Топ-100
Indietro

ⓘ Léon Lommel. Il 14 maggio 1949 papa Pio XII lo nominò vescovo coadiutore di Lussemburgo e titolare di Nefeli. Ricevette lordinazione episcopale dallarcivescovo ..




Léon Lommel
                                     

ⓘ Léon Lommel

Il 14 maggio 1949 papa Pio XII lo nominò vescovo coadiutore di Lussemburgo e titolare di Nefeli. Ricevette lordinazione episcopale dallarcivescovo Fernando Cento, nunzio apostolico in Belgio e Lussemburgo, coconsacranti il vescovo di Autun Lucien-Sidroine Lebrun e il vicario apostolico di Oslo Jacques Mangers. Il 21 ottobre 1956, alla morte di monsignor Joseph Laurent Philippe, gli succedette nel governo pastorale della diocesi.

Monsignor Lommel era profondamente interessato alla venerazione di Maria consolatrice degli afflitti. L8 dicembre 1963 celebrò il terzo centenario di questo culto nel Lussemburgo e la consacrazione della rinnovata cattedrale di Notre-Dame a Lussemburgo. La consacrazione era stata più volte rinviata a causa del cambio di vescovo nel 1936 e della seconda guerra mondiale. Allo stesso modo, monsignor Lommel promosse la venerazione di San Villibrordo, specialmente nella processione di primavera del martedì di Pentecoste a Echternach. La basilica di Echternach, fatta saltare in aria dai soldati della Wehrmacht il 26 dicembre 1944, venne ricostruita durante il suo episcopato e riconsacrata il 20 settembre 1953.

Il Concilio Vaticano II vide in monsignor Léon Lommel un padre conciliare entusiasta e devoto. Convocò anche il IV Sinodo diocesano lussemburghese che fu aperto il 13 maggio 1972 dal suo successore Jean Hengen.

Il 13 febbraio 1971 papa Paolo VI accettò la sua rinuncia al governo pastorale della diocesi per raggiunti limiti di età.

Morì a Lussemburgo la sera dell11 giugno 1978 dopo una breve malattia. Le esequie si tennero il 16 giugno nella cattedrale di Notre-Dame a Lussemburgo. Al termine del rito fu sepolto nella cripta dello stesso edificio, sotto le finestre degli Apostoli create dallartista di Aquisgrana Anton Wendling. Nella percezione dei contemporanei, monsignor Lommel incarnava la sintesi del comportamento ieratico-maestoso di un principe-vescovo delletà feudale con tratti di personalità impulsivi oltre a un notevole calore umano.

                                     

1. Genealogia episcopale

  • Cardinale Luigi Caetani
  • Cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
  • Papa Clemente XIII
  • Cardinale Giovanni Tacci Porcelli
  • Cardinale Filippo de Angelis
  • Cardinale Ludovico Ludovisi
  • Cardinale Bernardino Giraud
  • Cardinale Alessandro Mattei
  • Vescovo Léon Lommel
  • Cardinale Giulio Antonio Santori
  • Cardinale Ulderico Carpegna
  • Cardinale Girolamo Bernerio, O.P.
  • Cardinale Pietro Francesco Galleffi
  • Arcivescovo Fernando Cento
  • Papa Benedetto XIII
  • Arcivescovo Galeazzo Sanvitale
  • Cardinale Scipione Rebiba
  • Cardinale Amilcare Malagola
  • Papa Benedetto XIV

Successione apostolica

  • Arcivescovo Jean Hengen, S.I. 1967
  • Arcivescovo Nicolas Kinsch, S.C.I. 1958