Топ-100
Indietro

ⓘ Johann Nepomuk Hummel, o Jan Nepomuk Hummel, è stato un compositore, direttore dorchestra e pianista austriaco. ..




Johann Nepomuk Hummel
                                     

ⓘ Johann Nepomuk Hummel

Johann Nepomuk Hummel, o Jan Nepomuk Hummel, è stato un compositore, direttore dorchestra e pianista austriaco.

                                     

1. Biografia

Hummel nacque a Presburgo, Slovacchia oggi Bratislava, allepoca soggetta alla Monarchia asburgica austriaca. Suo padre, Josef Hummel, era direttore della Scuola Imperiale di Musica Militare a Vienna, dove dirigeva lorchestra del Teatro Schikaneder; sua madre era slovacca. Il suo nome deriva da San Giovanni Nepomuceno. A 8 anni ricevette lezioni di musica da Wolfgang Amadeus Mozart, che era rimasto impressionato dalla sua abilità. Hummel studiò pianoforte e venne ospitato gratuitamente dai Mozart; si esibì per la prima volta in pubblico alletà di 9 anni, in occasione di uno dei concerti di Wolfgang.

Successivamente suo padre intraprese con lui una tournée europea. Giunto a Londra, Johann Nepomuk ricevette lezioni da Muzio Clementi e rimase per 4 anni nella capitale inglese prima di tornare a Vienna. Nel 1791 si trovava a Londra anche Joseph Haydn, che compose per il giovane Hummel una sonata in la bemolle. Il dedicatario la eseguì per la prima volta nelle Hanover Square Rooms, alla presenza del compositore, che al termine dellesecuzione lo ringraziò regalandogli una ghinea.

Lo scoppio della Rivoluzione francese e il successivo periodo del Terrore costrinsero Hummel a cancellare una tournée già programmata in Spagna e in Francia. Riprese quindi la via di Vienna dando vari concerti durante il tragitto. Al suo ritorno ricevette lezioni da Johann Georg Albrechtsberger, Joseph Haydn, e Antonio Salieri.

Allincirca in questo periodo, il giovane Ludwig van Beethoven giunse a Vienna e prese lezioni da Haydn e Albrechtsberger, diventando così compagno di studi e amico di Hummel. Pare che larrivo di Beethoven avesse inferto un duro colpo allautostima di Johann Nepomuk, che tuttavia si riprese senza troppe difficoltà. Benché caratterizzata da frequenti alti e bassi, lamicizia con Beethoven fu reciproca e improntata al rispetto; quando il Genio di Bonn era fin di vita, Hummel andò a trovarlo a Vienna diverse volte con sua moglie Elisabeth e lallievo Ferdinand Hiller e, seguendo le sue volontà, si esibì in unimprovvisazione durante il concerto che si tenne in sua memoria. Fu in questoccasione che Hummel divenne amico di Franz Schubert, che gli dedicò le sue ultime tre sonate per pianoforte. Tuttavia, poiché entrambi i compositori erano già morti quando le sonate vennero pubblicate, leditore modificò la dedica sostituendo il nome di Hummel con quello di Robert Schumann, allepoca ancora in attività.

Nel 1804 Hummel successe ad Haydn come Maestro di cappella al servizio del Principe Esterházy, ad Eisenstadt. Mantenne questo posto per sette anni prima di essere licenziato per aver trascurato i suoi doveri, dopodiché intraprese una tournée in Russia e in Europa e sposò la cantante dopera Elisabeth Röckel, da cui ebbe 2 figli.

Successivamente venne nominato Maestro di cappella a Stoccarda e a Weimar, dove divenne molto amico dei suoi colleghi Goethe e Schiller. Durante il suo soggiorno a Weimar, Hummel trasformò la città in una delle capitali musicali dEuropa, invitando i migliori musicisti dellepoca a visitarla e a esibirvisi. Diede vita ad uno dei primi programmi pensionistici per musicisti, organizzando concerti di beneficenza per i colleghi che non disponevano di fondi sufficienti. Inoltre Hummel fu uno dei primi a battersi per i diritti dautore contro la pirateria intellettuale.

                                     

2. Influenze

Mentre era in Germania Hummel pubblicò A Complete Theoretical and Practical Course of Instruction on the Art of Playing the Piano Forte Corso teorico e pratico completo sullarte di suonare il Piano Forte 1828, che vendette migliaia di copie durante i primi giorni e introdusse uno stile nuovo relativamente alle diteggiature e allesecuzione degli abbellimenti. La tecnica pianistica del tardo Ottocento fu molto influenzata da Hummel, grazie anche alle lezioni che egli impartì a Carl Czerny, che a sua volta fu insegnante di Franz Liszt. Czerny studiò inizialmente con Beethoven, ma decise di abbandonarlo dopo aver sentito Hummel.

