Топ-100
Indietro

ⓘ Porro, famiglia. La famiglia Porro è un casato nobile di Milano e della Lombardia, i cui membri rivestirono cariche alla corte dei Visconti. Furono Feudatari so ..




Porro (famiglia)
                                     

ⓘ Porro (famiglia)

La famiglia Porro è un casato nobile di Milano e della Lombardia, i cui membri rivestirono cariche alla corte dei Visconti. Furono Feudatari sovrani della Brianza e Signori di Monza, Como, Lecco e Lissone durante tutto il Medioevo. Il centro dei loro domini convergeva su Lentate sul Seveso.

Il casato nei secoli successivi ebbe particolare rilievo sia presso la corte imperiale austriaca, del Sacro Romano Impero, sia presso la corte napoleonica del Regno dItalia.

                                     

1. Cenni storici sulla famiglia

Il primo membro noto della famiglia risulta essere un certo Porreto de Porris, citato in alcuni documenti alla metà del XII secolo, mentre le notizie si fanno più consistenti con Ottone de Porris, citato nel 1191 come procuratore della badessa di San Vittore di Meda, signore feudale dei territori di Copreno, Seveso, Meda Barlassina e Lentate e "cavaliere banderese", ossia con disponibilità di un seguito armato e di propri vessilli o bandiere. Sembra, dalla presenza dellaquila imperiale capo dellimpero nello stemma, che appartenesse alla fazione ghibellina.

I discendenti, Oldone I, Oldone II e Ottone II risiedettero nel castello di Copreno, in precedenza possesso dellabbazia di San Simpliciano di Milano.

Nel 1252 Pietro e Alberto parteciparono alla congiura contro linquisitore Pietro da Verona, ucciso nel castello di Farga, presso Seveso e furono costretti alla fuga, con laiuto del podestà di Milano, Pietro Avogadro. Successivamente i Porro e gli Avogadro si contesero il controllo del castello di Copreno.

                                     

1.1. Cenni storici sulla famiglia Stefano Porro di Brianza

Stefano Porro di Brianza fu signore sovrano della Brianza e diede inizio al dominio della sua casata sui territori tra Milano e Como. Egli possedeva anche un palazzo a Milano, presso Porta Romana, nel Milano riservato a Bernabò Visconti. Stefano fece carriera alla corte ducale e svolse missioni diplomatiche per conto dei Visconti presso limperatore Carlo IV, in Boemia e presso le varie corti signorili dellItalia settentrionale, per linvito alle nozze tra Gian Galeazzo Visconti e Isabella di Valois. Nel 1362 rivestì la carica di cancelliere a Milano e fu quindi tesoriere ducale a Mantova. Nel 1367 fu nuovamente ambasciatore dei Visconti presso limperatore e lanno seguente era di nuovo a Mantova. Alla corte di Milano ebbe la carica di "consigliere segreto". Presso la corte ereditata dal padre a Lentate fondò nel 1369 la chiesa dedicata a Santo Stefano martire, destinato ad ospitare le sepolture della famiglia e rimasto tuttavia inutilizzato. Nel 1371 ottenne il titolo di marchese di Val Trebbia, il feudo di Corte Brugnatella, il castello di Zerba, e il privilegio fu reso ereditario nel 1385, dopo la sua morte. Nel 1378 fu a Tortona come inviato della moglie di Bernabò Visconti, Regina.

                                     

1.2. Cenni storici sulla famiglia Il casato oggi

Oggi i Porro, risiedenti in Brianza, posseggono ancora il titolo di "Conte sovrano", concesso nel 1005 dallimperatore Enrico II il Santo. La casata Porro di Brianza, famiglia feudale con giurisdizione su sparsi territori della pianura brianzola, monzese e milanese, oltre che sulle alture del Comasco e del lecchese, è uno dei pochi rami del casato non ancora estinti, e tuttora vive nei pressi di Monza. I centri principali dellantico Contato Imperiale di Brianza sono state Lentate sul Seveso e Copreno, mentre alcune zone, come Monza e Lissone, avevano i loro "governatori", rappresentanti del Conte Sovrano.

                                     

1.3. Cenni storici sulla famiglia Principali membri del casato

  • La cugina del conte Stefano Porro di Brianza, Donnina, figlia del giureconsulto Leone Porro di Copreno, fu a partire dagli anni 1360 la consorte di Bernabò Visconti, al quale diede almeno quattro figli e che sposò dopo la morte della prima moglie, Regina Della Scala. Nel testamento di Bernabò, redatto nel 1379, ebbe insieme al figlio Lancillotto il feudo di Pagazzano alla Ghiara dAdda e gli usufrutti di Niguarda. Leredità le venne contestata da Gian Galeazzo Visconti, ma venne riconosciuta più tardi da Filippo Maria Visconti.
  • Appartenne alla famiglia anche il beato Giovannangelo Porro 1451-1505, monaco presso il convento dei Servi di Santa Maria di Milano. San Carlo Borromeo sarebbe stato guarito da fanciullo per sua intercessione.
  • Un altro membro della famiglia, Lanfranco fu podestà milanese a Tortona nel 1376. A Lentate fondò loratorio di Mocchirolo, decorato con affreschi attualmente conservati presso lAccademia di Brera.


