Топ-100
Indietro

ⓘ Athletic Club Sparta Praha fotbal 2017-2018. Andrea Stramaccioni è chiamato alla guida tecnica dello Sparta Praga, voluto dallimprenditore ceco Daniel Křetínský ..




                                     

ⓘ Athletic Club Sparta Praha fotbal 2017-2018

Andrea Stramaccioni è chiamato alla guida tecnica dello Sparta Praga, voluto dallimprenditore ceco Daniel Křetínský, nuovo presidente della squadra: diviene il primo allenatore italiano della storia del club. La squadra subisce una rivoluzione interna, escludendo dallorganico una dozzina di elementi cechi e favorendo linserimento di calciatori stranieri – tra cui Jonathan Biabiany, esterno già allenato dal tecnico ai tempi dellInter – al fine di puntare alla vittoria del campionato dopo un periodo difficile di insuccessi. Stramaccioni non parte bene né in campionato né in coppa – escluso subito dal Baník Ostrava ai rigori –, uscendo immediatamente anche dallEuropa League, sconfitto dai serbi della Stella Rossa 3-0.

Le difficoltà riscontrate dallallenatore italiano in terra boema a inizio stagione, causate anche dalle prestazioni negative e deludenti di molti rinforzi arrivati in estate, sembrano risolversi con larrivo dei nuovi acquisti nel mercato invernale, tuttavia con lapprodo a gennaio di Zdeněk Ščasný nel ruolo di direttore sportivo, Biabiany è messo fuori rosa e nella primavera del 2018 lo Sparta Praga lo licenzia dallincarico proprio in seguito a una lite con Ščasný al termine di una partita contro lo Zbrojovka Brno, causata dallintromissione del ds nei dettami tattici chiesti da Stramaccioni.

Pavel Hapal rileva lincarico di Stramaccioni e traghetta la società fino al quinto posto finale in campionato, peggior risultato nella storia dello Sparta Praga nel campionato ceco e peggior risultato negli ultimi trentasei anni.

                                     

1. Calciomercato

A differenza degli anni precedenti, con larrivo della nuova presidenza, lo Sparta Praga si muove aggressivamente sul mercato, puntando su giovani promettenti provenienti da società di diversi paesi europei.

Sono acquistati Biabiany in prestito dallInter, Dubravka a zero dallo Slovan Liberec, Mavuba a parametro zero dal Lilla, Janko a zero dal Basilea, Vukadinovic dal Fastav Zlín per € 0.6 milioni, Civic dallo Slovácko per € 0.8 milioni, Stetina dal Dukla Praga in cambio di un milione di euro, Mandjeck dal Metz per € 1.3 milioni, Nita dal FCSB per € 1.35 milioni, Kaya dal Galatasaray per una cifra pari a due milioni di euro, Ben Haim per 2.9 milioni di euro dal Maccabi Tel Aviv, Stanciu dallAnderlecht in cambio di € 3.75 milioni, Kanga e Plavšić arrivati dalla Stella Rossa rispettivamente per 1 e 1.3 milioni di euro.

Lasciano il club i portieri Marek Štěch in prestito gratuito al Luton Town, quarta divisione inglese, Tomáš Koubek al Rennes per € 3 milioni e Martin Dúbravka in prestito oneroso in Premier League, al Newcastle Utd per € 2 milioni, oltre a Ondřej Mazuch allHull City in cambio di € 2 milioni, Vjačeslav Karavaev al Vitesse per un milione e mezzo di euro e Aleš Čermák al Viktoria Plzeň per € 1.000.000.

Secondo altre fonti, il trequartista rumeno Stanciu sarebbe arrivato per la cifra di 4.6 milioni di euro, un record per il calcio in Repubblica Ceca.