Linfluenza di Hummel è riscontrabile anche nei primi lavori di Fryderyk Chopin e Robert Schumann, e lo spirito dei suoi concerti per piano il terzo in si minore e il secondo in la minore si nota particolarmente nei concerti di Chopin. Ciò non sorprende se si considera che Chopin deve aver sentito Hummel in una delle sue ultime tournée in Polonia e in Russia, e mantenne i concerti per piano di Hummel nel proprio repertorio. Harold C. Schonberg, nel suo libro I Grandi Pianisti, scrive che "linizio del concerto in la minore di Hummel e quello in mi minore di Chopin sono troppo simili per poter parlare di una pura coincidenza". Riguardo ai 24 Preludi Op. 28 di Chopin, Schonberg scrive: "È altrettanto difficile negare che Chopin conoscesse molto bene i Preludi Op. 67 di Hummel, composti nel 1815 e ora dimenticati - una raccolta di 24 preludi in tutte le tonalità maggiori e minori, partendo dal do maggiore".

Anche Robert Schumann studiò le opere di Hummel in particolar modo la Sonata in Fa diesis minore Op. 81. Successivamente fece richiesta per divenirne suo allievo, ma il permesso gli fu negato a causa della sua instabilità mentale. Liszt avrebbe voluto studiare con Hummel, ma suo padre Adam si rifiutò di pagare leccessiva retta che Hummel era solito chiedere così Liszt finì per studiare con Czerny. Czerny, Friedrich Silcher, Ferdinand Hiller, Sigismond Thalberg, Felix Mendelssohn e Adolf von Henselt furono tra i migliori allievi di Hummel.

                                     

3. Musica

La musica di Hummel prese una strada diversa da quella di Beethoven. Guardando al futuro, Hummel varcò le soglie della modernità con opere come la Sonata in fa# minore Op. 81 e la Fantasia per pianoforte Op. 18, che si possono considerare degli esempi in cui lautore rompe con le strutture armoniche del Classicismo e amplia la forma-sonata. In queste due opere Hummel si dimostra innovativo e ardito, specialmente se si tiene conto del fatto che lOp. 81 fu composta cinque anni dopo la Sonata Hammerklavier. Tuttavia la visione musicale di Hummel non era iconoclasta, e la sua filosofia si riassumeva nel motto "godere del mondo dando gioia al mondo".

Le sue composizioni principali sono per il pianoforte, del quale era uno dei più grandi virtuosi della sua epoca. Per questo strumento scrisse otto concerti, dieci sonate quattro delle quali sono senza numero dopus e una ancora inedita, otto trii, un quartetto, due quintetti e due settimini. La sua produzione comprende inoltre un ottetto per fiati, una sonata per violoncello e una per viola, un concerto e una sonata per mandolino, nonché un concerto per tromba in mi maggiore scritto per tromba a chiavi, musica per pianoforte a quattro mani, 22 opere, singspiel, messe e molto altro.

La vistosa assenza di una sinfonia tra le opere di Hummel si spiega forse col fatto che egli non riuscì a seguire le innovazioni beethoveniane in quel genere musicale, anche se resta oscuro il motivo per cui non compose una sinfonia nello stile di altri grandi contemporanei per esempio Haydn. Cè da dire tuttavia che lorganico della sinfonia classica non prevedeva il pianoforte, cosa che potrebbe aver ridotto linteresse di Hummel che, da accanito pianista qual era, avrebbe preferito scrivere piuttosto dei concerti per pianoforte.

Tra le opere di Hummel figurano anche interessanti trascrizioni per pianoforte, flauto, violino e violoncello di concerti per pianoforte e sinfonie di Mozart, che sono state incise recentemente dal pianista tedesco Fumiko Shiraga. Tra queste, in particolare, hanno ottenuto un buon successo di pubblico le trascrizioni del Concerto per pianoforte n. 20 e della Sinfonia n. 40.



                                     

4. Gli ultimi anni e leredità di Hummel

Alla fine della sua vita, Hummel vide lascesa di una nuova scuola di giovani compositori e virtuosi e si rese conto che la sua stessa musica stava lentamente passando di moda. La sua tecnica disciplinata e impeccabile, alla Clementi, e il suo equilibrato classicismo si contrapponevano al virtuosismo scatenato della nuova corrente, rappresentata da esecutori come Liszt e Giacomo Meyerbeer. Nei suoi ultimi anni Hummel compose sempre meno, restando pur sempre molto rispettato e ammirato, e morì a Weimar nel 1837. Massone come Mozart, lasciò in eredità alla sua loggia una parte considerevole del famoso giardino che si trovava dietro alla sua casa di Weimar.

