Топ-100
Indietro

ⓘ Football Club Internazionale Milano 2005-2006. A seguito dellaffermazione in Coppa Italia, Roberto Mancini fu confermato in panchina con lobiettivo di raggiunge ..




Football Club Internazionale Milano 2005-2006
                                     

ⓘ Football Club Internazionale Milano 2005-2006

A seguito dellaffermazione in Coppa Italia, Roberto Mancini fu confermato in panchina con lobiettivo di raggiungere altri traguardi importanti. La campagna-acquisti segnò lingaggio di vari volti nuovi: i portieri Júlio César - inizialmente considerato una riserva ma ben presto capace di soppiantare Toldo nelle gerarchie - e Orlandoni, il laterale difensivo Wome, lo stopper Samuel, il regista Pizarro, il centrocampista Solari e il trequartista Luís Figo. Le uscite riguardarono elementi avulsi dai piani tattici della rosa: Fontana, Carini, Gamarra, Pasquale, Emre, Davids, Van der Meyde. Christian Vieri fu inoltre ceduto al Milan, dopo sei anni trascorsi in nerazzurro. Anche in questa stagione Mancini permise a vari giovani di debuttare: Maa Boumsong, Aloe, Slavkovski, Germinale, Bonucci, Momentè.

LInter cominciò la stagione dai turni preliminari di Champions League, in cui sconfisse gli ucraini dello Shakhtar Donetsk. In agosto i nerazzurri si aggiudicarono peraltro la Supercoppa italiana, vincendo di misura nei tempi supplementari in casa della Juventus: autore della rete decisiva fu Verón, a segno su azione di contropiede. In campionato la Beneamata fu ritenuta lavversaria principale dei bianconeri, sebbene la sconfitta nel derby dItalia obbligò gli uomini di Mancini allinseguimento. La formazione non incontrò invece difficoltà nel percorso europeo, pur trovandosi in un girone con Rangers e Porto: dopo aver battuto lArtmedia Bratislava in trasferta e gli scozzesi in casa, i nerazzurri persero 2-0 sul terreno dei lusitani. Nella gara di ritorno fu invece una doppietta di Cruz a comportare la vittoria; sconfiggendo poi gli slovacchi a San Siro, venne conquistata la qualificazione in anticipo. Nelloccasione Mancini schierò un undici titolare composto da soli stranieri, nessuno dei quali europeo, stabilendo un primato nella storia delle manifestazioni continentali. Lultimo incontro del girone riservò un pari sul campo dei Rangers, coi meneghini che terminarono il raggruppamento al primo posto; la domenica seguente una vittoria nel derby colta durante i minuti di recupero permise di agganciare la Fiorentina in seconda posizione, sorpassando gli stessi concittadini. Il girone di andata fu concluso alle spalle della Juventus, con il considerevole ritardo di dieci punti.

Allinizio della fase di ritorno la squadra compì passi falsi, cadendo dapprima a Firenze e successivamente nello scontro diretto con i bianconeri: la disfatta con i torinesi significò la fine delle speranze di rimonta, complice il notevole distacco accumulato e la ripresa del Milan. In Europa la formazione raggiunse nuovamente i quarti di finale, sconfiggendo gli olandesi dellAjax con un pari esterno colto in rimonta e una vittoria di misura tra le mura amiche; ad interrompere il cammino furono gli spagnoli del Villarreal, battuti per 2-1 a San Siro ma impostisi in casa e qualificati per la rete segnata sul campo dei lombardi. In primavera Massimo Moratti, contrariato dai risultati, fece trasparire le notizie di una possibile cessione del club ad una merchant-bank di carattere internazionale; nel frattempo, dopo aver terminato il campionato in terza posizione a quindici lunghezze di ritardo dalla Juventus e tredici dal Milan, la squadra colse un nuovo successo in Coppa Italia. LInter eliminò nellordine Parma, Lazio e Udinese prima di ritrovare in finale la Roma per il secondo anno consecutivo: dopo un pari nella capitale, il 3-1 a San Siro consegnò ai nerazzurri il trofeo.

Nel mese di luglio, le sentenze relative al caso di Calciopoli - scoppiato durante le settimane precedenti - riscrissero la classifica: la Corte di Giustizia Federale inflisse una condanna alla Juventus, con laccusa di illecito associativo che comportò il declassamento dei torinesi in Serie B. Lulteriore penalizzazione comminata al Milan, a sua volta interessato dallo scandalo, causò la promozione dei nerazzurri al primo posto con conseguente vittoria sub iudice dello Scudetto. La retrocessione della Juventus rese inoltre la Beneamata lunica società ad aver disputato ogni campionato di Serie A sin dallintroduzione del girone unico, primato non eguagliabile.

                                     

1. Maglie e sponsor

Lo sponsor tecnico per la stagione 2005-2006 fu la Nike, mentre lo sponsor ufficiale fu la Pirelli.

Per la gara con il Livorno del 16 ottobre 2005 lInter indossò uninedita maglia con caratteri in lingua cinese, posizionati in luogo dello sponsor.

                                     

2. Statistiche

Statistiche aggiornate al 14 maggio 2006.

Andamento in campionato

Legenda: Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.