Топ-100
Indietro

ⓘ Ragazzo selvaggio. Un ragazzo selvaggio o bambino selvaggio o enfant sauvage è un fanciullo cresciuto nella più tenera età, per un certo tempo, isolato dagli al ..




Ragazzo selvaggio
                                     

ⓘ Ragazzo selvaggio

Un ragazzo selvaggio o bambino selvaggio o enfant sauvage è un fanciullo cresciuto nella più tenera età, per un certo tempo, isolato dagli altri esseri umani e perciò differenziato nellapprendimento comportamentale dai ragazzi normalmente socializzati. Alcuni ragazzi selvaggi possono essere stati adottati da altri mammiferi, come i lupi, i cani o gli orsi e aver vissuto con loro. La maggior parte delle notizie su tali casi, tuttavia, è posta in dubbio dalla scienza.

                                     

1. Fondo scientifico

Innumerevoli storie e leggende si narrano sui ragazzi selvaggi, ma finora la scienza ha potuto studiare solo pochi casi reali. Dalla metà del XIV secolo sono stati narrate almeno 53 vicende senza contare la documentazione sui ragazzi selvaggi prussiani della seconda guerra mondiale. Le notizie al riguardo sono immancabilmente di seconda mano e non provengono da veri e propri testimoni oculari, e intorno ai pochi fatti autentici si sviluppano fantasiose interpretazioni. I casi raccolti dalle fonti storiche e talvolta contemporanee presuppongono una certa credulità del lettore. Quanto alla loro tipologia, esiste un nesso con la leggenda del changeling diffusa nella superstizione del medioevo cristiano. Si ipotizza comunque trattarsi di interpretazioni di una disabilità con, tra le altre, le seguenti caratteristiche: una forma di ritardo mentale, di afasia, di difficoltà mnemonica, uno sguardo vagante vuoto o irrequieto, una motricità anomala, abitudini alimentari animalesche.

Nel XVIII secolo Linneo ideò la classificazione Homo Ferus per la persona che si comporta come un animale, cammina abitualmente a quattro zampe, non sa parlare ed è coperto di pelo folto. Nato il concetto, mutò anche la considerazione dellessere umano selvatico. Se il racconto della fondazione di Roma, con lallevamento di Romolo e Remo da parte di una lupa, poteva ancora rappresentare lorigine mitica di due eroi, se i più recenti ragazzi selvaggi valevano presagio di sventura come nella notizia storica di un ragazzo trovato a Southampton nel 1631 o erano oggetto di curiosità nelle corti, ormai lIlluminismo portava questi casi allattenzione di un pubblico istruito, in un nascente interesse per le questioni antropologiche e pedagogiche. Che luomo potesse trovare la sua collocazione ottimale, assegnatagli dalla natura, solo in seno alla società, e che senza civilizzazione sarebbe stato solo un animale irrazionale e vulnerabile, fu ad esempio lidea di base espressa dal medico e pedagogista Jean Itard nella sua prima relazione sul caso di Victor dellAveyron. Itard continuò a difendere la propria tesi da tutte le obiezioni anche quando i tentativi di integrare completamente Victor nella società umana erano ormai ampiamente sfumati.

                                     

2. L Homo Ferus

Nella decima edizione del Systema Naturae 1758, Linneo registrò per la prima volta nella sua classificazione sistematica delluomo un gruppo caratterizzato per essere lindividuo "tetrapus, mutus, hirsutus" e distinto in aspetto e comportamento dagli altri esseri umani. Tale gruppo includeva i seguenti casi.

  • Pueri Duo Pyrenaici due ragazzi pirenaici
  • Juvenis Hannoverianus ragazzo hannoveriano
  • Johannes Leodicensis Jean di Liegi
  • Juvenis Lupinus Hessensis ragazzo lupo assiano
  • Juvenis Ovinus Hibernus ragazzo pecora irlandese
  • Juvenis Ursinus Lithuanus ragazzo orso lituano

Nella dodicesima edizione 1766 si aggiunsero tre nuovi casi.

  • Juvenis Bovinus Bambergensis ragazzo vitello bamberghese
  • Puella Transisalana ragazza dellOverijssel
  • Puella Campanica ragazza della Champagne
                                     

3. Ragazzi selvaggi della letteratura

Oltre che nel racconto della fondazione di Roma, dove si narra che Romolo e Remo furono allattati da una lupa, il tema del ragazzo selvaggio ricorre nel mito cosmogonico turco di Asena; qui un ragazzo è lultimo superstite della sua stirpe ed è a sua volta allevato dai lupi. Anche Wolfdietrich, protagonista di un omonimo poema eroico medio alto tedesco, trascorre tra i lupi parte della sua infanzia. Lo stesso si narra degli eroi slovacchi Valigor e Vyrvidub.

Una ben nota moderna figura letteraria allevata dai lupi è Mowgli del Libro della giungla 1894-1895 di Rudyard Kipling, mentre il Tarzan di Edgar Rice Burroughs 1912 è un personaggio tradizionale popolarissimo che tra gli animali selvatici diviene persona migliore e più valida.