Топ-100
Indietro

ⓘ Juan Calvo Domenech nome completo Juan Calbo Bautista Domenech, meglio conosciuto come Juan Calvo è stato un attore spagnolo. ..




                                     

ⓘ Juan Calvo Domenech

Juan Calvo Domenech nome completo Juan Calbo Bautista Domenech, meglio conosciuto come Juan Calvo è stato un attore spagnolo.

                                     

1. Biografia

Nacque il 22 maggio 1892 a Ontinyent Valencia, secondo figlio di Mariano Calbo Calbo, nativo di Torremanzanas Alicante e María del Patrocinio Doménech Rabasa, nativa di Penàguila Alicante. Inizia la carriera sui palcoscenici teatrali dal 1916, e nel 1934 debutta nel cinema con il film La hermana San Sulpicio diretto da Florian Rey. Da questo momento e dopo la parentesi della guerra civile spagnola, diventa uno degli attori più richiesti del cinema spagnolo, spesso recitando ruoli comici in molti film, la maggior parte dei quali mai distribuiti. Durante un soggiorno a Porto Rico, conobbe sua moglie Minerva Lespier García, dalla quale ebbe due figli, entrambi attori, Armando e Manolo Calvo.

I ruoli per i quali viene meglio ricordato sono quelli di Sancho Panza nel film Don Chisciotte della Mancia diretto da Rafael Gil nel 1947, accanto a Rafael Rivelles nel ruolo di Don Chisciotte, e quello di frate Pappina nelloriginale Fray Papilla in Marcellino pane e vino diretto da Ladislao Vajda nel 1955, il più grande successo commerciale nella storia del cinema spagnolo, efficacemente doppiato da Mario Besesti. Tra il 1956 e il 1957 vinse per due volte il premio CEC, assegnato dal Circolo degli Scrittori Cinematografici Spagnoli una sorta di Nastro dargento come miglior attore non protagonista, per questo film e per Calabuig.

Ha lavorato intensamente anche nel cinema italiano, interpretando una quindicina di pellicole dal 1940 al 1959. Uno dei ruoli meglio ricordati è quello dello zio del giornalaio Alberto Boccetti Alberto Sordi nel film Il conte Max diretto da Giorgio Bianchi nel 1957, remake del film Il signor Max di Mario Camerini del 1937. In esso interpreta il ruolo che nel film originale era sostenuto da Mario Casaleggio recitando accanto a Tina Pica, e sempre doppiato da Mario Besesti.

Ma è stato efficace anche in altri ruoli, come nel film del 1943 Eloísa está debajo de un almendro di Rafael Gil, dove interpreta un maggiordomo neo assunto che deve imparare regole assurde per soddisfare il suo nuovo capo, e, negli anni 50, in Calabuig e Arrivederci, Dimas, entrambi diretti da Luis García Berlanga. Uno degli ultimi ruoli importanti lo sostenne in Dal peccato alla gloria Fray Escoba, diretto da Ramón Torrado nel 1961, un anno prima della morte, avvenuta a Madrid il 6 marzo 1962. È sepolto nel Cementerio de la Almudena della capitale spagnola.

                                     

2. Filmografia

  • La venenosa, regia di Miguel Morayta 1949
  • Las locuras de Bárbara, regia di Tulio Demicheli 1959
  • Eloísa está debajo de un almendro, regia di Rafael Gil 1943
  • Lecciones de buen amor, regia di Rafael Gil 1944
  • Le belle dellaria, regia di Mario Costa e Eduardo Manzanos 1957
  • Afan Evu, regia di José Neches 1945
  • Martes y trece, regia di Pedro Lazaga 1962
  • Mi vida en tus manos, regia di Antonio de Obregón 1943
  • El mártir del Calvario, regia di Miguel Morayta 1952
  • Zoras il ribelle Diez fusiles esperan, regia di José Luis Sáenz de Heredia 1959
  • La estatua, regia di José Luis Gamboa 1961
  • Lavventuriero di Siviglia Aventuras del barbero de Sevilla, regia di Ladislao Vajda 1954
  • Un americano en Toledo, regia di Carlos Arévalo e José Luis Monter 1960
  • Suspiros de Triana, regia di Ramón Torrado 1955
  • Luomo dallombrello bianco El hombre del paraguas blanco, regia di Joaquín Luis Romero Marchent 1958
  • Boda en el infierno, regia di Antonio Román 1942
  • Dal peccato alla gloria Fray Escoba, regia di Ramón Torrado 1961
  • Calabuig Calabuch, regia di Luis García Berlanga 1956
  • Le due strade Raza, regia di José Luis Sáenz de Heredia 1942
  • La hermana San Sulpicio, regia di Florián Rey 1934
  • Mio zio Giacinto Mi tío Jacinto, regia di Ladislao Vajda 1956
  • Lucrezia Borgia, regia di Hans Hinrich 1940
  • Los tramposos, regia di Pedro Lazaga 1959
  • Brivido, regia di Giacomo Gentilomo 1941
  • El escándalo, regia di José Luis Sáenz de Heredia 1943
  • Los últimos de Filipinas, regia di Antonio Román 1945
  • Ella y los veteranos, regia di Ramón Torrado 1961
  • Febbre, regia di Primo Zeglio 1943
  • La patria chica, regia di Fernando Delgado 1943
  • Tuvo la culpa Adán, regia di Juan de Orduña 1944
  • Y después del cuplé, regia di Ernesto Arancibia 1959
  • El fantasma y Dª Juanita, regia di Rafael Gil 1945
  • Arrivederci, Dimas Los jueves, milagro, regia di Luis García Berlanga 1957
  • El genio alegre, regia di Fernando Delgado 1939
  • Bel Ami, regia di Antonio Momplet 1947
  • Ana María, regia di Florián Rey 1944
  • Marcellino pane e vino Marcelino pan y vino, regia di Ladislao Vajda 1955
  • Idilio en Mallorca, regia di Max Neufeld 1943
  • Nel blu dipinto di blu, regia di Piero Tellini 1959
  • Lágrimas de sangre, regia di Joaquín Pardavé 1946
  • Mi adorado salvaje, regia di Jaime Salvador 1952
  • Huella de luz, regia di Rafael Gil 1943
  • La Dolores, regia di Florián Rey 1940
  • Plaza de Toros Tarde de toros, regia di Ladislao Vajda 1956
  • El clavo, regia di Rafael Gil 1944
  • El hombre que las enamora, regia di José María Castellví 1944
  • Mi marido, regia di Jaime Salvador 1951
  • Buenas noticias, regia di Eduardo Manzanos 1954
  • Schottis, regia di Eduardo García Maroto 1943
  • Tierra sedienta, regia di Rafael Gil 1945
  • Entre abogados te veas, regia di Adolfo Fernández Bustamante 1951
  • Cinco lobitos, regia di Ladislao Vajda 1945
  • Educando a papá, regia di Fernando Soler 1955
  • El torero, regia di René Wheeler 1954
  • Flor de caña, regia di Carlos Orellana 1948
  • Hermoso ideal, regia di Alejandro Galindo 1948
  • Amore di ussaro, regia di Luis Marquina 1940
  • Sólo para hombres, regia di Fernando Fernán Gómez 1960
  • Capitan Tempesta, regia di Corrado DErrico 1942
  • La donna che venne dal mare, regia di Francesco De Robertis 1957
  • Monte de piedad, regia di Carlos Véjar hijo 1951
  • Un abrigo a cuadros, regia di Alfredo Hurtado 1957
  • Quanto sei bella Roma, regia di Marino Girolami 1959
  • Espronceda, regia di Fernando Alonso Casares 1945
  • Aventura, regia di Jerónimo Mihura 1944
  • Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi 1957
  • Luomo dai calzoni corti, regia di Glauco Pellegrini 1958
  • Sospiri di Spagna Suspiros de España, regia di Benito Perojo 1939
  • Il corriere delle Indie Correo de Indias, regia di Edgar Neville 1942
  • Le tre "eccetera" del colonnello, regia di Claude Boissol 1960
  • El puente de la paz, regia di Rafael J. Salvia 1958
  • Allá en el Rancho Grande, regia di Fernando de Fuentes 1949
  • Yó soy mi rival, regia di Luis Marquina 1940
  • Nosotros los rateros, regia di Jaime Salvador 1949
  • Il terrore dellAndalusia Carne de horca, regia di Ladislao Vajda 1953
  • La donna di tutti La mujer de todos, regia di Julio Bracho 1946
  • Tosca, regia di Carl Koch 1941
  • .e il cielo rispose. Historias de la radio, regia di José Luis Sáenz de Heredia 1955
  • El andén, regia di Eduardo Manzanos 1957
  • El testamento del virrey, regia di Ladislao Vajda 1944
  • Goyescas, regia di Benito Perojo 1942
  • La gran mentira, regia di Rafael Gil 1956
  • Vivillo desde chiquillo, regia di Emilio Gómez Muriel 1951
  • La virgen desnuda, regia di Miguel Morayta 1950
  • La maja del capote, regia di Fernando Delgado 1944
  • Médico de guardia, regia di Adolfo Fernández Bustamante 1950
  • Ramona, regia di Víctor Urruchúa 1946
  • El fenómeno, regia di José María Elorrieta 1956
  • Ídolos, regia di Florián Rey 1943
  • Don Chisciotte della Mancia Don Quijote de la Mancha, regia di Rafael Gil 1947
  • El tren expreso, regia di León Klimovsky 1955
  • Giuliano de Medici, regia di Ladislao Vajda 1941
  • Ella, él y sus millones, regia di Juan de Orduña 1944
  • Lispettore Vargas, regia di Gianni Franciolini e Félix Aguilera 1940
  • Lultimo attacco La fiel infantería, regia di Pedro Lazaga 1960
  • Due cuori sotto sequestro, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1941
  • La otra vida del capitán Contreras, regia di Rafael Gil 1955
                                     

3. Doppiatori italiani

  • Mario Besesti in Marcellino pane e vino, Il conte Max
  • Luigi Pavese in Calabuig, Le tre "eccetera" del colonnello
  • Nino Bonanni in Nel blu dipinto di blu
                                     

4. Riconoscimenti

  • 1957 - Premio CEC - Circolo degli scrittori cinematografici spagnoli - Miglior attore non protagonista per Calabuig
  • 1956 - Premio CEC - Circolo degli scrittori cinematografici spagnoli - Miglior attore non protagonista per Marcellino pane e vino