescovo Pierre III ricevette il pallio nel 1102 e nel 1112 riunì per la prima volta un concilio provinciale dove vennero riuniti tutti i vescovi suffraganei.

Nel 1409 fu eretta luniversità di Aix con una bolla del papa pisano Alessandro V. Listituzione, che comprendeva le facoltà di teologia, di giurisprudenza e di medicina, fu confermata da Luigi II di Provenza nel 1413 e di nuovo dai re francesi nel corso del XVII secolo.

Durante la riforma protestante, larcivescovo Jean de Saint-Chamond si lasciò attrarre dalla nuova confessione religiosa e fu scomunicato dal papa; il 25 dicembre del 1566 annunciò pubblicamente dal pulpito della cattedrale le sue dimissioni; in seguito si sposò e fu messo a capo di un reggimento ugonotto. La città e larcidiocesi rimasero tuttavia fedeli al cattolicesimo, per liniziativa soprattutto dellarcivescovo Gilbert Génébrard.

Si deve a Girolamo Grimaldi-Cavalleroni listituzione del seminario nel XVII secolo, dopo che precedenti tentativi erano falliti.

Prima della rivoluzione francese, larcidiocesi comprendeva 84 parrocchie, suddivise in 8 decanati: Aix, Brignoles, Trets, Rians, Lambesc, Pertuis, Cadenet e Reillanne.

In seguito al concordato, con la bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801 incorporò i territori dellarcidiocesi di Arles e delle diocesi di Fréjus, Grasse, Marsiglia, Riez in parte, Tolone e Vence che furono soppresse. La nuova provincia ecclesiastica comprendeva le diocesi di Avignone, Digne, Nizza e Ajaccio.

Il 10 luglio 1817 larcidiocesi di Arles fu ristabilita, ma il 6 ottobre 1822 fu confermata definitivamente la sua soppressione e lincorporazione nellarcidiocesi di Aix. Lo stesso 6 ottobre furono ristabilite le diocesi di Marsiglia e di Fréjus, con territorio ricavato da quello di Aix. Da allora larcivescovo di Aix può fregiarsi anche del titolo di vescovo di Arles. Dopo i cambiamenti del 1801 e del 1822, la nuova provincia ecclesiastica comprendeva le diocesi di Fréjus, Digne, Gap, Marsiglia e Ajaccio; Nizza fu aggiunta nel 1860, mentre Marsiglia divenne arcidiocesi nel 1948. Dal 1838 al 1866 anche la diocesi di Algeri fece parte della provincia ecclesiastica di Aix.

L8 dicembre 2002, con la riorganizzazione delle circoscrizioni diocesane francesi, Aix ha perso il rango di sede metropolitana, pur mantenendo il titolo arcivescovile, ed è entrata a far parte della provincia ecclesiastica di Marsiglia.

Larcidiocesi di Aix, nel corso della sua lunga storia, ha dato alla Chiesa undici cardinali presi tra i suoi arcivescovi ed altri sette presi tra i canonici del capitolo della cattedrale.

                                     

