Топ-100
Indietro

ⓘ Costantino II è stato un imperatore romano della dinastia costantiniana, dal maggio 337 alla sua morte. ..




Costantino II
                                     

ⓘ Costantino II

Costantino II è stato un imperatore romano della dinastia costantiniana, dal maggio 337 alla sua morte.

                                     

1.1. Biografia Origini

Flavio Claudio Costantino, secondo figlio maschio di Costantino I, nacque ad Arelate, città che Costantino I rinominò in onore del figlio nel 328. Secondo la maggior parte delle fonti, la nascita avvenne nel febbraio 317, secondo altre nellestate 316; la prima data lo farebbe figlio illegittimo, in quanto suo fratello Costanzo II nacque allimperatrice Fausta il 7 agosto dello stesso anno, e nessuna fonte dà Costantino II discendente di Massimiano, padre di Fausta, ma vi sono alcuni studiosi che si oppongono a questa ipotesi, e lo considerano figlio di Fausta.

                                     

1.2. Biografia Giovinezza: da Cesare ad Augusto 317-337

Quel che è certo è che il 1º marzo del 317, dunque a meno di un anno di età, Costantino fu proclamato cesare assieme al fratellastro Crispo e a Valerio Liciniano Licinio, figlio del collega di Costantino I.

Costantino fu cresciuto come un cristiano e sin dalla giovanissima età fu educato per assumere il potere. La sua educazione fu affidata a Lattanzio e consistette nello studio della letteratura latina, della scienza politica e in pratica di governo; già a cinque anni Costantino sapeva apporre la propria firma ai documenti. Nel 320 assunse il consolato per la prima volta, assieme al padre; lanno successivo, caratterizzato da un raffreddarsi dei rapporti tra Costantino I, signore della parte occidentale dellimpero, e Licinio, che governava su quella orientale, Costantino II e Crispo furono nominati consoli dalla corte occidentale, mentre in oriente furono riconosciuti consoli Licinio e suo figlio Liciniano. Tra i suoi futuri compiti come imperatore cera quello di comandante militare; nel 323 Costantino II partecipò assieme al padre alla campagna militare contro i Sarmati. Nel 324 assunse il suo terzo consolato, assieme a Crispo.

Nel 326 Crispo fu messo a morte per volere del padre, per motivi oscuri che probabilmente toccarono anche la morte di Fausta, quello stesso anno. Con la morte del fratellastro, Costantino II divenne il figlio maggiore di Costantino I e, alletà di dieci anni, fu messo al comando, nominale, della Gallia; seguì il padre in una campagna in Gallia e fu installato a Treviri, già capitale di Crispo, nel 327/328. I suoi generali vinsero contro gli Alamanni nel 328 e Costantino si fregiò del titolo di Alamannicus maximus. Nel 329 assunse il suo quarto ed ultimo consolato, assieme al padre. Nel 332 i Goti attaccarono i Sarmati, che chiesero aiuto ai Romani e, al comando di Costantino II, lesercito romano sconfisse i nemici, che furono costretti ad accettare un trattato;

Prima del 335 contrasse nozze; nulla è noto sullidentità o il destino della moglie.

                                     

1.3. Biografia Regno 337-340

Costantino I aveva conferito molti onori ai propri figli e parenti tanto che alla sua morte, avvenuta nel maggio 337, il potere era diviso tra quattro persone, i quattro cesari da lui nominati: Costantino II, che regnava sulla parte occidentale dellimpero, meno Italia e Africa che erano sotto il controllo di Costante I, Flavio Dalmazio, che, in qualità di nipote di Costantino, aveva ricevuto la Grecia, e Costanzo II. Tra il maggio e il settembre del 337 non vi fu un imperatore, ma lamministrazione imperiale fu portata avanti a nome del defunto Costantino; in questo periodo Costantino II ricevette la supplica di Paolo, vescovo di Costantinopoli, e Atanasio, vescovo di Alessandria, entrambi trinitari, e a loro nome scrisse al fratello Costanzo II, affermando che la re-installazione sul trono vescovile di Alessandria di Atanasio era stato un desiderio di Costantino I che la morte gli aveva impedito di soddisfare: il gesto di Costantino può essere compreso considerando il trinitarianesimo era molto diffuso nel suo regno, e comunque Anastasio avrebbe recato problemi al fratello Costanzo II, che invece era sostenitore dellarianesimo. Lo scopo di Costantino era quello di far valere il ruolo di fratello più anziano, augusto senior, e di mettere uomini a lui leali in posti importanti dei dominii dei fratelli; per questo motivo furono richiamati dallesilio anche Marcello di Ancira, Asclepa di Gaza, Lucio di Adrianopoli e, appunto, Paolo di Costantinopoli.

Nel frattempo lesercito, col beneplacito dei figli di Costantino, mise in atto una purga che eliminò tutti i membri maschi della dinastia, compreso Dalmazio, che potevano insidiare il potere di Costantino, Costanzo e Costante. I tre divennero imperatori il 9 settembre 337; lelezione ad augusti avvenne in Pannonia, in un incontro in cui i tre fratelli si spartirono leredità del padre: Costantino II mantenne il territorio che aveva governato in qualità di cesare da Treviri, mentre Costante e Costanzo si spartirono il territorio di Dalmazio. Oltre alla Gallia, alla Britannia, alla Spagna e a parte dellAfrica, Costantino ricevette anche la tutela sul giovanissimo fratello Costante. Nel 338 incontrò i fratelli a Viminacium e quello stesso anno affrontò con successo gli Alamanni: da tale successo, probabilmente, si attribuì il titolo di Germanicus maximus.

Le fonti tarde raccontano che Costantino fosse geloso dei fratelli, specie per non aver ottenuto la sua parte dalla spartizione del territorio di Dalmazio. Altre fonti raccontano di come il testamento di Costantino, che limperatore morente aveva ordinato di consegnare al suo figlio omonimo, era stato preso dal praepositus sacri cubiculi Eusebio, che laveva dato a Costanzo in cambio della sua conversione allarianesimo queste fonti sono nicene. I rapporti tra Costantino e Costante deteriorarono rapidamente tanto che Costantino tentò di farsi dare da Costante del territorio, probabilmente in Africa settentrionale come compensazione del territorio di Dalmazio.

Costantino attese che Costante si recasse in una provincia che fosse fedele a Costantino stesso e scese in Italia con un esercito, col pretesto di dirigersi sul fronte orientale gennaio-febbraio 340; Costante, che si trovava allepoca in Dacia, venne a sapere delle intenzioni del fratello e gli inviò contro una forza in grado di rallentarlo prima dellarrivo del giovane augusto col resto dellesercito. I generali di Costante finsero un attacco su Aquileia per poi ritirarsi e tendere una serie di imboscate a Costantino che li inseguiva; in occasione di una di queste, nei pressi di Cervenianum allinizio del mese di aprile, circondarono gli uomini di Costantino uccidendone molti, tra cui Costantino stesso, il cui corpo fu gettato nel fiume Alsa.

Costantino morì alletà di 23 anni, dopo aver regnato per tre anni; fu dichiarato nemico pubblico colpito da damnatio memoriae.