Топ-100
Indietro

ⓘ Elezioni generali in Turchia del 2018. Le elezioni generali in Turchia del 2018 si sono tenute il 24 giugno 2018 per lelezione del presidente della repubblica e ..




Elezioni generali in Turchia del 2018
                                     

ⓘ Elezioni generali in Turchia del 2018

Le elezioni generali in Turchia del 2018 si sono tenute il 24 giugno 2018 per lelezione del presidente della repubblica e dei 600 parlamentari della Grande Assemblea Nazionale Turca; inizialmente fissate per il 3 novembre 2019, sono state anticipate dal presidente in carica Recep Tayyip Erdoğan.

Si è trattato delle prime elezioni dopo la riforma costituzionale approvata dal referendum costituzionale del 2017 che prevede tra le altre cose laumento del numero dei parlamentari da 550 a 600, il passaggio da repubblica parlamentare a presidenziale e quindi laumento dei poteri del presidente che diventa capo del governo e la limitazione dei poteri legislativi della Grande Assemblea Nazionale Turca.

                                     

1.1. Contesto Raccolta firme

I candidati che hanno tentato di raccogliere le 100.000 firme necessarie per la nomina a candidato presidenziale dal 4 al 9 maggio sono stati i seguenti:

  • Meral Aksener, Leader del Partito del Bene
  • Vecdet Öz, Leader del Partito della Giustizia
  • Doğu Perinçek, Leader del Partito Patriottico
  • Temel Karamollaoğlu, Leader del Partito della Felicità

I risultati della raccolta firme sono stati questi:

                                     

1.2. Contesto Sondaggi

Primo turno Secondo turno
  • Erdoğan vs. Aksener
  • Erdoğan vs. Ince
                                     

1.3. Contesto Sistema elettorale

Il sistema elettorale usato per il rinnovo del parlamento è di tipo proporzionale. Il territorio turco è diviso in 87 distretti elettorale coincidenti con le 81 province turche, a parte per le province di Istanbul e Ankara, divise in 3 distretti ciascuna, e quelle di Smirne e Bursa, divise in 2 distretti ciascuna. Accedono alla ripartizione dei seggi tutte le liste che hanno ottenuto almeno il 10% dei voti a livello nazionale o sono in coalizione con almeno una lista che abbia ottenuto il 10% la possibilità di formare coalizioni è una novità introdotta dalla riforma costituzionale del 2017. La ripartizione dei seggi avviene a livello distrettuale utilizzando il metodo dHont, ogni distretto elegge un numero di seggi in proporzione alla popolazione. Il numero di seggi che ogni distretto elegge è riportato nella tabella sottostante.