Топ-100
Indietro

ⓘ Il fornaretto di Venezia, leggenda veneziana. Il fornaretto di Venezia anche noto come La leggenda del povero fornaretto è un racconto popolare veneziano ambien ..




Il fornaretto di Venezia (leggenda veneziana)
                                     

ⓘ Il fornaretto di Venezia (leggenda veneziana)

Il fornaretto di Venezia anche noto come La leggenda del povero fornaretto è un racconto popolare veneziano ambientato nel 1507, sotto il dominio del doge Leonardo Loredan.

                                     

1. Trama

Il racconto è ambientato nella Venezia rinascimentale del 1507, nellangolo tra calle della Mandola e il Ponte degli Assassini. Allalba, il giovane panettiere Piero Fasiol si sta recando alla sua bottega, o, secondo altre versioni del racconto, dalla sua amata Annetta per chiederle di sposarlo, quando trova una guaina dargento e decide di farne dono ad Annetta, che però non lo accetta e gli chiede di tornare indietro a vedere se qualcuno la sta cercando. Tornato indietro, Piero trova steso a terra il cadavere del conte Alvise Guoro secondo altre versioni fu quando trovò il cadavere che prese con sè la guaina del pugnale colpito dalla finezza della fattura.

Il ragazzo torna da Annetta e dalla sua padrona, la signora Barbo, le racconta ciò che è accaduto. In quel momento, bussano alle porte due guardie, che chiedono a Piero di seguirle a Palazzo di sua spontanea volontà. Il ragazzo fa come gli è stato chiesto, sicuro della sua innocenza. Arrivato a Palazzo Ducale, il giovane Piero viene rinchiuso nei pozzi, dove urla di essere innocente. Nel buio, il ragazzo perde la cognizione del tempo, riuscendo a udire solo vagamente i rintocchi delle campane di San Marco che tengono le ore. Ad un certo punto, gli fanno visita Annetta e il suo padrone Messer Barbo, che inizia a tempestarlo di domande a cui Piero non sa dare una risposta. Il Barbo allora gli offre due azioni: confessare oppure evadere con lui quella notte stessa. Il ragazzo sceglie di scappare e Barbo lo nasconde sotto il suo ampio mantello e lo conduce fino alla Porta della Carta; qui, luomo gli ordina di raggiungere il Fondaco dei Tedeschi, dove troverà protezione, prima della mezzanotte. Il viaggio si rivela accidentato, al buio, rischiando più volte di farsi catturare dalle guardie. Una volta giunto al Fontego, però, Piero viene riconosciuto e dichiarato una spia e consegnato alle guardie, che lo rinchiudono di nuovo nei pozzi. Il Consiglio dei Dieci, nel frattempo, si riunisce per decidere la sorte di Piero, che ora ha multiple accuse. Il giudizio è preso per votazione: Piero viene riconosciuto colpevole e condannato a morte.

Il giovane è quindi portato in Piazza San Marco, dove una grande folla assiste allesecuzione. Il Doge Loredan in persona dà lordine al boia, che decapita Piero Fasiol, fornaretto di San Paternian.

Non passano però molti giorni, che, per un caso fortuito, viene individuato il vero assassino. In seguito ai rimorsi per aver condannato il povero fornaretto, le magistrature veneziane divennero molto più prudenti nel decidere sulla vita di una persona.

Secondo alcune varianti della leggenda, inoltre, tutti i conoscenti di Piero o chi lo giudicò colpevole, fecero una brutta fine: Annetta morirà povera; il conte Barbo, riconosciuto colpevole, morirà soffocato durante una cena; il Doge Loredan morirà di malattia a 86 anni; la signora Barbo morirà nel 1507 per una tubercolosi. Tutte queste morti costituiscono la maledizione del Fornaretto.

                                     

2. Vicende storiche

La storia è stata più volte analizzata per capire se si tratti di leggenda o di realtà. Di vicende simili non si trova alcuna traccia nei registri della Quarantia Criminal, né in alcuna altra parte se non in una ipotetica lista dei giustiziati con protagonista un certo Piero Tasca, per un fatto analogo nei primi anni del 500, compilata però tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo. Tali vicende non sono state registrate nemmeno da Marin Sanudo, celebre cronista dellepoca in cui si svolsero i presunti fatti.

Il racconto popolare trovò ampia diffusione anche fuori Venezia dopo la pubblicazione nel 1846 del dramma storico in 5 atti di Francesco DallOngaro, che ne riprende le vicende.

                                     

3. Curiosità

Una tradizione popolare, registrata però solo dallXIX secolo, riporta che in seguito alla presunta morte di Piero, sorse lusanza, prima di emettere una condanna a morte, di ripetere la frase Ricordeve del poaro fornareto Ricordatevi del povero fornaretto.

In ricordo alla vicenda, fin dal 1507, sul lato sud della Basilica di San Marco ardevano due lumini rossi ora due lampadine da 40 watt. Qualcuno però crede che si riferiscano ad unaltra vicenda.

                                     
  • Il fornaretto di Venezia è un film del 1963, diretto dal regista Duccio Tessari, su ispirazione dall omonima leggenda veneziana Nella Venezia del 1500
  • Teatro Carignano di Torino nel 1855. La storia prende spunto da una leggenda veneziana relativa ad un fatto che sarebbe accaduto a Venezia nel 1507, quando
  • Il fornaretto di Venezia è un film del 1914 diretto da Luigi Maggi, su ispirazione dall omonima leggenda veneziana Primi anni del Cinquecento. A Venezia
  • Il fornaretto di Venezia è un film del 1923 diretto da Mario Almirante, su libera ispirazione dall omonima leggenda veneziana Anno Domini 1507, Venezia:
  • Rotunno - Il Gattopardo Giuseppe Rotunno - Ieri, oggi, domani Carlo Carlini - Il fornaretto di Venezia 1965 Bianco e nero: Tonino Delli Colli - Il Vangelo