Топ-100
Indietro

ⓘ Fonti e storiografia su Caligola. Per fonti e storiografia su Caligola si intendono le principali fonti contemporanee alla vita dellimperatore romano Caligola, ..




Fonti e storiografia su Caligola
                                     

ⓘ Fonti e storiografia su Caligola

Per fonti e storiografia su Caligola si intendono le principali fonti contemporanee alla vita dellimperatore romano Caligola, nonché la descrizione degli eventi di quel periodo e linterpretazione datane dagli storici, formulandone un chiaro resoconto, grazie anche allutilizzo di più discipline ausiliarie.

                                     

1. Storiografia antica

Il problema delle fonti, nel caso dellimperatore Caligola, è una questione complessa. Infatti solo due fonti contemporanee a lui ci sono pervenute: le opere di Filone di Alessandria e di Seneca. Filone, con il De Legatione ad Gaium ed il Flaccus, descrive i primi anni del regno di Caligola ma si concentrano principalmente sulla popolazione ebrea le sue vicissitudini in Giudea ed Egitto. Seneca invece ci dà per lo più aneddoti sparsi sulla vita di Gaio. Inoltre Seneca venne quasi messo a morte da Caligola nel 39 a causa dei suoi legami con dei cospiratori. Furono scritte molte altre storie contemporanee allImperatore ma ormai sono andate perse e comunque furono tutte molto di parte, sia a favore che contro Caligola. Tra gli autori di queste opere conosciamo Marco Cluvio Rufo e Fabio Rustico, questultimo caro amico di Seneca le cui opere furono piene di false dichiarazioni. Inoltre Cluvio Rufo era uno dei senatori coinvolti nellassassinio di Caligola. La sorella di Caligola, Agrippina minore, scrisse un sua autobiografia che sicuramente comprendeva una spiegazione dettagliata del regno di Caligola, ma anche questopera è andata persa. Anche il poeta Getulico scrisse dei versi molto lusinghieri su Caligola, andati persi anche loro.

Le Vite dei Cesari di Svetonio e la Storia romana di Cassio Dione rappresentano lo scritto principale da cui è possibile trarre informazioni sul suo regno. Svetonio scrisse lopera dopo 80 anni dalla morte di Caligola mentre Dione addirittura dopo 180 anni. Tuttavia, così come gli altri documenti a noi tramandati, gli scritti di Svetonio tendono a focalizzare lattenzione su aneddoti riguardanti la crudeltà e la supposta instabilità mentale di Caligola, tanto che alcuni storici moderni hanno espresso dubbi sullattendibilità di questi resoconti nella sua biografia Svetonio dedica quattordici capitoli a Caligola principe e trentanove a Caligola mostro.

Dione invece dà una cronologia del regno. Purtroppo non ci è giunta la parte sul regno di Caligola ma solo quella sulla sua infanzia degli Annales di Tacito, lo storico del periodo generalmente ritenuto più rigoroso. Altri riferimenti vengono da Flavio Giuseppe, che descrive dettagliatamente lassassinio dellImperatore, e da Plinio il Vecchio, che dà qualche riferimento alla storia di Caligola nella sua Naturalis historia. Aurelio Vittore ed Eutropio gli dedicano poche righe rispettivamente nelle opere De Caesaribus e Breviarium ab Urbe condita.

Nessuna delle fonti a noi arrivate mette in buona luce Caligola e la loro scarsità fa sì che nella storiografia moderna ci siano grandi lacune su questo periodo. Si trattò certamente di un personaggio discusso, molto popolare fra la gente ma politicamente avverso alla classe sociale e al ceto dal quale provenivano gli storiografi.

Una dettagliata descrizione fisica e psicologica del personaggio ci è data da Svetonio:

Sempre Svetonio tramanda di Caligola unimmagine di despota, sottolineandone stravaganze, eccentricità e depravazione.