Топ-100
Indietro

ⓘ Arcipelago Gulag è un saggio di inchiesta narrativa, edito in tre volumi, scritto tra il 1958 e il 1968 da Aleksandr Solženicyn sul sistema dei campi di lavoro ..




Arcipelago Gulag
                                     

ⓘ Arcipelago Gulag

Arcipelago Gulag è un saggio di inchiesta narrativa, edito in tre volumi, scritto tra il 1958 e il 1968 da Aleksandr Solženicyn sul sistema dei campi di lavoro forzato nellURSS. Durante il regime comunista, lutilizzo sistematico della giustizia politica disseminò lUnione Sovietica di campi di concentramento.

GULag è lacronimo russo di Direzione centrale dei lager, che dà il nome burocratico al sistema di coercizione atto a sopprimere la libertà di oppositori e critici del sistema, accusati di essere i "nemici" del comunismo, individui da "rieducare"; per metonimia, indica il sistema del campo medesimo. Poggiando su testimoni oculari - vittime superstiti - e materiale primario di ricerca, lautore vi riversò anche la propria esperienza di prigioniero politico nei campi di lavoro forzato; egli vi percorre liter carcerario: dallistruttoria ai lager speciali, dallarresto cagionato da una delazione, fino al termine della pena scontata.

Arcipelago Gulag ebbe grande risonanza nellopinione pubblica internazionale per aver fornito il resoconto più radicale e circostanziato dellURSS post-rivoluzionaria: Solženicyn vi dimostra che il regime comunista poteva governare sui popoli oppressi dellUnione Sovietica solo con la minaccia dellimprigionamento, ma pure che leconomia stessa del Paese dipendeva dalla produttività dei campi di lavoro forzato. Lopera fu pubblicata in Occidente nel 1973 e circolò clandestinamente - in samizdat - nellURSS fino al 1989, quando fece la sua apparizione sulla rivista letteraria Novyj Mir, in forma ridotta. Dopo la dissoluzione dellUnione Sovietica, lopera fu pubblicata liberamente e integralmente; nel 2009 è divenuta una lettura obbligatoria nelle scuole superiori russe.

                                     

1. Diffusione dellopera

Concepito nel 1958, Solženicyn fece pervenire clandestinamente il testo in Occidente poiché il KGB era riuscito ad entrare in possesso di una copia e a sequestrarla. Lautore riuscì a microfilmare il testo e a consegnarlo ad alcuni amici francesi. Arcipelago Gulag fu pubblicato in prima edizione dallEditore Seuil a Parigi nel 1973; il 12 febbraio 1974, il KGB arrestò Solženicyn e lo costrinse allesilio.

                                     

1.1. Diffusione dellopera Laccoglienza in Italia

Il saggio di inchiesta narrativa, venne pubblicato in Italia il 25 maggio 1974 per i tipi della Mondadori. Il curatore Domenico Porzio lamentò però lo scarso rilievo pubblicitario che la casa editrice dedicò allopera.

Pietro Citati recensì positivamente Arcipelago Gulag sul "Corriere della Sera" del 16 giugno 1974, considerandolo principalmente il memoriale di un prigioniero scampato a una più dura sorte.

Personaggi importanti del mondo della cultura italiana giudicarono molto negativamente lopera. Italo Calvino, pur confermando di aver nutrito ammirazione per lautore che in passato aveva definito "luomo che aveva assunto il ruolo di coscienza del suo paese, testimone di verità affermate con rischio continuo, contro la pressione dun apparato di forze smisurate", espresse tutta la sua delusione per lopera e lautore, contestando leccesso dogmatico del messaggio cristiano come unico potere salvifico, contenuto in Arcipelago Gulag.

Carlo Ossola criticò invece il profilo artistico dellopera. Umberto Eco definì Solženicyn un "Dostoevskij da strapazzo", e Alberto Moravia sullEspresso liquidò lautore come "un nazionalista slavofilo della più bellacqua". Lopera e il suo autore vennero difesi, tra gli altri, dallo slavista Vittorio Strada, da Enzo Bettiza e da Carlo Bo autore tra laltro dellintroduzione alledizione italiana di Il primo cerchio, pubblicata sempre nel 1974 da Mondadori.

                                     

2. Edizioni italiane

  • Arcipelago Gulag 2 voll., traduzione di Maria Olsùfieva, Milano, Mondadori, 1974-75.
  • Arcipelago Gulag 2 tomi, a cura di Maurizia Calusio, con un saggio introduttivo di Barbara Spinelli, Collana I Meridiani, Milano, Mondadori, 2001, pp. XC-2416, ISBN 978-88-04-47905-5. - 3 voll., Collana Classici moderni, Mondadori, 2001, ISBN 978-88-04-48767-8
                                     
  • Gulag ramo della polizia politica dell URSS che costituì il sistema penale dei campi di lavoro forzato Arcipelago Gulag saggio di Aleksandr Solženicyn
  • Aleksandr Solzhenicyn per descrivere l intero sistema dei gulag nell opera Arcipelago Gulag Secondo il censimento russo del 1989 la popolazione era di
  • Solženicyn nel celeberrimo saggio Arcipelago Gulag Nel 1953 Stalin, capo dello Stato e principale sostenitore del sistema dei gulag morì. La sua morte accrebbe
  • concentrazionario sovietico nella celeberrima opera Arcipelago Gulag 1973 La specificità del Gulag è frutto dei principii sperimentati alle Isole Solovki:
  • agosto 2008. Discusso nella Prima Parte di Arcipelago Gulag Discusso nella Prima Parte di Arcipelago Gulag in particolare nel capitolo Storia delle
  • guerra di Crimea XIX secolo e la guerra civile russa XX secolo In Arcipelago Gulag Aleksandr Solzenicyn descrive il secolare lavoro dei monaci, per mostrare
  • L Arcipelago metastatizza, in Arcipelago Gulag 1973. Paul R. Gregory, Valery Lazarev e V. V. Lazarev, Economics of Forced Labor: The Soviet Gulag Hoover
  • atto di debolezza e di tradimento della patria. Vedi, a tal proposito Arcipelago Gulag di Solženicyn EN Cieli puliti, su Internet Movie Database, IMDb.com
  • 1963 e completato nel 1966, nello stesso periodo della stesura di Arcipelago Gulag nel 1967 fu diffuso nell URSS tramite samizdat, ma bandito l anno