                                     

1.4. Cenni storici sulla famiglia Altri membri del casato

Tra gli altri membri della famiglia, si ricordano di seguito, coloro che hanno avuto cariche o particolari meriti storici:

  • Francesco 1694-1753, podestà di Novara e Tortona, che ottenne il feudo di Santa Maria della Biocca dal re di Sardegna;
  • Alessandro 1814-1879 che fece parte del governo provvisorio, formato in occasione delle Cinque giornate di Milano, fu governatore di Genova e dopo il 1860 fu nominato senatore del regno dItalia. Suo fratello Carlo 1813-1848, anchegli fervente patriota, morì durante le Cinque giornate;
  • Gian Pietro Porro 1773-1851, podestà di Como, consigliere dellimperatore austro-ungarico e fondatore della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde;
  • Aimerico, potestà di Cremona 1394;
  • Luigi Porro Lambertenghi 1780-1860, conte che nel 1815 impiantò la prima industria per lilluminazione a gas della Lombardia, e nel 1818 finanziò insieme a Federico Confalonieri la rivista Il Conciliatore diretta da Silvio Pellico;
  • Giacomo, sindaco di Milano 1448-1450;
  • Lodovico, podestà di Cremona 1528;
  • Pietro Paolo, compositore 1577;
  • Andrea, podestà di Torino 1626;
  • Carlo Porro 1854-1939, sottocapo di stato maggiore dellesercito Italiano aprile 1915 - novembre 1917, nominato da Mussolini generale di corpo darmata e ministro di stato;
  • Cesare Porro 1865-1940, geologo.
                                     

2. Titoli della famiglia

  • signori di Vespolate
  • signori di Asti,
  • conti di Rovello Porro e Rovellasca,
  • conti sovrani di Brianza,
  • conti di Lecco,
  • cavalieri del Ducato di Milano.
  • marchesi di Asnago,
  • conti di Monza,
  • conti di Lentate sul Seveso,
  • signori di Lissone,
  • signori di Pollenza,
  • conti di Como,
  • conti di SantAlbino,
  • signori di Cervere,
  • marchesi di Milano,
  • conti di Santa Maria della Bicocca - solo ramo collaterale,
  • marchesi di Val Trebbia,
  • conti di Pollenzo e Santa Vittoria,
  • signori di Genova,
  • conti palatini e cavalieri imperiali del Sacro Romano Impero,
  • signori di Induno Olona,
                                     

3. Principali parentele

  • famiglia Caccia-Dominioni, nobili lombardi,
  • famiglia Casati, nobili lombardi,
  • famiglia Este, signori di Ferrara, Modena e Reggio Emilia,
  • famiglia Moriggia, Marchesi e patrizi milanesi,
  • famiglia Visconti, duchi di Milano e della Lombardia,
  • famiglia Doria, principi di Loano e signori liguri,
  • famiglia Falier, nobili veneti,
  • famiglia Serbelloni, nobili lombardi,
  • famiglia Melzi dEril, nobili di Milano,
  • dinastia dei Paleologi, imperatori dellImpero Bizantino
  • famiglia Castelli, nobili lombardi,
  • famiglia Malatesta, signori di Rimini e della Romagna,
  • famiglia Della Scala, signori di Verona,
  • famiglia Verri, nobili lombardi,
  • famiglia Mocenigo, nobili veneti.
  • famiglia Aliprandi, signori di Monza e dellomonima località Aliprandi,
  • famiglia Greppi, nobili lombardi,
  • famiglia Borromeo, nobili lombardi,
  • famiglia Medici, signori di Toscana,
  • famiglia Odescalchi, nobili lombardi,


                                     

4. Conti di Santa Maria della Bicocca 1729

  • Gian Pietro 1773-1851, III conte di Santa Maria della Bicocca
  • Cesare 1865-1940, VI conte di Santa Maria della Bicocca
  • Paolo n. 1964, X conte di Santa Maria della Bicocca
  • Alessandro 1814-1879, IV conte di Santa Maria della Bicocca
  • Francesco 1694-1753, I conte di Santa Maria della Bicocca
  • Giovanni Battista 1736-1811, II conte di Santa Maria della Bicocca
  • Alessandro 1908-?, VII conte di Santa Maria della Bicocca
  • Carlo 1854-1939, V conte di Santa Maria della Bicocca
  • Cesare 1936-?, VIII conte di Santa Maria della Bicocca
  • Giulio 1938-?, IX conte di Santa Maria della Bicocca