Топ-100
Indietro

ⓘ Bubbles, scimpanzé. Bubbles nacque nel 1983 in una struttura di ricerca di Austin, in Texas, che allevava primati per fare test sugli animali. Sebbene vi siano ..




Bubbles (scimpanzé)
                                     

ⓘ Bubbles (scimpanzé)

Bubbles nacque nel 1983 in una struttura di ricerca di Austin, in Texas, che allevava primati per fare test sugli animali. Sebbene vi siano versioni differenti sul come Jackson sia entrato in possesso del primate, molti affermano che Jackson lo abbia acquistato quando esso aveva otto mesi. Pare che lacquisizione sia stata supervisionata da Bob Dunn, allora uno dei più famosi fornitori e addestratori di animali di Hollywood. Bubbles è stato tenuto nella casa della famiglia Jackson di Encino Los Angeles fino al 1988, anno in cui venne trasferito nel Neverland Ranch appena comprato dal cantante. Bubbles dormiva in una culla nella camera di Jackson, mangiava dolci nel cinema di Neverland, veniva nutrito al tavolo da pranzo, indossava un pannolino e usava il bagno personale di Jackson. Nel 2005, quando lartista finì sotto processo con laccusa di aver abusato sessualmente di un minore, i giurati ascoltarono unintervista videoregistrata in cui egli affermava che i suoi numerosi scimpanzé lo aiutavano nelle faccende domestiche.

Durante la fine degli anni ottanta, Bubbles ha più volte fatto compagnia alla popstar durante la sua attività artistica. Ha assistito alla registrazione dellalbum Bad 1987 e ha accompagnato Jackson durante le riprese del videoclip di Bad 1987. Bubbles ha anche fatto un cameo nel cortometraggio di Liberian Girl 1989. Lo scimpanzé ha seguito Jackson durante la tournée mondiale di Bad, iniziata nel settembre del 1987, ma per viaggiare in Giappone, lanimale non fu in grado di entrare in Gran Bretagna e Svezia a causa delle severe leggi sulla quarantena. In questo periodo, Bubbles e Jackson sono stati fotografati da Kenny Rogers per il suo libro, Your Friends and Mine 1987.

Lamicizia fra Jackson e Bubbles ha causato lilarità mediatica e linteresse di molti giornali di gossip. Linsolita scelta di avere uno scimpanzé come animale da compagnia, e più in generale le stravaganze dellartista, spinse molte testate ad apostrofare lartista "Wacko Jacko", un nomignolo che egli disprezzava. Si diffusero anche alcune notizie rivelatesi false sul conto di Bubbles, come quella secondo cui esso non fosse una sola scimmia ma una di tante con cui veniva scambiata lidentità.

Nel documentario Living with Michael Jackson del 2003, Jackson ha dichiarato al giornalista Martin Bashir che Bubbles era diventato aggressivo. Venne pertanto trasferito nel ranch di Bob Dunn a Sylmar, in California. Poco dopo, nel dicembre del 2003, è stato affermato che Bubbles avesse tentato il suicidio e che fu portato in un ospedale in tempo per essere salvato. Quando venne chiusa la struttura di Dunn nel 2004, Bubbles è stato tenuto al Center for Great Apes di Wauchula, in Florida.

Quando Michael Jackson morì il 25 giugno 2009, le organizzazioni giornalistiche hanno riferito che Bubbles non avesse partecipato al funerale del cantante. Dunn affermò al News of the World:

                                     

1. Nei media

Nel novembre del 1986, Jackson ha lanciato Michaels Pets, ovvero dei peluche ispirati agli animali di sua proprietà. Gli animali erano, oltre allo scimpanzé Bubbles, una rana, un cane, un coniglio, un serpente, uno struzzo, una giraffa, un lama e un orso con occhiali da sole e borsalino che rappresenterebbe lo stesso Jackson. La popstar decise che i produttori donassero un dollaro di ogni articolo venduto a unassociazione benefica per bambini.

Nel 1988, lartista Jeff Koons realizzò tre identiche sculture in porcellana intitolate Michael Jackson and Bubbles e appartenenti alla sua serie Banality. Le sculture mostrano Jackson e Bubbles che indossano abiti dorati in stile militare. Divenute fra le opere più note di Koons, i tre esemplari valevano inizialmente 250.000 dollari luna. Nel 2001, una delle tre sculture è stata messa allasta e venduta a un offerente telefonico anonimo per 5.6 milioni di dollari che si è poi scoperto essere il collezionista darte Eli Broad. Oggi, la scultura appartiene al Broad di Downtown Los Angeles. Le altre due copie di Michael Jackson and Bubbles sono conservate al Museum of Modern Art di San Francisco e allAstrup Fearnley Museum of Modern Art di Oslo.

The Daily Telegraph ha riportato nellagosto 2009 che Bubbles avrebbe pubblicato un "racconto per tutti" sul suo periodo trascorso con Michael Jackson. Il libro, intitolato Bubbles: My Secret Diary, From Swaziland to Neverland, è in realtà stato scritto dal giornalista John Blake, e documenta in modo fittizio gli "aspetti più oscuri" della vita di Bubbles, inclusa una "dipendenza da banane da 2000 dollari al giorno, depressione, conquiste romantiche e sic di una rivalità viziosa con la stella di Tarzan Cheeta". La "raccolta di voci molto personali e oneste del diario di Bubbles" è stata pubblicata nellottobre 2009. Blake ha dichiarato: