Топ-100
Indietro

ⓘ Lingue minoritarie in Svezia. In Svezia sono riconosciute ufficialmentre cinque lingue minoritarie: il finlandese, il meänkieli, le lingue sami, il romaní e lyi ..




Lingue minoritarie in Svezia
                                     

ⓘ Lingue minoritarie in Svezia

In Svezia sono riconosciute ufficialmentre cinque lingue minoritarie: il finlandese, il meänkieli, le lingue sami, il romaní e lyiddish. Queste lingue godono di maggiori diritti rispetto ad altre lingue minoritarie più esigue. La lingua dei segni svedese ha uno status giuridico simile a quelle minoritarie, quindi viene considerata anchessa una lingua minoritaria.

Come prescritto dalla Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, molti paesi in Europa riconoscono alcuni dialetti come lingue minoritarie a tutti gli effetti, come ad esempio laragonese lo scots. Al contrario, in Svezia alcuni dialetti classificabili come lingue proprie non sono riconosciuti come tali. Per esempio, lälvdalsmål, un dialetto particolare del Dalarna, non è riconosciuto come lingua minoritaria sebbene lo sia a livello internazione.

                                     

1. Riconoscimento ufficiale

I diritti che le lingue minoritarie hanno e il loro sviluppo sono influenzati da diversi fattori. Nellaprile 2009 è entrato in vigore il diritto a usare tutte le lingue sami, il finlandese e il meänkieli in alcuni comuni come lingua ufficiale. Larticolo 2 della legge 724/2009 riconosce cinque minoranze linguistiche:

                                     

1.1. Riconoscimento ufficiale Lingua finlandese

Il finlandese è parlato da circa 470.000 persone ed è riconosciuto come lingua ufficiale minoritaria nei comuni:

Il finlandese è parlato in Svezia fin dal XII secolo, quando la Finlandia venne colonizzata e divenne parte del regno di Svezia.

                                     

1.2. Riconoscimento ufficiale Lingue meänkieli

Le lingue meänkieli sono riconosciute ufficialmente nei comuni di:

Il meänkieli detto anche tornionlaaksonsuomi in finlandese e tornedalsfinska in svedese corrisponde a una specifica area geografia, il Tornedal, e a una determinata popolazione, i tornedaliani. Dal punto di vista linguistico appartiene al gruppo delle lingue uraliche quindi è strettamente imparentato con il finlandese. I parlanti ammontano a circa 50.000.

                                     

1.3. Riconoscimento ufficiale Lingue sami

In Svezia vivono tra 15 000 e 20 000 sami e i parlanti in lingua madre nelle sue varianti sono circa 9000. È riconosciuto come lingua ufficiale minoritaria nei comuni di:

Il sami può essere usato nellamministrazione, nei tribunali, nelle scuole materne

                                     

1.4. Riconoscimento ufficiale Altre minoranze linguistiche

Il romaní e lyiddish non hanno aree specifiche di riconoscimento, in quanto non è possibile identificare queste minoranze con una particolare regione. Ciononostante i parlanti in queste lingue godono degli stessi privilegi delle altre tre: ad esempio, gli scolari di scuola materna hanno diritto a studiarla per almeno un paio dore la settimana. Inoltre la legge stabilisce che in almeno ununiversità linsegnamento o la ricerca devono svolgersi in queste lingue. Per quanto riguarda il romaní, luniversità di riferimento è la Linköpings universitet, e si calcola che il numero di parlanti sia di circa 9500. Il finlandese è afferito alluniversità di Stoccolma e di Uppsala, il sami e il meänkieli hanno corsi specifici alluniversità di Umeå, mentre lyiddish nelluniversità di Lund e si stima che i parlanti siano tra 2000 e 6000, sebbene Mikael Parkvall ritenga che i madre lingua yiddish siano soltanto 750-1500, tutti adulti e di età avanzata.

Lo status particolare di cui queste lingue godono è dovuto al fatto che sono "lingue storiche". Al contrario, arabo che ha circa 400.000 parlanti in Svezia e turco, che sono stati portati solo a partire dal XX secolo con limmigrazione, sono lingue nuove e quindi non riconoscibili come minoranze ufficiali.

Lo svedese è diventato lingua ufficiale dello stato solo nel 2009. Le lingue minoritarie sono state riconosciute ufficialmente al fine di aumentare la conservazione della lingua stessa e della minoranza associata.