3. Cronotassi dei vescovi

  • Rostan di Noves † 14 agosto 1283 - 30 gennaio 1311 deceduto
  • Odolrico † prima del 928 - dopo dicembre 947
  • San Menelfalo † fine V secolo
  • Pierre des Prés † 11 settembre 1318 - 20 dicembre 1320 nominato cardinale presbitero di Santa Pudenziana
  • Bermond Cornut † prima di dicembre 1212 - 7 aprile 1223 deceduto
  • Vicedomino Vicedomini † 22 luglio 1257 - 3 giugno 1273 nominato cardinale vescovo di Palestrina
  • Pierre III † prima del 28 marzo 1102 - dopo il 1112
  • Bertrand di Roquevaire † prima di luglio 1178 - dopo maggio 1179
  • Benedetto † menzionato nell828
  • Hugues di Montlaur † 1165 - dopo il 1174
  • Rostan di Fos † 1056 o 1057 - 1082 dimesso
  • Massimo † prima del 524 - dopo il 541
  • Thomas de Puppio † 22 dicembre 1396 - 10 febbraio 1420 deceduto
  • Philippe † aprile 1251 - 10 febbraio 1257 deceduto
  • Rotberto I † prima dell878 - dopo l879
  • Giraud di Pousillac † 4 dicembre 1368 - 23 maggio 1379 deceduto
  • Amalric II † menzionato a marzo 1032
  • Silvestro † prima del 966 circa - dopo il 979
  • Lazzaro † circa 408 - circa 411 dimesso
  • Pierre II Gaufridi † prima del 27 maggio 1082 - 1101 deceduto
  • Raimond Audibert † 1223 - 7 marzo 1251 dimesso
  • Arnaud Bernard du Pouget † 14 agosto 1348 - 16 giugno 1361 nominato patriarca di Alessandria
  • Henri † prima di aprile 1180 - circa 1886 deceduto
  • Fouques † prima di marzo 1118 - 1131 o 1132 deceduto
  • Pienzio † prima del 581 - dopo il 585
  • Avolo † prima del 549 - dopo il 554
  • Israele † menzionato a ottobre 949
  • Robert di Mauvoisin † 6 agosto 1313 - 1318 dimesso
  • Pierre I † 1032 - dopo il 1048
  • Anonimo † menzionato nel 794
  • Guillaume Fillastre † 13 novembre 1420 - 1421 dimesso amministratore apostolico
  • Protasio † prima del 596 - dopo il 636?
  • San Basilio † prima del 475 - dopo il 494
  • Guillaume de Mandagout † 26 maggio 1311 - 24 dicembre 1312 nominato cardinale vescovo di Palestrina
  • Francone † allepoca del re Sigeberto I
  • Matfrido † menzionato nell886 o 887
  • Amalric I † prima del 991 - dopo il 1012 circa
  • Jean dAgout † 1º giugno 1379 - 22 settembre 1394 deceduto
  • Jean Peissoni † 2 agosto 1361 - 10 ottobre 1368 deceduto
  • Grimier Vicedominus † 13 gennaio 1274 - 30 novembre 1282 deceduto
  • Armand di Narcès † 19 luglio 1329 - 21 luglio 1348 deceduto
  • San Massimino †
  • Triferio? † prima del 396 - dopo il 401
  • Gui di Fos † agosto 1186 - 12 marzo 1212 deceduto
  • Pons II di Châteaurenard † prima del 1053 - dopo gennaio 1056
  • Onorato? † menzionato nell867
  • Pons di Châteaurenard † menzionato nel 1019
  • Jacques di Concos, O.P. † 9 luglio 1322 - 1º maggio 1329 deceduto
  • Pierre IV † prima del 1162 - 1165 deceduto
  • Pierre Auriol, O.F.M. † 27 febbraio 1321 - 10 gennaio 1322 deceduto
  • San Sidonio †
  • Pons di Lubières † 15 maggio 1132 - dopo il 1157
  • Ingilramno † menzionato nel 1014
  • Philippe Herbert † 27 febbraio 1484 - 14 ottobre 1499 deceduto
  • Robert Damiani, O.F.M. † 23 ottobre 1447 - 1460 dimesso
  • André dEspinay † ottobre 1499 - 13 maggio 1500 dimesso amministratore apostolico
  • Robert Roger † 10 luglio 1443 - 1447 deceduto
  • Avignone Nicolai, O.P. † 3 luglio 1422 - 15 giugno 1443 deceduto