Nonostante Hummel fosse una celebrità al momento della sua morte, con una fama postuma apparentemente certa e duratura, la sua musica venne rapidamente dimenticata con lavvento impetuoso del periodo romantico, forse perché le sue idee erano ormai ritenute superate. Successivamente, durante la riscoperta del Classicismo avvenuta allinizio del XX secolo, Hummel non venne preso in considerazione, oscurato da Mozart lo stesso avvenne con Haydn, che avrebbe dovuto aspettare la seconda metà del XX secolo per essere rivalutato. Grazie alle registrazioni in commercio e ai concerti dal vivo sempre più numerosi che si tengono oggi in tutto il mondo, sembra che gli ammiratori della sua musica stiano nuovamente aumentando.

                                     

5. Opere

  • n.1 per Soli, Coro misto e Orchestra in Si bemolle maggiore Op.77;
  • n.3 per Soli, Coro e Orchestra in Re minore Op.111.
  • Messe
  • n.2 per Soli, Coro misto, Organo e Orchestra in Mi bemolle maggiore Op.80;
  • 5 opere teatrali
  • Sappho von Mitilene Op. 68 Theater an der Wien 1812
  • Balletti
  • Das Belebte Gemahlcle Op.33
  • Helene And Paris Op.26
  • Quintuor Des Negares Du Ballet Paul Et Virginie Op.41
  • n.2 in Sol maggiore WoO 4
  • n.1 in Mi bemolle maggiore WoO 3
  • Trii per Archi
  • composizioni da Camera
  • in Mi bemolle maggiore Op.30 n.3
  • in Sol maggiore Op.30 n.2
  • Quartetti per Archi
  • in Do maggiore Op.30 n.1
  • n.5 in Sol maggiore Op.65
  • n.8 in Mi bemolle maggiore Op.96
  • n.2 in Si bemolle maggiore Op.12
  • n.4 in Sol maggiore Op.35
  • n.1 in Si bemolle maggiore Op.3a
  • Trii per Violino, Violoncello e Pianoforte
  • n.6 in Mi maggiore Op.83
  • n.7 in Mi bemolle maggiore Op.93
  • n.3 in Fa maggiore Op.22
  • Grande Serenata per piano-forte, violino, chitarra, clarinetto e fagotto in do maggiore Opera 66
  • Settimino n.1 per Flauto, Corno, Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso e Pianoforte in Re minore Op.74
  • Quintetto per Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso e Pianoforte originariamente Fortepiano in re minore Op.74
  • Settimino n.2 per Flauto, Clarinetto, Tromba, Violino, Violoncello, Contrabbasso e Pianoforte in Do maggiore Militare
  • Grande Serenata per piano-forte, violino, chitarra, clarinetto e fagotto in sol maggiore Opera 63
  • Potpourri per piano-forte e chitarra in sol maggiore Opera 53
  • Quintetto per Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso e Pianoforte originariamente Fortepiano in Mi bemolle minore Op.87
  • Concerto per Fagotto e Orchestra in Fa maggiore WoO 23
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra in Fa maggiore Op.post.1
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra n.3 in Si minore Op.89
  • Concerto per Tromba e Orchestra in Mi maggiore WoO 1
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra n.1 in Do maggiore Op.36 Op.34a
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra n.5 in La bemolle maggiore Op.113
  • composizioni per pianoforte
  • Concerto per Violino, Pianoforte e Orchestra in Sol maggiore Op.17
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra n.4 in Mi maggiore Op.110
  • Concerti per strumento solista ed Orchestra
  • Concerto per Pianoforte e Orchestra n.2 in La minore Op.85
  • Concerto per Mandolino e Orchestra in Sol maggiore
  • Oberons Zauberhorn per Pianoforte e Orchestra Op.116
  • Rondò Brillante per Pianoforte e Orchestra in La maggiore Op.56
  • Variazioni per Pianoforte e Orchestra in Si bemolle maggiore su un tema tratto dal Das Fest der Handwerker Op.115
  • Altre composizioni per strumento solista ed Orchestra
  • Le Retour à Londres, Rondo Brillante per Pianoforte e Orchestra in Fa maggiore Op.127
  • Variazioni per Pianoforte e Orchestra in Fa maggiore Op.97
  • Variazioni per Pianoforte e Orchestra in Fa maggiore su un Tema di Foglar Op.6
  • Potpourri per Viola e Orchestra su Il mio tesoro Op.94
  • 24 studi