Топ-100
Indietro

ⓘ Teru bōzu. Il teru bōzu o teru bōzu è una bambola tradizionale del folklore giapponese. È fatta di carta o stoffa di colore bianco ed è tradizionalmente diffusa ..




Teru bōzu
                                     

ⓘ Teru bōzu

Il teru bōzu o teru bōzu è una bambola tradizionale del folklore giapponese.

È fatta di carta o stoffa di colore bianco ed è tradizionalmente diffusa in ambiente rurale, dove veniva appesa dai contadini fuori dalla finestra. La bambola fungeva da amuleto per allontanare la pioggia e richiamare il bel tempo. La parola giapponese Teru è un verbo che significa risplendere e bōzu è il monaco buddista

Il Teru bōzu è protagonista di una famosa Warabe uta, un tipo di filastrocca infantile giapponese, che recita:

Traduzione del testo seguente e della sua traslitterazione:

Attualmente luso della bambola è diffuso tra i bambini giapponesi che la utilizzano per allontanare la pioggia, spesso prima di un picnic scolastico.

                                     

1. Significato dellamuleto e costruzione

Luso del Teru bōzu deriverebbe dalla sua capacità di impaurire Amefushi, lo spirito della pioggia. Amefushi è considerato nemico dei bambini perché impedisce di andare a giocare allaperto.

Amefushi in realtà non è cattivo; ha solo bisogno di sentirsi accettato dagli altri bambini con i quali vorrebbe giocare, ma visto che porta la pioggia viene sempre allontanato. Per tale motivo, si vendica facendo dispetti a chi lo ha cacciato.

Il Teru bōzu viene costruito ricoprendo un oggetto sferico che costituirà la testa con della stoffa o della carta bianca, che viene fissata con un nodo fatto sotto la testa. Di seguito, si disegnano occhi, naso e bocca. Va posizionato fuori la finestra, appeso allombrello o in altre maniere. Il Teru bōzu spaventerà a morte lAmefushi e il sole tornerà a splendere.

                                     

2. Nella cultura di massa

Allo Zecchino dOro 1976 fu presentata una canzone dal titolo Teru Terubozu il cui testo riprendeva il Warabe uta di Kjoson Asahara che infatti veniva citato come autore.