  • Olivier de Pennart, O.C.S.A. † 8 agosto 1460 - 28 gennaio 1484 deceduto
  • Alessandro Canigiani † 28 marzo 1576 - 21 marzo o 31 maggio 1591 deceduto
  • Gui Hurault de LHôpital † 8 settembre 1624 succeduto - 3 dicembre 1625 deceduto
  • Charles Le Goux de la Berchère 13 novembre 1685 - 31 gennaio 1687 nominato arcivescovo di Albi arcivescovo eletto
  • Gilbert Génébrard, O.S.B. † 10 maggio 1591 - 16 febbraio o 14 marzo 1597 deceduto
  • Pierre Filhol † 9 marzo 1506 - 22 gennaio 1541 deceduto
  • Antoine Filhol † 22 gennaio 1541 succeduto - 2 dicembre 1550 deceduto
  • Lorenzo Strozzi † 6 febbraio 1568 - 14 dicembre 1571 deceduto
  • Girolamo Grimaldi-Cavalleroni † 30 agosto 1655 - 4 novembre 1685 deceduto
  • Giuliano de Medici † 29 maggio 1572 o 1574 - 1575 dimesso
  • Michele Mazzarino, O.P. † 10 luglio 1645 - 31 agosto 1648 deceduto
  • Alphonse-Louis du Plessis de Richelieu, O.Cart. † 27 aprile 1626 - 27 novembre 1628 nominato arcivescovo di Lione
  • Jean de Saint-Chamond † 19 gennaio 1551 - 11 dicembre 1566 deposto
  • Sede vacante 1685-1693
  • Paul Hurault de LHôpital † 10 marzo 1599 - 8 settembre 1624 deceduto
  • François di Brillac † 22 dicembre 1504 - 17 gennaio 1506 deceduto
  • Christophe di Brillac † 13 maggio 1500 - 22 settembre 1503 o 19 gennaio 1504 nominato arcivescovo titolare di Traianopoli di Rodope
  • Louis de Bretel † 6 ottobre 1631 - 27 marzo 1644 deceduto
  • Charles-Gaspard-Guillaume de Vintimille du Luc † 14 maggio 1708 - 17 agosto 1729 nominato arcivescovo di Parigi
  • Jean-de-Dieu-Raymond de Boisgelin de Cucè † 17 giugno 1771 - prima del 7 novembre 1801 dimesso
  • Sede vacante 1810-1817
  • Jérôme-Marie Champion de Cicé † 10 aprile 1802 - 22 agosto 1810 deceduto
  • Daniel de Cosnac † 9 novembre 1693 - 20 gennaio 1708 deceduto
  • Jean-Baptiste de Brancas † 17 agosto 1729 - 30 agosto 1770 deceduto
  • Jacques Raillon † 24 febbraio 1832 - 13 febbraio 1835 deceduto
  • Louis-Marie Billé † 5 maggio 1995 - 10 luglio 1998 nominato arcivescovo di Lione
  • Claude Feidt 17 giugno 1999 - 29 marzo 2010 dimesso
  • Bernard Louis Auguste Paul Panafieu † 30 novembre 1978 - 24 agosto 1994 nominato arcivescovo coadiutore di Marsiglia
  • Maurice-Louis-Marie Rivière † 9 luglio 1920 - 28 settembre 1930 deceduto
  • Charles-Marie-Joseph-Henri de Provenchères † 3 novembre 1945 - 30 novembre 1978 ritirato
  • François Xavier Gouthe-Soulard † 10 giugno 1886 - 9 settembre 1900 deceduto
  • Georges-Claude-Louis-Pie Chalandon † 19 marzo 1857 - 28 febbraio 1873 deceduto
  • François-Joseph-Edwin Bonnefoy † 18 aprile 1901 - 20 aprile 1920 deceduto
  • Florent-Michel-Marie-Joseph du Bois de la Villerabel † 11 maggio 1940 - 13 dicembre 1944 dimesso
  • Charles-Alexandre de Richery † 27 luglio 1829 - 15 novembre 1830 deceduto
  • Pierre-Marie-Joseph Darcimoles † 12 aprile 1847 - 11 gennaio 1857 deceduto
  • Emmanuel Coste † 28 luglio 1931 - 18 gennaio 1934 deceduto
  • Christophe Dufour, succeduto il 29 marzo 2010
  • Pierre-Ferdinand de Bausset-Roquefort † 1º ottobre 1817 - 29 gennaio 1829 deceduto
  • Clément-Emile Roques † 24 dicembre 1934 - 11 maggio 1940 nominato arcivescovo di Rennes
  • Théodore-Augustin Forcade, M.E.P. † 25 luglio 1873 - 12 settembre 1885 deceduto
  • Joseph Bernet † 1º febbraio 1836 - 5 luglio 1846 deceduto