Топ-100
Indietro

ⓘ Lorenzo Litta. Papa Pio VII decise di creare il Litta quale cardinale in pectore nel concistoro del 23 febbraio 1801, pubblicandolo definitivamente nel concisto ..




Lorenzo Litta
                                     

ⓘ Lorenzo Litta

Papa Pio VII decise di creare il Litta quale cardinale in pectore nel concistoro del 23 febbraio 1801, pubblicandolo definitivamente nel concistoro del 28 settembre successivo. Il 1º ottobre 1801 ricevette la berretta cardinalizia ed il 23 dicembre il titolo cardinalizio di Santa Pudenziana.

Prefetto della Sacra Congregazione dellIndice dal 27 agosto 1811, occupò tale incarico sino al giugno del 1814, divenendo in contemporanea anche prefetto degli studi del Collegio e del Seminario Romano dal 1805 al 1814. Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali dal 1806 al 1807, in questultimo anno iniziò a divenire particolarmente noto per i suoi sentimenti anti-francesi al punto che limperatore Napoleone Bonaparte si rifiutò di accettarlo quale plenipotenziario per esaminare i contrasti tra Santa Sede e Francia. Esiliato a Milano nel marzo del 1808, venne quindi deportato in Francia come la maggior parte degli altri cardinali nel 1809, rifiutandosi per giunta di partecipare al matrimonio civile e religioso dellimperatore francese con larciduchessa Maria Luisa dAustria nellaprile del 1810; così facendo il Litta divenne uno dei "cardinali neri" ai quali non venne permesso di indossare i paramenti rossi propri del rango cardinalizio. Relegato a Saint-Quentin e poi a Fontainebleau dal febbraio del 1813, nel gennaio del 1814 venne trasferito a Nîmes, facendo ritorno a Roma dopo la caduta di Napoleone nellaprile successivo.

Nominato prefetto della Sacra Congregazione per la Correzione dei Libri della Chiesa Orientale, divenne prefetto della stampa per la Sacra Congregazione della Propaganda Fide il 28 maggio 1814, rimanendo a tale incarico sino al 24 settembre 1818. Optò quindi per lordine dei cardinali-vescovi scegliendo la sede suburbicaria di Sabina dal 26 settembre 1814. Trovò quindi rifugio a Genova dove papa Pio VII si era recato allepoca dellinvasione operata da Gioacchino Murat, re di Napoli, nel 1815. Egli fu inoltre protettore dellAccademia dei Nobili Ecclesiastici dal 1817 al 1819 e Vicario Generale di Sua Santità per la città di Roma dal 28 settembre 1818. Dal 1818 sino al 1820 fu anche Prefetto della Sacra Congregazione per la residenza dei vescovi.

Morì il 1º maggio 1820 alletà di 64 anni a causa di problemi gastrici, presso la città di Monteflavio, nella diocesi di Sabina. La sua salma venne esposta alla pubblica venerazione nella basilica romana dei Santi XII Apostoli ove ebbero luogo anche i funerali; venne sepolto nella chiesa dei Santi Giovanni e Paolo a Roma, secondo la sua volontà.

                                     

1. Genealogia episcopale

  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
  • Papa Clemente XIII
  • Cardinale Lorenzo Litta
  • Cardinale Girolamo Bernerio, O.P.
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Papa Benedetto XIII
  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Giulio Antonio Santori
  • Cardinale Ludovico Ludovisi
  • Cardinale Luigi Caetani
  • Papa Benedetto XIV
  • Cardinale Ulderico Carpegna
  • Cardinale Luigi Valenti Gonzaga
                                     

1.1. Genealogia episcopale Successione apostolica

  • Arcivescovo Antonio Baldini 1820
  • Vescovo Giulio Mami 1818
  • Arcivescovo Michele Belli 1814
  • Vescovo Jan Chrzciciel Albertrandi 1796
  • Arcivescovo Candido Maria Frattini 1814
  • Vescovo Ignazio Palmidessa, O.P. 1816
  • Vescovo Giuseppe Maria Pellicano 1818
  • Vescovo Giovanni Philip Paroni, O.F.M.Conv. 1818
  • Cardinale Vincenzo Macchi 1818
  • Vescovo Francesco Maria Cipriani, O.S.B. 1814
  • Vescovo Emmanuele Lodi, O.P. 1819
  • Vescovo Giuseppe-Maria Lais 1818
  • Vescovo Vincenzo Maria Manieri, O.F.M.Conv. 1819
  • Vescovo Francesco Saverio Triggiani, O.F.M.Conv. 1818
  • Vescovo Anselmo Basilici 1814
  • Cardinale Filippo Giudice Caracciolo, C.O. 1820
  • Arcivescovo Giovanni Marchetti 1814
  • Vescovo Rodolfo Brignole Sale 1818
  • Vescovo Pietro Paolo Mazzichi 1817
  • Vescovo Giovanni Battista Bolognese 1819
  • Vescovo Edward Bede Slater, O.S.B. 1818
  • Vescovo Guilelmus Zerbi 1818
  • Vescovo Michelangelo Calmet 1816
  • Arcivescovo Luigi Ugolini 1819
  • Arcivescovo Luidj Škakoc, O.F.M. 1815